(22.12.16) BORGO DI TERZO. “CON IL NO ABBBIAMO DIFESO LA COSTITUZIONE: ORA LOTTIAMO PER APPLICARLA”

* Incontro del Circolo di Rifondazione Comunista - Valcavallina: valutazione dei risultati referendari,  prospettive e iniziativa politica. Interviene Francesco Macario - segretario provinciale Prc

* Borgo di Terzo, giovedì 22 dicembre, alle ore 21.00, presso le sede di Rifondazione Comunista in via Rivolta 1

Come introduzione alla discussione, riportiamo il documento conclusivo dell’Assemblea “Ricominciamo dal NO(i)” che si è tenuta a Roma l’11 dicembre scorso.

Come promotori e partecipanti agli incontri di “politica in comune”, in occasione dell’assemblea nazionale dell’11 dicembre a Roma, riaffermiamo la necessità di far dialogare e unire tutte le forze che a sinistra hanno contribuito alla straordinaria vittoria del No alla revisione costituzionale proposta dal governo Renzi.
Questa vittoria deve spingerci a far maturare nel nostro paese un profondo cambiamento politico, economico e sociale, che dia rappresentanza alle tante domande presenti nella società per la giustizia, la democrazia, il lavoro, i diritti sociali, la salvaguardia dell’ambiente, un’economica sostenibile. La Costituzione ora deve essere attuata compiutamente; e anzi il suo orientamento ideale rappresenta per noi l’indirizzo politico-programmatico di una nuova stagione della sinistra.
Dopo anni di separazione tra paese e istituzioni, società e politica riteniamo si debba andare alle elezioni generali con una legge elettorale che non può non avere un impianto proporzionale, in grado di dare effettiva rappresentanza a tutti gli orientamenti e sensibilità presenti nella società italiana, oltreché in contrasto con lo schiacciamento maggioritario del sistema politico, di cui sono evidenti i danni prodotti. Starà poi a noi lavorare a costruire, con il metodo della “politica in comune”, un’alternativa politica a tutte le forze neo-liberiste, Partito democratico compreso.
Serve una politica capace di valorizzare la dimensione democratico-partecipativa nelle comunità locali, attraverso il sostegno alle tante liste civiche che si sono misurate nelle diverse elezioni amministrative che si sono succedute, e il protagonismo sociale e culturale che si esprime in associazioni, movimenti, civismo, nei loro conflitti, nelle loro campagne. Il tutto con il decisivo contributo di una rinnovata e non autoreferenziale sinistra politica, capace di superare la frammentarietà organizzativa, la subalternità politica, le chiusure ideologiche.
Noi vogliamo dare un contributo alla costruzione di uno spazio aperto e inclusivo, plurale e cooperativo, dove ciascuno, ciascuna possano fare la propria parte per costruire una nuova stagione di cambiamento.
E per questo c’impegniamo a lavorare per realizzare tre obiettivi:

*   La costruzione di una proposta legata al “metodo” che deve essere alla base di quello spazio politico che intendiamo offrire. La forma è importante quanto il contenuto, le pratiche significative quanto i programmi, i comportamenti quanto i documenti. Bisogna mettere al bando derive autoreferenziali e politiciste per dar vita a forme e procedure partecipative, che incidano in modo radicalmente nuovo sul come si sta insieme, su come si decide, su come si formano nuove soggettività dal basso verso l’alto, forme e procedure non schiacciate su schieramenti, posizionamenti, assetti. Ciò significa inoltre riconoscere e valorizzare la pari dignità delle diverse forme della politica presenti a sinistra, che insieme si sono impegnate, ciascuna con un proprio ruolo, nella battaglia referendaria, e che possono allo stesso modo costruire una sinistra larga e plurale, un campo della trasformazione, in grado di misurarsi in modo innovativo con le prossime scadenze elettorali. E su questi temi c’impegniamo infine a promuovere un’assemblea nazionale entro gennaio, invitando le realtà locali a organizzare iniziative in preparazione di quest’appuntamento centrale.

*   Il contributo alla vittoria nei prossimi appuntamenti politici e sociali contro le politiche neo-liberiste attuate in questi anni. Proprio perché per noi la sinistra o è sociale o non è e la politica o è cambiamento sociale o non è, si svolgano o meno nel 2017 le elezioni politiche, chiediamo che si possano celebrare i referendum sul lavoro, su cui la Cgil ha raccolto più di tre milioni di firme. Ci impegniamo altresì a contribuire alla costituzione di Comitati per il Sì per sostenere la prossima campagna referendaria.

*   Il prosieguo del nostro percorso di “politica in comune”, attraverso un rafforzamento della comunicazione e della collaborazione tra le nostre realtà e allargando l’ambito del lavoro e delle iniziative fin qui svolte, attraverso un collegamento organico con le esperienze che si ritroveranno il prossimo 18 dicembre a Bologna, con le quali condividiamo il percorso politico e culturale, i temi del confronto e la domanda di un cambiamento radicale. Rivolgiamo pertanto ai promotori dell’iniziativa bolognese l’invito a incontrarci e continuare il nostro lavoro insieme

Rifondazione Comunista - Circolo della Valcavallina. Per comunicazioni: tel. 3389759975


(21.11.16) BORGO DI TERZO. UN APPELLO PER IL NO AL REFERENDUM DEL 4 DICEMBRE

Referendum sulla riforma costituzionale

Il prossimo 4 dicembre dovremo esprimerci sulla riforma della Costituzione.

Il referendum è confermativo della riforma e senza quorum: prevale la maggioranza tra i favorevoli alla riforma (SI) ed i contrari (NO).

E’ un momento molto importante di partecipazione alla vita pubblica perché la Costituzione è la legge fondamentale della Repubblica Italiana alla quale devono conformarsi tutte le altre disposizioni normative.

Nel merito della riforma esprimo le seguenti considerazioni:

* il bicameralismo non viene superato perché il Senato esisterà ancora e continuerà ad operare;

* viene ridotto a cento il numero dei Senatori che verranno scelti tra i Consiglieri regionali ed i Sindaci;

* non capisco come un Consigliere regionale possa svolgere il suo ruolo istituzionale in Regione ed in contemporanea partecipare alle Commissioni senatoriali a Roma;

* non viene esplicitato come gli elettori sceglieranno i Senatori;

* i costi del Senato permangono e vengono ridotti solo di un quinto;

* il numero dei Deputati (oltre 600) ed i costi della Camera non vengono ridotti;

* produce semplificazioni solo apparenti perché aumenta a dieci le tipologie di procedimenti legislativi;

* ritornano in capo esclusivo allo Stato competenze importanti, prima coordinate con le Regioni, quali l’ambiente, i trasporti, la produzione e la distribuzione d’energia e le politiche per l’occupazione;

* aumenta il divario con le Regioni a statuto speciale per le quali nulla cambia;

* viene abolito il Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro, ente di supporto per la programmazione delle politiche pubbliche dello sviluppo e del lavoro, senza individuare alternative e lasciando carta bianca al libero mercato ed alla finanza;

* vengono abolite, in nome del risparmio, le Province con grosse preoccupazioni per le manutenzioni delle strade provinciali e delle scuole superiori.

Per le considerazioni sopra esposte, preferisco proseguire nella quotidianità con la “nostra” Costituzione nata nel ‘47 dopo la Guerra di Liberazione e la scelta della Repubblica ed invito tutti i cittadini a votare NO al referendum. (Mauro Fadini*  Borgo di Terzo, 5 novembre 2016)

Volantino da scaricare: qui

* Mauro Fadini è stato sindaco di Borgo di  Terzo per due mandati, dal 2005 al 2015


(06.11.16) BORGO DI TERZO (bg). BANCHETTO E VOLANTINAGGIO PER IL NO AL REFERENDUM

* Domenica 6 novembre, ore 9.00-12.00 in Piazza Marconi a Borgo di Terzo


(19.10.16) BORGO DI TERZO. RIPRENDIAMOCI I DIRITTI. NO MANOMISSIONE DELLA COSTITUZIONE

Incontro e dibattito con Ezio LOCATELLI, della segreteria nazionale di Rifondazione Comunista

* Borgo di Terzo, mercoledì 19 ottobre, alle ore 21.00, presso le sede di Rifondazione Comunista in via Rivolta 1

Invece di ridurre i privilegi dei parlamentari, Renzi attraverso la manomissione della Costituzione nata dalla Resistenza, vuole ridurre ancor di più la possibilità dei cittadini e dei lavoratori di incidere sulle scelte che li riguardano. E’ il punto di arrivo dopo anni e anni di attacchi ai lavoratori e alle lavoratrici che hanno portato precarietà, libertà di licenziamento, tagli e privatizzazione, legge Fornero di cui hanno beneficiato il padronato, le banche, le multinazionali, ora in prima fila a sostenere lo stravolgimento della Costituzione. Il 4 dicembre votiamo NO alle modifiche costituzionali del Governo Pd. E riapriamo invece una stagione di lotte per riprenderci ciò che ci è stato tolto: il salario, a partire del rinnovo dei contratti di lavoro di 8 milioni di dipendenti; l’abolizione della riforma Fornero per dare la pensione agli anziani e il lavoro ai giovani; il reddito minimo per chi non ha lavoro; basta con i ticket sanitari e le cure negate; una scuola pubblica libera, democratica e gratuita. Di questi temi discuteremo nella serata del 19 ottobre, a cui invitiamo a partecipare le compagne, i compagni e tutti gli interessati.

A cura Rifondazione Comunista - Circolo della Valcavallina. Per comunicazioni: tel. 3389759975


(04.03.16) BORGO DI TERZO (bg). “BENI COMUNI: FARE SCUOLA”. INCONTRO CON MARCO PALMA (Scuola dei Beni Comuni di Santorso)

* Venerdì 4 marzo, ore 20.45, presso Sala Consiliare del Municipio di Borgo di Terzo, via Nazionale 30. INCONTRO PUBBLICO

Relatore: MARCO PALMA, sociologo, projects manager, coordinatore di piani d’azione a energia sostenibile

Il racconto dell’esperienza della Scuola dei Beni Comuni di Santorso (Vi), nata dal desiderio di creare uno spazio di incontro e di formazione per l’attivazione sul territorio di iniziative concrete di vita sostenibile

Quinto incontro del ciclo “ComuniCARE la sostenibilità” per la difesa dei beni comuni, promosso dalla lista Nuova Proposta di Borgo di Terzo, in collaborazione con Anpi Valcavallina/Valcalepio e Arci/Bergamo, con il patrocinio del Comune di Borgo di Terzo e dell’Unione della Media Valcavallina. Locandina: QUI


(04.03.16) BORGO DI TERZO (bg). “BENI COMUNI: FARE SCUOLA”. INCONTRO CON MARCO PALMA (Scuola dei Beni Comuni di Santorso)

* Venerdì 4 marzo, ore 20.45, presso Sala Consiliare del Municipio di Borgo di Terzo, via Nazionale 30. INCONTRO PUBBLICO

Relatore: MARCO PALMA, sociologo, projects manager, coordinatore di piani d’azione a energia sostenibile

Il racconto dell’esperienza della Scuola dei Beni Comuni di Santorso (Vi), nata dal desiderio di creare uno spazio di incontro e di formazione per l’attivazione sul territorio di iniziative concrete di vita sostenibile

Quinto incontro del ciclo “ComuniCARE la sostenibilità” per la difesa dei beni comuni, promosso dalla lista Nuova Proposta di Borgo di Terzo, in collaborazione con Anpi Valcavallina/Valcalepio e Arci/Bergamo, con il patrocinio del Comune di Borgo di Terzo e dell’Unione della Media Valcavallina. Locandina: QUI


(12.02.16) BORGO DI TERZO (bg). “BIODIVERSITA’… UN BENE COMUNE DA DIFENDERE”. INCONTRO CON SIMONE ZENONI

* Venerdì 12 Febbraio, ore 20.45, presso Sala Consiliare del Municipio di Borgo di Terzo, via Nazionale 30. INCONTRO PUBBLICO

Relatore: SIMONE ZENONI, docente di Architettura del Paesaggio presso la Facoltà di Architettura di Mantova e Socio di Cultura Contadina Bergamo

Incontreremo l’esperienza di una realtà nostrana che si impegna per la salvaguardia della biodiversità e delle tradizioni contadine contro a dittatura delle multinazionali agroalimentari

Quarto incontro del ciclo “ComuniCARE la sostenibilità” per la difesa dei beni comuni, promosso dalla lista Nuova Proposta di Borgo di Terzo, in collaborazione con Anpi Valcavallina/Valcalepio e Arci/Bergamo, con il patrocinio del Comune di Borgo di Terzo e dell’Unione della Media Valcavallina. Locandina: QUI


(18.12.15) BORGO DI TERZO (bg). “PRIVATI DELL’ACQUA E DEI BENI COMUNI”. INCONTRO CON DINO GRECO

* Venerdì 18 dicembre, ore 20.45, presso Sala Consiliare del Municipio di Borgo di Terzo, Via Nazionale 30. INCONTRO PUBBLICO

“PRIVATI DELL’ACQUA E DEI BENI COMUNI”: il difficile rapporto tra la responsabile, sostenibile e condivisa gestione dei beni comuni e le spinte verso la privatizzazione imposta dal neoliberismo

Relatore: DINO GRECO, scrittore e giornalista, già Segretario Generale della Camera del Lavoro di Brescia

Terzo incontro del ciclo “ComuniCARE la sostenibilità” per la difesa dei beni comuni, promosso dalla lista Nuova Proposta di Borgo di Terzo, in collaborazione con Anpi Valcavallina e Valcalepio e Arci Bergamo, con il patrocinio del Comune di Borgo di Terzo e dell’Unione della Media Valcavallina. Locandina: qui


(13.11.15) Borgo di Terzo. INCONTRO SULL’ENCICLICA “LAUDATO SI’” DI PAPA FRANCESCO

* Venerdì 13 novembre, ore 20.45, presso il Municipio di Borgo di Terzo (Via Nazionale 30). Relatore: Don GIULIANO ZANCHI (segretario generale della Fondazione Bernareggi)

Laudato si’ è l’ultima enciclica papale del giugno scorso sul tema della “cura della casa comune”, cioè “sora nostra madre Terra”, la quale - come scrive Papa Bergoglio - “protesta per il male che le provochiamo, a causa dell’uso irresponsabile e dell’abuso dei beni che Dio ha posto in lei.”
“Siamo cresciuti pensando - continua l’incipit - che eravamo suoi proprietari e dominatori, autorizzati a saccheggiarla. La violenza che c’è nel cuore umano ferito dal peccato si manifesta anche nei sintomi di malattia che avvertiamo nel suolo, nell’acqua, nell’aria e negli esseri viventi. Per questo, fra i poveri più abbandonati e maltrattati, c’è la nostra oppressa e devastata terra, che «geme e soffre le doglie del parto» (Rm 8,22)”.
Laudato si’ è una riflessione articolata che entra nei dettagli, anche quelli più sottili e non per questo meno importanti, delle gravi problematiche ecologiche sollevate dalla scienza e dai movimenti senza mai dimenticare i temi sociali a livello globale che vi sono strettamente connessi, secondo una corretta metodologia che invece certo ecologismo superficiale tende spesso ad ignorare.
Di certo l’enciclica Laudato si’ è un documento da leggere, capire, discutere, un contributo che in questa fase nessuno di chi abbia a cuore i “beni comuni” può ignorare, al di là delle contraddizioni - spesso gravi - che si manifestano nel mondo cattolico più o meno organizzato, al di là delle divergenze che si possono riscontrare nella formulazione degli obiettivi e nell’individuazione degli strumenti di lotta.
Invitiamo pertanto a partecipare all’incontro di venerdì a Borgo di Terzo, il terzo del ciclo sulla sostenibilità e sui beni comuni promosso dalla lista Nuova Proposta in collaborazione con Anpi e Arci e ora anche con il patrocinio del Comune di Borgo di Terzo e dell’Unione della Media Valcavallina (cfr. depliant: qui), incontro dedicato a “che cosa scrive Francesco”, relatore Don Giuliano Zanchi, segretario della Fondazione A. Bernareggi. (locandina: qui)

Il testo integrale dell’enciclica Laudato si’: qui



(ottobre 2015 - marzo 2016) VALCAVALLINA. COMUNICARE LA SOSTENIBILITA’. SETTE INCONTRI PER I BENI COMUNI

* a cura del gruppo consiliare e della lista “Nuova Proposta” di Borgo di Terzo in collaborazione con Anpi di Valcavallina e Valcalepio e Arci-Bergamo

Che cos’è

Capita spesso di sentire parlare di sostenibilità e sfruttamento delle risorse, ma a volte risulta difficile trovare gli elementi utili per la corretta comprensione di questi fenomeni. Il tema della sostenibilità è legato a quello dei beni comuni e della loro gestione. Ma cosa sono i beni comuni? In che modo la loro gestione può incidere sulla disponibilità delle risorse ambientali presenti e future? Per provare a rispondere a questi e ad altri interrogativi è nato dalla collaborazione di alcune realtà locali “ComuniCare la sostenibilità”. Un progetto culturale e informativo che si propone di chiarire alcuni aspetti della gestione e della cura (care) dei beni comuni e di suggerire alcune chiavi di lettura per l’interpretazione dei fenomeni e delle realtà connesse allo sviluppo sostenibile. Un percorso in sette tappe, ciascuna incentrata sul tema della sostenibilità, approfondita e interpretata attraverso prospettive globali e locali.

Chi, dove, quando

  • 2 Ottobre 2015 h. 20,45, presso ex chiesa di San Bernardino, Luzzana (Piazza Castello)
    CHI PESCHERÀ L’ULTIMO PESCE
    Con PAOLO GROPPO, specialista di sviluppo territoriale presso FAO (Organizzazione delle Nazioni Unite per il Cibo e l’Agricoltura). ll punto sulla situazione dello stato globale delle risorse ambientali e del loro sfruttamento.

Domenica 11 ottobre, PRANZO DI AUTOFINANZIAMENTO DELL’INIZIATIVA presso la CASA DELLA RESISTENZA - COLLI DI SAN FERMO (Via Casina del Monte - Adrara San Martino). Per prenotazioni tel. 3290299463

  • 13 Novembre h. 20.45 presso Casa Zinetti, via Roma 25, Borgo di Terzo
    COSA SCRIVE FRANCESCO con DON GIULIANO ZANCHI, segretario generale della Fondazione Bernareggi
    Il tema della sostenibilità proposto da Papa Francesco attraverso la lettura commentata di passi tratti dall’Enciclica Laudato si’.
  • Dicembre 2015 (data da definirsi, h. 20.45), presso Casa Zinetti, via Roma 25, Borgo di Terzo
    L’ACQUA COME BENE COMUNE NON ALIENABILE
    con MARCO BERSANI, fondatore di Attac, tra i promotori del Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua e del Forum italiano per una nuova finanza pubblica e sociale. Il difficile rapporto tra beni comuni e neoliberismo.
  • 5 Febbraio 2016 h. 20,45 presso Casa Zinetti, via Roma 25, Borgo di Terzo
    BIODIVERSITÀ COME BENE COMUNE con GIAMBATTISTA ROSSI, coordinatore di Cultura Contadina Bergamo. Incontro con una realtà impegnata per la salvaguardia delle Biodiversità, custode di semi e tradizioni spesso dimenticati.
  • 16 Febbraio 2016 h. 20,45 presso Casa Zinetti, via Roma 25, Borgo di Terzo
    BENI COMUNI: FARE SCUOLA Con la Scuola dei Beni Comuni di Santorso (Vi)
    Il racconto dell’interessante esperienza nata dal desiderio di creare spazi di incontro, formazione e iniziative concrete, “a piccoli passi verso una comunità integrata e sostenibile”
  • 18 marzo 2016, h. 20,45 presso Casa Zinetti, via Roma 25, Borgo di Terzo PER UN MERCATO SOSTENIBILE con ANDREA VIANI, fondatore del GAP (Gruppo Acquisto Popolare) del Lodigiano e FRANCESCA FORNO, docente di Sociologia dei consumi presso l’Università di Bergamo. GAS (Gruppo di Acquisto Solidale) e GAP, due interessanti esperienze di mutualismo sociale sul territorio che meritano di essere approfondite.

Eventuali modifiche di location e date verranno comunicate attraverso la nostra pagina facebook.  I nostri contatti: tel. 320.0142557 oppure 339.1491037 - facebook.com/COMUNIcare Sostenibilità - nuovaproposta2015borgoditerzo@yahoo.it - site: nuovapropostaborgodi terzo.it


Pagina successiva »