Ultima modifica:04.02.08

 

HOME

HOMEold

ARCHIVIO

 

 

FOTO AVVENIMENTI 2008 - 2007 - 2006

 
 
CENATE SOTTO, febbraio 2008
 
 
 
 

NEO ARCHITETTURA RURALE

 

TRADITIONAL

 

SAN PAOLO D'ARGON STORIA

 

MONASTERO DI SAN PAOLO D'ARGON

 

 

 

San Paolo d'Argon

Parco Locale di Interesse Sovracomunale (Plis) delle Valli d'Argon

Dossier e nota

 

Scheda. Si rimanda a quella del sito della Amministrazione Provinciale di Bergamo. Qui

Dossier

* "La collina da difendere. Tutta" (dicembre 2004) Il nostro depliant che illustra la petizione per estendere il Plis a tutte le aree agricole pedecollinari a nord del centro abitato di San Paolo d'Argon. Qui

* L'Alternativa, "Notiziario", marzo 2005 (sui risultati della petizione per l'estensione del Plis a San Paolo d'Argon). Qui

* "Enclosures", Archivio fotografico (pagina web in costruzione). Qui

* "Boschi" (foto, pagina web in costruzione). Qui

* "Neo architettura rurale" (pagina web in costruzione). Qui

* Piano integrato Cascina Casocc, alcune note (pagine web). Qui

* L'abbattimento di Cascina Pincì. Qui

* Accordo di Programma per il restauro del Monastero di San Paolo d'Argon. Dossier. Qui

* Cascina Fontanino. Agonia di antico edificio rurale. Qui

 

Nota

Rispetto alla proposta originaria l'estensione del Parco, lungo l'iter di approvazione degli anni scorsi, risulta ridotta da 735 ettari a 549. Le rispettive Amministrazioni comunali hanno così modificato le proprie superfici da "proteggere" a Parco: Albano Sant'Alessandro ha mantenuto i 202 ettari indicati inizialmente, San Paolo d'Argon e Torre de' Roveri hanno invece incrementato le superfici destinate a Plis (rispettivamente: da 106 a 120 ettari, da 167 a 270). Drastica invece la riduzione (da 260 ettari a soli 60) adottata dal Comune di Cenate Sotto, che ha escluso dal Plis praticamente tutta la Valle dei Brugaletti.(Nelle cifre i conti non quadrano del tutto - aritmeticamente - ma non è colpa nostra...)

Il gruppo L'Alternativa tra il 2004 e il 2005 sostenne con forza la necessità di inserire nel Parco tutte le aree agricole pedecollinari di San Paolo d'Argon nonché il Monastero benedettino, promuovendo una petizione che raccolse oltre 120 firme.

La proposta venne accolta, ma molto parzialmente: l'estensione del Plis nel territorio di San Paolo d'Argon è stata incrementata solo delle aree pedecollinari poste ad est, escludendo quelle ad ovest di via Madonna d'Argon, il Monastero Benedettino e una porzione di collina nella zona di Via del Vago.

L'esclusione del Monastero venne motivata dalla maggioranza consiliare con la scelta di non interferire con l'Accordo di Programma, che si stava allora preparando e che poi si è concretizzato con il progetto di trasformarlo (soprattutto) in un grande albergo-ristorante!

Quanto alla porzione collinare esclusa dal Plis in Via del Vago, anche in questo caso non si voleva interferire con il Piano integrato della Cascina Casocc, che prevedeva l'abbattimento dello scempio costruito negli anni '60 e '70 per trasferirlo - sotto forma di villette a schiera - più in basso e in modo non meno devastante (secondo noi).

Per il resto, cioè per le altre aree pedecollinari verso ovest, l'Amministrazione comunale ha pensato bene di non "interferire" con le aspettative edificatorie, così diffuse e così potenti elettoralmente.

Con le normative presenti nel Piano regolatore di San Paolo d'Argon, d'altro canto, sono aperti non pochi rischi rispetto ad un corretto uso del territorio e del recupero degli edifici storici esistenti, come ha dimostrato non molto tempo fa la vicenda di Cascina Pincì.

Anche a San Paolo d'Argon il Plis potrebbe essere un'altra occasione mancata. Solo con la partecipazione popolare e con una costante iniziativa dal basso sarà possibile - come pure in parte è avvenuto nel 2004-2005 - fare del Parco una realtà viva, importante, in grado di riorientare lo sviluppo e l'equilibrio del territorio.

E questo è il nostro impegno. (13.05.07)


INFO

(03.02.08) CENATE SOTTO UNA SCONCERTANTE CEMENTIFICAZIONE ALL'INTERNO DEL PLIS E' un percorso ciclo-pedonale largo oltre due metri, in cemento armato, con escavazioni e alberi tagliati e sradicati, nel bosco a nord di Argon, nel territorio del Plis delle Valli d'Argon. Scheda e foto: Qui

(27-28.10.07) PLIS VALLI D'ARGON. FESTA AGRO-SILVO-PASTORALE, con castagnate, musica e spettacoli, tra chiesette, cascine, radure e depliant patinati. La "due giorni" per il Parco locale si apre sabato 27 a Cenate, nel nuovo Palaincontro, con le scuole elementari e medie. Proprio l'Amm. Com. di Cenate Sotto l'anno scorso aveva provveduto a ridurre da 260 a soli 60 ettari la superficie comunale da inserire nel parco intercomunale; da tempo inoltre vorrebbe anche urbanizzare l'area collinare sotto la cascina Le Veneziane. Queste cose bisogna pur ricordarle. Per la festa del Plis: qui

(19.05.07) SAN PAOLO D'ARGON. SI INAUGURA IL PLIS. E' il Parco Locale di Interesse Sovracomunale "delle Valli d'Argon", che sabato 19 presso il Monastero, in pompa magna, verrà presentato da tecnici, presidenti, assessori regionali e provinciali (centrodestra) e sindaci (misti), tra cui quello di Albano (Lega), al quale - proprio alla vigilia delle elezioni nel suo comune - è stata così data l'opportunità di uno spot elettorale gratuito e fuori programma.


L'Alternativa San Paolo d'Argon - contattaci

Counter