(09.01.17) GORLE. NUOVO PRESIDIO ANTISFRATTO PER SALVARE  DONNA INCINTA E CON UNA FIGLIA PICCOLA

Unione Inquilini: “Questa mobilitazione non si sarebbe dovuta fare se il Comune di Gorle avesse applicato la legge sulla proroga degli sfratti per morosità incolpevole”

Lunedi 9 gennaio gli attivisti di Unione Inquilini si daranno appuntamento, a partire dalle ore 9,00 sotto la casa della famiglia di Khadija a Gorle, in via Gran Sasso d’Italia n° 5.
Khadija è madre di una bimba di 2 anni ed è in stato di gravidanza, il marito è disoccupato.
A causa dello stato di povertà entrambi non sono riusciti a pagare l’affitto dell’abitazione in cui vivono e immediatamente è partita la procedura di sfratto per morosità incolpevole.
Dopo diversi rinvii, lunedì 9 gennaio l’ufficiale giudiziario si recherà presso l’alloggio per sgomberare con l’ausilio delle forze di polizia. La colpa più grave di Khadija e del marito è di essersi illusi che il Comune non li avrebbero abbandonati, che sarebbero stati aiutati con qualche misura di sostegno, anche se solo limitata o temporanea. Speravano di evitare lo sfratto, perché da oltre alcuni anni vi è una legge che difende dallo sfratto forzoso. Quest’anno la sua applicazione obbliga i Comuni a sostenere i casi di “morosità incolpevole” con misure di accompagnamento sociale e di “graduazione” dello sfratto.
In altre parole, il comune di Gorle dovrebbe aiutare chi, come Khadija, non può più pagare l’affitto perché impoverito dalla crisi economica. In mancanza di questo aiuto, lo sfratto non deve essere eseguito, così come già previsto da diversi Prefetti in tutta Italia (Milano, Pisa, Livorno e altre province).
L’Unione Inquilini insiste: “Il Comune deve pubblicare i moduli per la richiesta del sostegno sociale per la “morosità incolpevole”, e quindi inviare al Prefetto l’elenco delle famiglie alle quali graduare lo sfratto come dettato dalla legge.
A causa del ritardo nell’applicazione della legge una famiglia rischia di finire in strada; per questo abbiamo deciso di mettere in campo la nostra legalità: lunedì mattina vogliamo impedire lo sgombero della famiglia. Chiediamo al Comune e al Prefetto di Bergamo la immediata sospensione degli sfratti sino alla corretta applicazione del contributo per la morosità incolpevole. (per info tel. 3345096230 - Davide)

Diritto alla casa, le nostre precedenti info: qui