HOME

HOMEold

ARCHIVIO

Foto

 

L'ALTERNATIVA:

2010

2009 - 2008 - 2007

2006 - 2005 - 2004

2003 - 2002 - 2001

MAI-A-URE

2006 - 2004

 

febbraio 2011 (new)

gennaio 2011(new)

dicembre 2010 (new)

novembre 2010 (new)

ottobre 2010 (new)

settembre (new)

agosto 2010 (new)

luglio 2010 (new)

giugno 2010 (new)

maggio 2010 (new)

aprile 2010 (new)

marzo 2010 (new)

febbraio 2010 (new)

gennaio 2010 (new)

dicembre 2009 (new)

novembre 2009 (new)

ottobre 2009 (new)

settembre 2009 (new)

agosto 2009 (new)

luglio 2009 (new)

giugno 2009 (new)

maggio 2009 (new)

aprile 2009 (new)

marzo 2009 (new)

febbraio 2009 (new)

gennaio 2009 (new)

dicembre 2008 (new)

novembre 2008 (new)

ottobre 2008 (new)

settembre 2008

agosto 2008

luglio 2008

giugno 2008

 


mail: alternainsieme@yahoo.it



Agosto 2010

 

luglio 2010


"Gli affari con Gheddafi li hanno fatti tutti i governi. Ora, almeno sull'immigrazione, c'è una reale collaborazione"

(La Padania, 31.08.10)


(27.08.10) SAN PAOLO D'ARGON

L'INGOMBRANTE MOLE DEL NUOVO ORATORIO IN COSTRUZIONE

... davanti al Monastero cinquecentesco

Foto: qui; archivio: qui


(28.08.10) PALOSCO MULTA ANCHE AL FRATELLO DELL'IMMIGRATO A CUI E' STATA NEGATA LA RESIDENZA Dopo i 400 e passa euro di multa notificati ai referenti del nostro sito (qui), il Comune ha comminato una sanzione di 325 euro anche al fratello per non aver dichiarato la presenza di una persona in casa entro 48 ore dal suo ingresso! In realtà la dichiarazione il fratello l'aveva rilasciata subito dopo che il Comune aveva comunicato con raccomandata il rifiuto della richiesta di residenza. “La dichiarazione di ospitalità non è stata presentata in precedenza dal pakistano – spiega Mirco Rota, segretario generale della Fiom-Cgil – perché il fratello aveva fatto richiesta di iscrizione della quale riteneva di avere il diritto”. Diritto che è stato riconosciuto anche dal dipartimento per le Pari Opportunità. C'è davvero della cattiveria in giro. BergamoNews 28.08.10: qui. L'Eco di Bg 29.08.10: qui

Le nostre precedenti info: qui


 

 

 

(luglio 2010) GORLAGO

IMMAGINI DAL CENTRO STORICO

 

Foto: qui


 

(27.08.10) CHE COS'E' LA TESSERA DEL TIFOSO

Nel video una presentazione equilibrata delle problematiche e del businness connesso alla "tessera del tifoso", oggetto della protesta clamorosa di mercoledì 25 agosto alla Berghenm Fest della Lega Norda ad Alzano Lombardo contro il ministro Maroni (cfr. qui). Si tratta del servizio a cura di Gianmarco Morosini andato in onda nel novembre scorso sulla TV di Stato di San Marino, con interviste all'Avv. Adami e ad esponenti della Curva Est di Rimini.


 

 

 

Lev Davidovic Bronštejn "Trockij"

Janovka, 7 novembre 1879 – Città del Messico, 21 agosto 1940


(17.08.10) UNIONE INQUILINI BERGAMOFERMIAMO GLI SFRATTI! Stanno crescendo in misura esponenziale; colpiscono non solo le famiglie degli stranieri ma anche tante famiglie italiane. Il lavoro manca e sempre di più sono i disoccupati; i soldi della cassa integrazione sono pochi; per di più finiscono. Per tante famiglie, se si paga l'affitto, non resta più niente per mangiare. Presto arriva l'ingiunzione del tribunale con tutto quello che ne consegue fino all'esecuzione dello sfratto: anche con l'intervento delle forze dell'ordine! E' un dramma sociale che colpisce in modo diffuso e selvaggio la nostra provincia, senza che l'opinione pubblica ne abbia ancora ancora una corretta percezione. Gli Enti Locali o se ne fregano o non sanno che pesci pigliare. Il Governo per parte sua è accorso in aiuto... della proprietà, tagliando le tasse ("cedolare secca") ai proprietari favorendo quelli più ricchi e con più appartamenti! Per gli sfrattati e per i diritto alla casa: niente di niente. Occorre promuovere la resistenza a fianco di chi è sfrattato.

  • L'Unione Inquilini offre assistenza sindacale e legale; è impegnata a promuovere azioni concrete di solidarietà e difesa nei confronti di chi è sfrattato. Info: tel. 339.7728683; unioneinquilini.bg@tele2.it
  • Volantino: italiano - inglese - arabo. Le nostre precedenti info: qui
  • Documenti. Manuale antisfratto (a cura Rete Contro la Crisi): qui

VENERDI 20 AGOSTO. Spazio spettacoli, ore 21: “Mr FEEDBACK” Led Zeppelin Tribute band

Spazio dibattiti, ore 21: “Lombardia terra di mafia. Verso il forum sociale antimafia del Nord e la manifestazione del 25 settembre a Ponteranica in difesa della memoria di Peppino Impastato” Incontro dibattito. Introduce e coordina: Maurizio COLLEONI
(Prc Bergamo); intervengono Franco DE PASQUALE (Tavola della Pace Valle Brembana), Marco FRACETI (responsabile politiche anti-mafia Prc-Lombardia), Matteo GADDI (responsabile dipartimento Nord - Prc)


(16.08.10) PALOSCO DELL'IMPARZIALITA' DEI VIGILI DI PALOSCO E DELLA LORO AMMINISTRAZIONE COMUNALE Dopo poche ore hanno notato e multato nei giorni scorsi i volantini di dissenso per la mancata concessione della residenza ad un immigrato da parte dell'Amministrazione comunale leghista (erano solo alcuni volantini "cartacei" appesi qua e là con con lo scotch nel centro del paese e presto rimossi o caduti con le piogge: cfr. qui). Però i vigili di Palosco e la loro amministrazione comunale sembra non abbiano ancora notato i molteplici adesivi leghisti apposti sulla segnaletica locale sulla quale si trovano da mesi o forse più e dalla quale nemmeno vengono rimossi. Forse che per questi - ai sensi del Codice della strada etc. - "sono state chieste e ottenute le prescritte autorizzazioni dell'Ente proprietario della strada che risulta essere il Comune di Palosco"? Sono solo i volantini antirazzisti "a creare confusione nella segnaletica (sic!), fuori dagli spazi appositamente destinati alla loro collocazione"? Quelli della Lega no? E per di più quelli leghisti sono appiccicati non solo sui pali ma anche - direttamente - sui cartelli della segnaletica! Ci sono diversi adesivi che risalgono alle ultime campagne elettorali (durante le quali, come è noto, le norme sono molto più severe!), con ben in vista nome e foto del candidato reclamizzato (il leghista Volpi): quante multe ha ricevuto questo signore?

Le foto: qui. Le nostre precedenti info: qui


(12.08.10) COSTA DI MEZZATE CHE GUSTO C'E' A NASCONDERE UNA SPLENDIDA TORRE MEDIEVALE E LASCIARLA ANDARE IN MALORA?

E' la torre che si trova sulla vetta del colle di San Giorgio, nel punto più alto (mt. 330) del sistema di fortificazioni medievali che facevano capo al Castello di Cosdta di Mezzate, di cui certamente costituisce uno degli elementi originari e più antichi. Per quanto alta, la torrre risulta completamente avvolta dalla vegetazione, alberi, rovi e sterpaglie. Dopo essere stata ben visibile per secoli, come monito possente di fronte a tutta la pianura Padana, ora per poter intravedere la torre bisogna inoltrarsi tra la fitta vegetazione fino quasi a sbatterci contro il naso. Da molto tempo privo di qualsiasi copertura, l'edificio - sbrecciato sull'angolo di nord-ovest - si trova in uno stato di degrado miserevole, insieme alle altre strutture murarie di contorno, invase anch'esse e quasi sgretolate da rovi, alberi ed arbusti che vi allignano prosperosi. Ci chiediamo per quanto ancora debba continuare questo scempio. E ci chiediamo di chi siano le responsabilità istituzionali di questa mancata salvaguardia del patrimonio storico, senz'altro da ritenere una grave quanto stupida inadempienza.

  • Di seguito alcune foto che siamo riusciti a scattare in questi giorni, insieme a quelle fatte nel 1997, quando almeno si riusciva a intravedere qualcosa dal costone del colle. FOTO: QUI

(24.08.10). Una breve scheda sul "castrum de Mezate": qui

(11.08.10) Anche alla commemorazione di ieri, la 14a da quando è scomparso il nostro compagno e amico On. Giuseppe Brighenti, c'erano più persone di quanto ci saremmo aspettati. Abbiamo parlato della Resistenza e della necessità di reagire a quanto sta succedendo nel nostro Paese: per tenere alta la memoria di quanti si sono sacrificati per la libertà, la pace e la giustizia. Foto: QUI


(10.08.10) ENDINE. PER RICORDARE IL PARTIGIANO "BRACH" E LA RESISTENZA. Nel 14° anniversario della scomparsa, alle ore 10 di martedì 10 agosto, al cimitero di Endine, verrà ricordato il compagno On. GIUSEPPE BRIGHENTI (1924-1996), partigiano della 53a Brigata Garibaldi.

Comunicato dell'Anpi di Endine: qui. Su Giuseppe Brighenti: qui


(08.08.10) BAGNATICA I RUDERI DEL TOMENONE

La sommità della collina (mt.377) a sud di San Paolo d'Argon, con la sua storia e la sua preistoriam nelle foto che abbiamo scattato domenica 8 agosto e nella scheda storica: qui


(08.08.10) COSTA DI MEZZATE LA TORRE DEL CASTELLO Foto: qui


(07.08.10) STORIA LE RADICI DELL'EUROPA “Le città della Vecchia Europa erano situate in luoghi che spiccano per la loro bellezza, l’abbondanza d’acqua e il terreno di buona qualità. (…) Erano prive di strutture di difesa, perché si trattava di una cultura di gente essenzialmente pacifica, più amante dell’arte che della guerra, che non disponeva né di grandi fortificazioni né di armi. (…) Benché la Vecchia Europa possedesse un’economia e una struttura tipicamente agricole, i suoi abitanti possedevano animali domestici, principalmente pecore, capre e maiali. Nessun indizio archeologico suggerisce che la Vecchia Europa conoscesse una divisione in classi tra governanti e governati o tra padroni e lavoratori. (…) Quella fu veramente l’epoca della donna. In sintonia con la concezione degli dei e degli esseri sovrannaturali, la società della Vecchia Europa era matriarcale. La donna occupava un ruolo centrale. (…) La donna sceglieva liberamente il marito, o meglio i mariti. Il concetto di adulterio, che nelle società patriarcali obbedisce alla necessità di garantire la purezza della successione per via paterna, non esisteva, come non esisteva un punizione per esso. Neanche la verginità era un valore. (…) Il V millennio a.C. rappresentà il momento di massimo splendore della civiltà della Vecchai Europa”. (F. Villar, Gli Indoeuroepi e l’origine dell’Europa”, Il Milino 1997 - rist. 2009) Poi cominciarono ad arrivare (cominciammo ad arrivare!) gli Indoeuropei.


(07.08.10) GANDOSSO E’ UNA FESTA DEL PD, MA C’E’ LA BANDIERA DEL “CHE”! Prima sera, ma i tavoli già quasi tutti occupati. Per primo ci saluta calorosamente un nostro compaesano tarsferitosi a Gandosso 25 anni fa. Ci dice che quella è una festa “comunista” e il paese di Gandosso è sempre comunista anche se le ultime elezioni le ha vinte la Lega. La gente ai tavoli ci sembra tutta del paese, giovani, anziani, famiglie; gli sguardi sono di quelli che non escludono e difatti al nostro tavolo si susseguono a conversare gandossesi conosciuti superficialmente in varie occasioni. Uno ci ragguaglia delle ultime spiacevoli vicende amministrative, un altro ci ricorda come affetto e ammirazione il mitico sindaco comunista Maffi, un terzo invece ci informa dettagliatamente della qualità dei vini nelle varie feste della zone nonché nelle mescite popolari, Arci o Acli, del territorio. Una gradevole serata da festa comunista, con le bandiere del Pd, ma al centro c'è quella del Che. La festa a Gandosso dura fino al giorno di Ferragosto.


(04.08.10) REGIONE LOMBARDIA PRESIDIO E "MAILBOMBING" CONTRO IL PROGETTO DI LEGGE REGIONALE CHE PRIVATIZZA L'ACQUA Il 5 agosto (approfittando della "distrazione" delle vacanze) la Giunta Regionale della Lombardia intende approvare un Progetto di Legge sulla gestione dell'acqua, in applicazione del Decreto Ronchi, lo stesso di cui si chiede l'abrogazione attraverso il Referendum nazionale che ha raccolto 1 milione e 400 mila firme in Italia, di cui ben 237 mila in Lombardia. La Giunta Regionale vuole dunque consegnare subito ai privati la gestione dell'acqua, espropriando per di più i comuni del potere di decidere.

  • A Milano, davanti al Pirellone, quest'oggi 4 agosto ore 17: PRESIDIO indetto dal "Coordinamento Regionale Lombardo dei Comitati per l'Acqua Pubblica". [Per saperne di più cfr lucianomuhlbauer.it: qui]
  • Da parte nostra abbiamo partecipato e invitiamo a partecipare al "MAILBOMBING" nei confronti del presidente Formigoni e degli assessori regionali (il testo e gli indirizzi a cui inviarlo sono in ricrearea.it: qui)

(05.08.10) MILANO "SVENTATO IL BLITZ DI AGOSTO" Riuscito e partecipato il presidio di ieri davanti al Pirellone. La Giunta regionale quest'oggi si limita ad una "comunicazione". Cfr. Repubblica 05.08.10: qui, e foto: qui


(03.08.10) INDESIT OGGI INTERROTTE LE TRATTATIVE. RAFFORZIAMO IL PRESIDIO DEI LAVORATORI! La controparte (cioè il padrone "democratico" Merloni che vuole smantellare tutto e liquidare 430 posti di lavoro della fabbrica di Brembate Sopra) ha preso oggi a pretesto proprio il presidio per interrompere le trattative. Perché lo disturba tanto? Di questo presidio che è in corso per iniziativa dei lavoratori, ce ne sentiamo parte ancor di più e ci impegniamo anche noi a portare il nostro contributo. Cfr. Ansa 03.08.10: qui. Le nostre precedenti info: qui

 

 

Archivio Fotografico - San Paolo d'Argon qui

 
Archivio Fotografico - Avvenimenti 2009 qui

 


L'Alternativa San Paolo d'Argon - contattaci