(18.02.17) GANDOSSO. CENA DI AUTO-FINANZIAMENTO DEI COMUNISTI DI VALCAVALLINA E VALCALEPIO

* Sabato 18 febbraio, ore 19.30, c/o Circolo ARCI di Gandosso in via Avis 12 (salendo da Villongo, appena entrati nell’abitato di Gandosso, sulla sinistra seguendo le indicazioni campo sportivo)

Menù autoprodotto (vegetariano o carnivoro), buon vino, prezzi accessibili. Contribuisci anche tu ad arricchire il menù.

Sottoscrizione libera (”da ciascuno secondo le sue possibilità, a ciascuno secondo le sue necessità”) Il ricavato sarà destinato al sostegno delle attività dello Sportello Sociale di Castelli Calepio.

Per motivi organizzativi si pregano compagne e compagni di confermare la partecipazione, nonché la disponibilità a preparare parti del menù, entro e non oltre mercoledì 15
febbraio, telefonando a Claudio Sala (cell. 333.8737525) oppure a Maurizio Mazzucchetti (cell. 3389759975)

* Per l’occasione saranno disponibili, per chi vuole iscriversi a Rifondazione Comunista, le tessere 2017, che potete comunque richiedere a Claudio Sala (Circolo Valcalepio) o Maurizio Mazzucchetti (Circolo Valcavallina)

* Si ricorda che è in pieno svolgimento in queste settimane il X Congresso del Partito che si concluderà a Spoleto il 31 marzo-2 aprile.

* Il Congresso del Circolo Valcavallina si terrà domenica 5 marzo dalle ore 9.00  a San Paolo d’Argon presso la sala della Biblioteca Comunale; la data di quello del Circolo Valcalepio verrà comunicata a breve. Tutti i materiali per il Congresso sono consultabili e scaricabili in www.prcbergamo.it (qui)

Locandina: QUI


(23.12.16) BERZO SAN FERMO. ECCO COSA SUCCEDE SE VAI A BERTI DEL VINO AL BAR DEL TUO PAESE E TI RITROVI AD ASCOLTARE SLOGAN FASCISTI DA PARTE DI PICCOLI DECEREBRATI

Guance gonfie e rosse e occhi fuori dalle orbite più per l’ignoranza che per la sbornia chiaramente accentuata da una grande capacità interpretativa di caproni senza cultura. Per ubriacarsi ci vuole sempre della classe, l’ebbrezza è arte e se a fine serata ci si mette ad urlare a modalità grugnito maiale insulti infami del tipo “porco Allah” non si è dei fighi ubriachi, si è semplicemente dei coglioni di merda. E pure anche un po’ ridicoli dato che al forte senso di appartenenza contro Allah si pensa bene di aggiungerci, nel finale, un Porco Dio e un Dio cane più volte rivendicati in segno di grandezza personale. Alcuni giovincelli di Berzo hanno un’idea ben precisa del galateo, abituati ad ispirarsi a dignitose pratiche tradizionalmente cavernicole, meritevoli di conferire buona immagine e dignità: alla presenza di un pubblico formato da femmine, è quindi usanza che qualcheduno apra la sua coda da pavone alzando il braccio destro e gridando “Dux!Dux!” con la stessa convinzione di un fedele che dice l’Ave Maria.
Ora, oltre al profondo senso di schifo nei loro confronti e alla mia assoluta certezza che le ramanzine oramai non servano più e che dovrebbero dar spazio, qualche volta, a vere e proprie randellate, mi auguro che la prossima volta i gestori di questo bar anziché mettersi a filmare siparietti del genere, in primo luogo smettano di dar da bere a questi ragazzotti –soffro nel vedere alcol sprecato- ed in secondo luogo caccino via a calci in culo elementi del genere da un luogo che è pubblico e che, in quanto tale, dovrebbe rispettare la dignità umana.
Non è più tempo per lasciar passare le cose, soprattutto quando rivendicazioni del genere spuntano dalla bocca di ragazzotti che del mondo non conoscono un accidente. Mi auguro che gli stessi gestori e l’amministrazione comunale agiscano con le modalità che i loro ruoli nella società richiedono: e non con un telefonino in mano o facendo finta di niente.
Ecchecazzo.
(23.12.16 - Berzo San Fermo - Myrna Cambianica)


(22.12.16) BORGO DI TERZO. “CON IL NO ABBBIAMO DIFESO LA COSTITUZIONE: ORA LOTTIAMO PER APPLICARLA”

* Incontro del Circolo di Rifondazione Comunista - Valcavallina: valutazione dei risultati referendari,  prospettive e iniziativa politica. Interviene Francesco Macario - segretario provinciale Prc

* Borgo di Terzo, giovedì 22 dicembre, alle ore 21.00, presso le sede di Rifondazione Comunista in via Rivolta 1

Come introduzione alla discussione, riportiamo il documento conclusivo dell’Assemblea “Ricominciamo dal NO(i)” che si è tenuta a Roma l’11 dicembre scorso.

Come promotori e partecipanti agli incontri di “politica in comune”, in occasione dell’assemblea nazionale dell’11 dicembre a Roma, riaffermiamo la necessità di far dialogare e unire tutte le forze che a sinistra hanno contribuito alla straordinaria vittoria del No alla revisione costituzionale proposta dal governo Renzi.
Questa vittoria deve spingerci a far maturare nel nostro paese un profondo cambiamento politico, economico e sociale, che dia rappresentanza alle tante domande presenti nella società per la giustizia, la democrazia, il lavoro, i diritti sociali, la salvaguardia dell’ambiente, un’economica sostenibile. La Costituzione ora deve essere attuata compiutamente; e anzi il suo orientamento ideale rappresenta per noi l’indirizzo politico-programmatico di una nuova stagione della sinistra.
Dopo anni di separazione tra paese e istituzioni, società e politica riteniamo si debba andare alle elezioni generali con una legge elettorale che non può non avere un impianto proporzionale, in grado di dare effettiva rappresentanza a tutti gli orientamenti e sensibilità presenti nella società italiana, oltreché in contrasto con lo schiacciamento maggioritario del sistema politico, di cui sono evidenti i danni prodotti. Starà poi a noi lavorare a costruire, con il metodo della “politica in comune”, un’alternativa politica a tutte le forze neo-liberiste, Partito democratico compreso.
Serve una politica capace di valorizzare la dimensione democratico-partecipativa nelle comunità locali, attraverso il sostegno alle tante liste civiche che si sono misurate nelle diverse elezioni amministrative che si sono succedute, e il protagonismo sociale e culturale che si esprime in associazioni, movimenti, civismo, nei loro conflitti, nelle loro campagne. Il tutto con il decisivo contributo di una rinnovata e non autoreferenziale sinistra politica, capace di superare la frammentarietà organizzativa, la subalternità politica, le chiusure ideologiche.
Noi vogliamo dare un contributo alla costruzione di uno spazio aperto e inclusivo, plurale e cooperativo, dove ciascuno, ciascuna possano fare la propria parte per costruire una nuova stagione di cambiamento.
E per questo c’impegniamo a lavorare per realizzare tre obiettivi:

*   La costruzione di una proposta legata al “metodo” che deve essere alla base di quello spazio politico che intendiamo offrire. La forma è importante quanto il contenuto, le pratiche significative quanto i programmi, i comportamenti quanto i documenti. Bisogna mettere al bando derive autoreferenziali e politiciste per dar vita a forme e procedure partecipative, che incidano in modo radicalmente nuovo sul come si sta insieme, su come si decide, su come si formano nuove soggettività dal basso verso l’alto, forme e procedure non schiacciate su schieramenti, posizionamenti, assetti. Ciò significa inoltre riconoscere e valorizzare la pari dignità delle diverse forme della politica presenti a sinistra, che insieme si sono impegnate, ciascuna con un proprio ruolo, nella battaglia referendaria, e che possono allo stesso modo costruire una sinistra larga e plurale, un campo della trasformazione, in grado di misurarsi in modo innovativo con le prossime scadenze elettorali. E su questi temi c’impegniamo infine a promuovere un’assemblea nazionale entro gennaio, invitando le realtà locali a organizzare iniziative in preparazione di quest’appuntamento centrale.

*   Il contributo alla vittoria nei prossimi appuntamenti politici e sociali contro le politiche neo-liberiste attuate in questi anni. Proprio perché per noi la sinistra o è sociale o non è e la politica o è cambiamento sociale o non è, si svolgano o meno nel 2017 le elezioni politiche, chiediamo che si possano celebrare i referendum sul lavoro, su cui la Cgil ha raccolto più di tre milioni di firme. Ci impegniamo altresì a contribuire alla costituzione di Comitati per il Sì per sostenere la prossima campagna referendaria.

*   Il prosieguo del nostro percorso di “politica in comune”, attraverso un rafforzamento della comunicazione e della collaborazione tra le nostre realtà e allargando l’ambito del lavoro e delle iniziative fin qui svolte, attraverso un collegamento organico con le esperienze che si ritroveranno il prossimo 18 dicembre a Bologna, con le quali condividiamo il percorso politico e culturale, i temi del confronto e la domanda di un cambiamento radicale. Rivolgiamo pertanto ai promotori dell’iniziativa bolognese l’invito a incontrarci e continuare il nostro lavoro insieme

Rifondazione Comunista - Circolo della Valcavallina. Per comunicazioni: tel. 3389759975


(27.11.16) TRESCORE BALNEARIO. IN PIAZZA PER IL NO ALLA MANOMISSIONE DELLA COSTITUZIONE NATA DALLA RESISTENZA

* In Piazza Cavour domenica 27 novembre dalle ore 14.30 alle ore 17.00 musica con I RUSTIES

* Ore 15.30: comizio di MAURO MAGISTRATI, presidente dell’Anpi provinciale di Bergamo

Locandina da diffondere: QUI

Il 4 dicembre vota NO

A cura dei Comitati per il NO alle modifiche costituzionali della Valcavallina e della Valcalepio e delle Sezioni Anpi Valcavallina-Valcalepio ed Endine Gaiano. Per comunicazioni: v.cavallinavotano@yahoo.com oppure ai tel. 3389759975 (maurizio m.) e 3332579937 (aldo v.)


(21.11.16) BORGO DI TERZO. UN APPELLO PER IL NO AL REFERENDUM DEL 4 DICEMBRE

Referendum sulla riforma costituzionale

Il prossimo 4 dicembre dovremo esprimerci sulla riforma della Costituzione.

Il referendum è confermativo della riforma e senza quorum: prevale la maggioranza tra i favorevoli alla riforma (SI) ed i contrari (NO).

E’ un momento molto importante di partecipazione alla vita pubblica perché la Costituzione è la legge fondamentale della Repubblica Italiana alla quale devono conformarsi tutte le altre disposizioni normative.

Nel merito della riforma esprimo le seguenti considerazioni:

* il bicameralismo non viene superato perché il Senato esisterà ancora e continuerà ad operare;

* viene ridotto a cento il numero dei Senatori che verranno scelti tra i Consiglieri regionali ed i Sindaci;

* non capisco come un Consigliere regionale possa svolgere il suo ruolo istituzionale in Regione ed in contemporanea partecipare alle Commissioni senatoriali a Roma;

* non viene esplicitato come gli elettori sceglieranno i Senatori;

* i costi del Senato permangono e vengono ridotti solo di un quinto;

* il numero dei Deputati (oltre 600) ed i costi della Camera non vengono ridotti;

* produce semplificazioni solo apparenti perché aumenta a dieci le tipologie di procedimenti legislativi;

* ritornano in capo esclusivo allo Stato competenze importanti, prima coordinate con le Regioni, quali l’ambiente, i trasporti, la produzione e la distribuzione d’energia e le politiche per l’occupazione;

* aumenta il divario con le Regioni a statuto speciale per le quali nulla cambia;

* viene abolito il Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro, ente di supporto per la programmazione delle politiche pubbliche dello sviluppo e del lavoro, senza individuare alternative e lasciando carta bianca al libero mercato ed alla finanza;

* vengono abolite, in nome del risparmio, le Province con grosse preoccupazioni per le manutenzioni delle strade provinciali e delle scuole superiori.

Per le considerazioni sopra esposte, preferisco proseguire nella quotidianità con la “nostra” Costituzione nata nel ‘47 dopo la Guerra di Liberazione e la scelta della Repubblica ed invito tutti i cittadini a votare NO al referendum. (Mauro Fadini*  Borgo di Terzo, 5 novembre 2016)

Volantino da scaricare: qui

* Mauro Fadini è stato sindaco di Borgo di  Terzo per due mandati, dal 2005 al 2015


(18-19-20.11.16) VALCAVALLINA (E DINTORNI). BANCHETTI E VOLANTINAGGI PER IL NO AL REFERENDUM DEL 4 DICEMBRE

* Albano Sant’Alessandro, venerdì  18 novembre, ore 9.00-12.00, al mercato

* Ranzanico al Lago, sabato 19 novembre, ore 9.00-12.00, in Piazza dei Caduti

* Gorlago, sabato 19 novembre, ore 9.00-12.00, al mercato (Piazza Gregis)

* Montello, domenica 20 novembre, dalle ore 9.00 alle ore 12.00 nella piazza davanti al municipio

* Monasterolo del Castello, domenica 20 novembre, dalle ore 9.00 alle ore 12.00 in Piazza IV Novembre

A cura del Comitato per il NO alle modifiche costituzionali - Zona Valcavallina. Per comunicazioni: v.cavallinavotano@yahoo.com oppure ai tel. 3389759975 (maurizio m.) e 3332579937 (aldo v.)


(27.11.16) TRESCORE BALNEARIO. FESTA E CONCERTO PER IL NO ALLA MANOMISSIONE DELLA COSTITUZIONE NATA DALLA RESISTENZA

* In Piazza Cavour domenica 27 novembre dalle ore 14.30 alle ore 17.00: I RUSTIES IN CONCERTO PER IL NO

* Ore 15.30: comizio di MAURO MAGISTRATI, presidente dell’Anpi provinciale di bergamo

Locandina da diffondere: QUI

Il 4 dicembre vota NO

A cura dei Comitati per il NO alle modifiche costituzionali della Valcavallina e della Valcalepio e delle Sezioni Anpi Valcavallina-Valcalepio ed Endine Gaiano. Per comunicazioni: v.cavallinavotano@yahoo.com oppure ai tel. 3389759975 (maurizio m.) e 3332579937 (aldo v.)


(16-17.11.16) CASAZZA. VOLANTINAGGIO PER IL NO e DIBATTITO

* Mercoledì 16 novembre, ore 9.00-12.00, banchetto e volantinaggio al mercato di Casazza a cura del Comitato per il NO - Valcavallina

* Giovedì 17 novembre ore 20.45 presso la Sala consiliare del Comune di Casazza, INCONTRO DIBATTITO con il prof. GIAN GABRIELE VERTOVA (del Comitato in difesa della Costituzione, sostenitore del NO) e MARIO BARBONI (consigliere regionale, sostenitore del SI). Locandina: qui

Info a cura a cura del Comitato per il NO alle modifiche costituzionali - Zona Valcavallina. Per comunicazioni: v.cavallinavotano@yahoo.com oppure ai tel. 3389759975 (maurizio m.) e 3332579937 (aldo v.)


(13.11.16) VALCAVALLINA. BANCHETTI E VOLANTINAGGI PER IL NO AL REFERENDUM DEL 4 DICEMBRE

* Entratico, domenica 13 novembre, ore 8.00-12.00, nella piazza davanti al Municipio

* Endine Gaiano, domenica 13 novembre, ore 9.00-12.30, in Via del Tonale (parcheggio davanti al Bar Diana)

* Spinone al Lago, domenica 13 novembre, ore 14.00-17.00, sul Longolago Marinai d’Italia

A cura del Comitato per il NO alle modifiche costituzionali - Zona Valcavallina. Per comunicazioni: v.cavallinavotano@yahoo.com oppure ai tel. 3389759975 (maurizio m.) e 3332579937 (aldo v.)


(06.11.16) SPINONE AL LAGO (bg). BANCHETTO E VOLANTINAGGIO PER IL NO AL REFERENDUM

* Domenica 6 novembre, ore 14.00-17.00 sul Lungolago Marinai d’Italia a Spinone al Lago


Pagina successiva »