(16.12.18) LOVERE. 75° ANNIVERSARIO “TREDICI MARTIRI DI LOVERE” (Poltragno, Lovere 22 dicembre 1943)

* Lovere, domenica16 dicembre 2018, corteo commemorativo; concentramento ore 9.45 in Piazza Tredici Martiri

Nel 75° Annivesario della fucilazione si ricordano i TREDICI MARTIRI Francesco Bessi, Giulio Buffoli, Salvatore Conti, Andrea Guizzetti, Eraldo Locardi, Vittorio Lorenzini, Guglielmo Macario, Giovanni Moioli, Luca Nitckisc, Ivan Piana, Giuseppe Ravelli, Mario Tognetti e Giovanni Vender. Con loro saranno ricordati i Caduti loveresi della Resistenza Pietro Caminada, Luigi Caroli, Pietro Ghedini, Francesco Petenzi e Francesco Tarzia.

PROGRAMMA:

Ore 8.30:
Santa messa nel Santuario S.S. Capitanio e Gerosa
ore 9.45:
Raduno dei partecipanti in Piazza Tredici Martiri. I rappresentanti delle Amministrazionie e delle Associazioni sono invitati a presenziare con i gonfaloni.
Deposizione di corona al Monumento dedicato ai Tredici Martiri.
Intervento di Mauro Magistrati, Presidente Anpi provinciale.
Inizio corteo e sfilata per le vie cittadine con deposizione di corona d’alloro alla Targa in Piazza Tredici Martiri e alla Lapide di Piazza Vittorio Emanuele II.
Ore 11.00:
Arrivo al cimitero. Deposizione di corona d’alloro al Monumento dei Fratelli Pellegrini e dei Tredici Martiri.
Raffigurazione scenica sui Tredici Martiri a cura di Silence Teatro. Intervento conclusivo del Sindaco di Lovere, Dott. Giovanni Guizzetti
(a cura Anpi - Lovere)

Ora e sempre Resistenza

***

NOTA. Il 29 novembre 1943 Eraldo Locardi e la sua banda operarono insieme ad altri partigiani di Lovere (gli uomini del Gruppo Patrioti loveresi, guidati da Giovanni Brasi) un’operazione di autofinanziamento prelevando il denaro dagli uffici stabilimento dell’Ilva di Lovere, contemporaneamente attaccarono la sede del Fascio repubblicano e le due centrali telefoniche dello stesso paese. Nell’azione furono uccisi due notabili fascisti di Lovere: il podestà Paolo Rosa e il segretario del fascio di Lovere Giuseppe Cortesi. Il 7 dicembre 1943, circa 200 uomini (tedeschi e componenti la G.N.R.) risalgono la piccola valle che da Corti porta alle stalle di Ramello, fino ad arrivare ad una cascina appena fuori dalla frazione di Ceratello (loc. Ciar), che ospita il corpo di guardia del gruppo partigiani di Lovere, mentre il resto del gruppo è alloggiato nelle casine più in alto.
I rastrellatori circondano la cascina e, senza sparare un colpo, grazie all’opera di una spia, catturano l’intero corpo di guardia composto da Piana, Guizzetti, Conti, Vender, Macario e Buffoli. La sorpresa ed il tradimento pongono i partigiani nella impossibilità di reagire. I fascisti ed i tedeschi proseguono quindi fino alle cascine ospitanti il grosso della formazione, ma senza alcun esito, poiché i partigiani, resisi conto della situazione e posti in allarme dai partigiani Tarzia e Corna, riescono a sganciarsi. Grazie alle informazioni della stessa spia, nei giorni seguenti vengono arrestati altri sette resistenti, allontanatisi dalla formazione per assolvere altri incarichi. Sono: Locardi, Lorenzini, Ravelli, Bessi Tognetti, Moioli e lo slavo Nikitsch.
Tutti e tredici vengono tradotti nelle carceri di via Pignolo a Bergamo. Per alcuni giorni vengono sottoposti a torture. Il 22 dicembre 1943 vengono prelevati dal carcere e condotti a Lovere. Arrivati a Poltragno, sette partigiani vengono fatti scendere, condotti sulla strada che conduce a Sellere e fucilati alla presenza dei loro compagni. Gli esecutori, sghignazzando, scrivono sul muro bagnato di sangue “fuorilegge” e ripartono per Lovere per compiere la seconda strage. Gli altri sei, dopo che la direzione dell’Ilva si è opposta al tentativo di procedere alla fucilazione lungo il muro di cinta della fabbrica, vengono condotti nei pressi della pesa pubblica di Lovere (attuale Caserma dei Carabinieri) e lì fucilati di fronte al alcuni cittadini inorriditi.

I TREDICI MARTIRI

1. Bezzi Francesco, nato a Bornato (Bs) il 31/12/1926, residente a Cazzano S. Martino (Bs), operaio, inquadrato nel Gruppo Patrioti loveresi (Gpl), riconosciuto “Partigiano”
2. Buffoli Giulio, nato a Palazzolo sull’Oglio (Bs) il 24/10/1902, residente a Palazzolo sull’Oglio (Bs), operaio, inquadrato nel Gruppo Patrioti loveresi (Gpl), riconosciuto “Partigiano”;
3. Conti Salvatore, nato a Lovere (Bg) il 21/01/1922, residente a Lovere (Bg), studente, inquadrato nel Gruppo Patrioti loveresi (Gpl), riconosciuto “Partigiano”
4. Guizzetti Andrea, nato a Lovere (Bg) l’8/09/1924, residente a Lovere (BG), apprendista operaio nello stabilimento Ilva, inquadrato nel Gruppo Patrioti loveresi (Gpl) con il nome di battaglia “Andreino”, riconosciuto “Partigiano”
5. Locardi Eraldo, nato a Milano il 26/06/1920, residente a Grumello del Monte (Bg); ex tenente dell’esercito italiano, ferito in combattimento sul fronte greco e rimpatriato claudicante dall’Albania; dopo l’8 settembre 1943 con il nome di battaglia “Longhi” organizza in Val Calepio una banda partigiana chiamata “Primo battaglione Badoglio”, si alleerà con i partigiani garibaldini di Giovanni Brasi di Lovere; riconosciuto “Patriota”
6. Lorenzini Vittorio, nato a Telgate (Bg) il 25/08/1925, residente a Sesto S. Giovanni (Mi), operaio, inquadrato nel “Primo battaglione Badoglio” (la banda di Locardi) con il nome di battaglia “Sbafi”, riconosciuto “Partigiano”
7. Macario Guglielmo Giacinto, nato a Lovere (Bg) il 3/10/1925, residente a Lovere (Bg), apprendista operaio, inquadrato nel Gruppo Patrioti loveresi (Gpl) , riconosciuto “Partigiano”
8. Moioli Giovanni, nato a Grumello del Monte (Bg) il 29/10/1926, residente a Grumello del Monte (Bg), bracciante, inquadrato nel “Primo battaglione Badoglio” (Banda Locardi) con il nome di battaglia “Tecia”, riconosciuto “Partigiano”
9. Nikitch Luca
10. Piana Ivan, nato a Lovere (Bg) il 24/02/1924, residente a Lovere (Bg), ragioniere, inquadrato nel Gruppo Patrioti loveresi (Gpl), riconosciuto “Partigiano”
11. Ravelli Giuseppe, nato a Casnigo (Bg) il 3/07/1923, residente a Leffe /Bg), manovale, inquadrato nel Gruppo Patrioti loveresi (Gpl) con il nome di battaglia “Fulmine”, riconosciuto “Partigiano”;
12. Tognetti Mario, nato a Grumello del Monte (Bg) il 7/04/1922, residente a Grumello del Monte (Bg), commesso, inquadrato nel “Primo battaglione Badoglio” (Banda Locardi) con il nome di battaglia “Mario”, riconosciuto “Partigiano”
13. Vender Giovanni, nato a Breno (Bs) il 29/03/1926, residente a Lovere (Bg), meccanico apprendista, inquadrato nel Gruppo Patrioti loveresi (Gpl), riconosciuto “Partigiano”
(da http://www.straginazifasciste.it)


(17.06.18) COLLI DI SAN FERMO. PRANZO SOCIALE DI AUTOFINANZIAMENTO - CIRCOLI RIFONDAZIONE COMUNISTA DELLA VALCAVALLINA E DELLA VALCALEPIO

* Domenica 17 giugno, ore 12.00, presso la Casa Museo “La Resistenza” - Colli di San Fermo (Adrara San Martino - Via Casina del Monte)

Anche quest’anno saliamo ai Colli di San Fermo per ritrovarci nei valori della Resistenza, valori più che mai attuali ed utili per contrastare quello che si sta affacciando nel nostro paese. Compagni/e vuole dire “condividere insieme il pane”. Quindi organizziamoci per realizzare una giornata gustosa e serena. Diffondete a tutti quelli che vorranno condividere con noi…

Menù autoprodotto (vegetariano o carnivoro): Riso freddo, Pasta fredda, Verdure di Stagione, Salumi e Formaggi, Salamelle alla Griglia, Frutta, Dolci e Caffè (ciascun compagno/a può contribuire ad arricchire il menù con proprie preparazioni). Contributo pranzo: 15.00 euro. Parte delle sottoscrizioni andranno a contribuire al Museo dedicato alle formazioni partigiane delle Valli Cavallina e Val Calepio.

* Per chi vuole: alle ore 11.00, saliremo per depositare un mazzo di fiori  al Monumento che ricorda i caduti della Battaglia Partigiana per la liberazione di Fonteno del 31 Agosto 1944

* Ore 14.30: visita guidata al Museo “Casa La Resistenza”

Durante l’incontro: sarà possibile rinnovare la tessera per l’anno 2018 e discutere della Festa in Rosso Valcalepio-Valcavallina 2018.

Per motivi organizzativi si prega di confermare la vostra partecipazione (entro e non oltre venerdì 15 giugno) contattando qualcuno dei seguenti compagni: Claudio: tel. 3338737525: Tiziano:  335.7559628; Marco: tel. 3312190899. Oppure tel. c/o Federazione: tel. 035225034

A cura: Circolo Prc-Valcavallina (Borgo di Terzo, Via Rivolta 1) - Circolo Prc-Valcalepio (Tagliuno di Castelli Calepio, Via Roma 21)

Locandina: QUI


(18.04.18) ANPI VALLI CAVALLINA E CALEPIO. I GIORNI DELLA LIBERAZIONE - INCONTRI

GANDOSSO. Sabato 21 aprile, ore 11.15. Piazza Togliatti: deposizione della corona al Monumento della Resistenza - Volantino

COLLI DI SAN FERMO. Domenica 22 aprile, dalle ore 11.15: commemorazione al Monumento Partigiano del Colletto; dalle ore 12.30: prazo sociale e visita al Museo della Casa”La Resistenza”. Prenotazione c/o 3357559628 (tiziano), 3312190899(Marco). Depliant

GRUMELLO DEL MONTE. Martedì 24 aprile, ore 21.00, c/o Circolo Arci di Via Roma 2. “LIBERE. Voci di donne che raccontano la Resistenza (…)”, un film di Rossella Schillaci. Volantino

TAVERNOLA B.SCA. Giovedì 26 aprile, ore 21.00 c/o Oratorio di Via Valle. “LASTRADA DEL CORAGGIO. Gino Bartali eroe silenzioso” Teatro a cura di Luna e Gnac. Volantino

Per informazioni: anpi.valcalepio-valcavallina@hotmail.it; Tiziano: tel. 3357559628; Marco: tel. 3312190899


A.N.P.I. SEZIONE VALLE CALEPIO-CAVALLINA E ISREC BERGAMO IN COLLABORAZIONE CON IL COMITATO PROVINCIALE A.N.P.I. BERGAMO E ARCIBERGAMO ORGANIZZANO PER SABATO 14 APRILE 2018

DALLE ORE 14.15 ALLE 17.30 PRESSO LA “Casa La Resistenza” Via Casina del Monte, 17 – Colli di San Fermo

UN CORSO DI FORMAZIONE SULLA STORIA DELLE FORMAZIONI PARTIGIANE IN VALLE CALEPIO E VALLE CAVALLINA E SULLA BATTAGLIA DI FONTENO. RELATORI:

ELISABETTA RUFFINI
Direttrice ISREC Bergamo – Curatrice del Museo

MARA MINUSCOLI
Ricercatrice – Curatrice del Museo

GIORGIO MARCANDELLI
Segreteria Provinciale A.N.P.I. Bergamo

SABATO14 APRILE 2018

Per informazioni: anpi.valcalepio-valcavallina@hotmail.it;Tiziano: tel. 3357559628; Marco: tel. 3312190899


(30.10.16) COLLI DI SAN FERMO (bg). PRANZO DI AUTOFINANZIAMENTO DEI COMITATI DEL NO DI VALCALEPIO E VALCAVALLINA

* Domenica 30 ottobre ore 12,15, presso la Casa “La Resistenza” sede di Anpi Valcalepio/Valcavallina, via Casina del Monte 13, sui  Colli di San Fermo nel comune di Adrara S. Martino

Manù: antipasto, polenta con arrosto di vitello (o piatto alternativo), formaggi e verdure, vino e acqua, dolce e caffé

Per informazioni e prenotazioni, telefonare  a Tiziano oppure a Marco

Il ricavato servirà a finanziare la campagna per il NO al referendum del 4 dicembre prossimo

Per info e prenotazioni: tel. 3357559628 (Tiziano) oppure 3312190899 (Marco)

Locandina: QUI

NOTA. La Casa “La Resistenza” sui Colli di San Fermo, a circa 1000 mt., dista 20 minuti a piedi dal Monumento dedicato ai partigiani caduti nella Battaglia di Fonteno e Monte Torrezzo contro i nazi-fascisti (31 agosto 1944). Questa battaglia della Resistenza che portò alla liberazione di Fonteno  ogni anno viene ricordata con una manifestazione il mese di luglio. Vi ha sede la Sezione Anpi Valcalepio-Valcavallina che ha in corso un progetto per realizzarvi un Museo dedicato alla Battaglia e alle formazioni partigiane che hanno combattuto in Valle Calepio e Valle Cavallina.

* Scheda sulla battaglia di Fonteno e Monte Torrezzo: QUI ["Sulle tracce della libertà, Itinerari didattici sui luoghi della Resistenza bergamasca", a cura Isrec, Provincia, Cai bg]; Wikipedia: Qui

* Foto delle manifestazioni commemorative: 2015 - 2014 - 2013 - 2011 - 2010 - 2009


(27.10.16) CASTELLI CALEPIO. REFERENDUM: “LE RAGIONI DEL NO”. ASSEMBLEA PUBBLICA

* Giovedì 27 ottobre 2016, ore 21.00 a Castelli Calepio presso Aula magna Scuole Medie di Tagliuno in Piazza Vittorio Veneto

Relatori dell’incontro saranno CLEMENTINA GABANELLI (docente di Diritto) e DINO GRECO (giornalista e sindacalista)

Inroduce: TIZIANO BELOTTI (segreteria provinciale Anpi)

La cittadinanza è invitata a partecipare.

Promuovono: Anpi Valcalepio-Valcavallina e Comitato per il NO - Valle
Calepio

Per info e adesioni: Claudio 333.8737525 e-mail: claudio.sala@utpsrl.it

Locandina: qui


(21.10.16) TRESCORE BALNEARIO. MACERIE. IL RITORNO DEI FASCISTI IN EUROPA. 2° incontro del ciclo a cura ANPI Comitato provinciale di Bergamo

* Venerdì 21 ottobre, ore 21.00, presso Albergo “Della Torre” - Piazza Cavour 28 a Trescore Balneario

“Europa anno zero. Il ritorno dei nazionalismi” (Marsilio 2015). Presentazione del libro di EVA GIOVANNINI, giornalista e scrittrice. Dialogo tra l’autrice e l’onorevole Emanuele FIANO

La tremenda crisi economica globale che sta determinando un cambiamento radicale nella struttura sociale e politica del mondo, dai luoghi emotivamente e geograficamente più lontani fino alle porte delle nostre case, ha comportato la ricomparsa di movimenti e partiti politici che, più o meno apertamente, hanno i loro valori di riferimento nel fascismo europeo che si pensava sconfitto con la fine della seconda guerra mondiale.
Sfruttando consapevolmente la paura che provoca il diverso da noi, il timore di perdere un benessere materiale sempre più effimero e ora lo spettro della guerra di religione contro “gli infedeli”, per la difesa dei “valori dell’Occidente”, gruppi di neofascisti o comunque di estrema destra consolidano le loro fila e senz’altro aumentano la loro visibilità. E’ necessario sapere di più, capire meglio per attrezzarsi nella quotidiana lotta per la democrazia e la libertà che è tra i compiti fondamentali dell’Anpi; per informare anche le nuove generazioni sulla genesi e sul pericolo del neofascismo.
Il ciclo completo degli incontri: qui


(14.06.15) FONTENO. SENTIERI RESISTENTI. CAMMINATA NELLA VALLE DI FONTENO

Domenica 14 giugno, la Biblioteca di Fonteno in collaborazione dell’ANPI, sezione di Endine Gaiano “Giuseppe Brighenti”, invita alla camminata nella valle di Fonteno accompagnati dal racconto della storica Battaglia del 31 agosto 1944 - protagonisti la 53ma Brigata Garibaldi e la “Francesco Nullo” di Giustizia e Libertà.

Ore 8:00 - Ritrovo sulla Piazza “Ongaro Parroci” di Fonteno

Ore 8:30 - Partenza della camminata: durata circa 3 ore (non impegnativa, si consiglia abbigliamento comodo. La manifestazione si svolgerà anche in caso di maltempo)

Ore 13:00 - Possibilità di pranzare presso la sede della Protezione Civile di Fonteno. Menù completo 15,00 euro - richiesta prenotazione

Ore 15:00 - Sede della Protezione Civile di Fonteno presentazione del libro LA STRADA DEI MONTI - 26 itinerari sui luoghi della resistenza bergamasca” … ne parliamo con l’autore Roberto Cremaschi

Vi aspettiamo numerosi e vi chiediamo di diffondere l’informazione fra amici e conoscenti. (ANPI sez. Endine Gaiano Comune e Biblioteca di Fonteno)

Locandina: qui


(31.08.1944-2014) COLLI DI SAN FERMO. 70° ANNIVERSARIO DELLA BATTAGLIA DI FONTENO E MONTE TORREZZO

30° Anniversario dell’inaugurazione del Monumento dei Partigiani al Colletto

DOMENICA 31 AGOSTO 2014. Programma:

Ore 10.00: Ritrovo alla casa “La Resistenza” dei Colli di San Fermo
Ore 10.15: partenza per la camminata con arrivo al monumento del Colletto (circa 30 minuti - il monumento è raggiungibile anche in auto)
Ore 11.00: Santa Messa
Ore 11.30: Intervento di Carlo Salvioni, presidente del Comitato Antifascista Bergamasco

A seguire presso la Casa “La Resistenza” rinfresco con prodotti tipici locali.

Durante il pomeriggio, in collaborazione con Isrec di Bergamo:
Ore 14.15: Intervista al partigiano “Tarzan”
Ore 14.45: Concerto de “I Peccatori” con rievocazioni storiche

A cura di: Anpi Valcavallina e Valcalepio, Casa “La Resistenza”, Via Casina al Monte 13, Adrara San Martino (bg) Per comunicazioni: Tiziano tel. 335.7559628 oppure Marco tel. 340.6171469

Locandina: Qui . Altre informazioni: http://anpivalcalepio-cavallina.blogspot.com

Scheda sulla battaglia di Fonteno e Monte Torrezzo, 31 agosto 1944: QUI ["Sulle tracce della libertà, Itinerari didattici sui luoghi della Resistenza bergamasca", a cura Isrec, Provincia, Cai bg]

Fotografie: 2013 - 2011 - 2010 - 2009


(10.08.14) ENDINE. PER RICORDARE IL PARTIGIANO “BRACH” E LA RESISTENZA

Sono trascorsi diciotto anni dalla morte, avvenuta il dieci agosto del 1996 a Bergamo, dell’On. Giuseppe Brighenti, partigiano Brach. Anche quest’anno gli amici e i compagni lo vogliono ricordare il 10 Agosto 2014 con una breve cerimonia presso il cimitero di Endine Gaiano alle ore 10,00. Anche alla Malga Lunga alle ore 11 del medesimo giorno l’iniziativa Uomini della Resistenza: memoria in musica offrirà lo spunto per ricordare e rendere omaggio ai protagonisti della lotta partigiana.

Brach tornava spesso a Endine Gaiano e alla Malga Lunga per incontrare gli amici e i compagni di una vita, per dialogare con i giovani ai quali trasmettere il suo pensiero maturato da giovane partigiano della Cinquantatreesima Brigata Garibaldi Tredici Martiri di Lovere. Il suo impegno maturato nell’attività politica, sindacale e istituzionale, speso al servizio della collettività offre a noi tutti più d’un motivo di ricordo ma un sentimento di profonda e appassionata riconoscenza. Ricordare il suo impegno sindacale, politico e civile ci offre lo spunto per il dialogo con le persone e l’approfondimento dei temi sociali e attuali che divengono poi ispirazione di successive iniziative culturali .

Ispirandosi ai valori della Resistenza e della Carta Costituzionale, Brach, si impegnò perché anche nel lavoro e nella società fossero perseguiti gli ideali di Libertà, Uguaglianza e Giustizia Sociale.

Non solo quindi un ricordo, attraverso una semplice commemorazione, ma memoria di Testimonianza Sociale e Politica di una persona che ancor oggi alimenta il cuore e la mente di chi si batte per una Italia Repubblicana, Unita e Democratica, e di chi gli ha voluto, vuole, e vorrà bene. (Anpi Endine Gaiano, il segretario Pasquale Lampugnani, il presidente Andrea Brighenti)

Comunicato dell’Anpi di Endine: Qui. Su Giuseppe Brighenti (1924-1996): qui

(10.08.14) ENDINE. ALCUNE FOTO DELL’INCONTRO DI QUESTA MATTINA: QUI


Pagina successiva »