(04.06.18) SAN PAOLO D’ARGON. VINCENZO ARDISIA, ANNI 75

* Nel pomeriggio di ieri si è spento il nostro concittadino ed amico Vincenzo Ardisia. Ora si trova nella Camera Mortuaria della Casa di Riposo di Gorlago. I funerali si svolgeranno Martedì 5 giugno alle ore 16.00 nella Parrocchiale di San Paolo d’Argon.

.
Vincenzo viene dalla città di San Severo nel Tavoliere delle Puglie, dove ha vissuto fino a 18 anni. Ci teneva ricordare la sua città come uno dei luoghi delle epiche lotte dei braccianti guidati nel primo e nel secondo dopoguerra dal grande sindacalista Giuseppe Di Vittorio
Emigrato a Milano ha lavorato dapprima come manovale in un’industria farmaceutica, studiando alla sera fino a diplomarsi perito chimico, per continuare poi a lavorare come tecnico sempre nel settore farmaceutico.
Dal 1985 ha sempre vissuto con la sua famiglia a San Paolo d’Argon lavorando fino alla pensione come responsabile della logistica presso l’industria ErreGiErre di Via Baracca.
Appassionato di corsa campestre ha partecipato a numerose competizioni dilettantistiche fino agli ultimi anni collezionando svariati trofei di cui andava fiero.
Amava tantissimo giocare con le parole, dedicandosi alla scrittura: testi in rima e storie apparentemente strampalate, ma di una straordinaria levità e profondità, forse per provare a reagire - in un mondo che diventa sempre più greve - con la forza travolgente del sorriso e del gioco mobilitati a soccorso del bisogno insopprimibile di libertà, giustizia, fiducia negli altri.
Ma che cos’è la poesia se non il gioco con le parole che ci fa scoprire verità e bellezze altrimenti inarrivabili?
E proprio questo Vincenzo ha voluto trasmettere nelle numerose attività di scrittura creativa con tanti bambini e ragazzi nella nostra biblioteca e nelle nostre scuole.
La terra – ne siamo sicuri - non mancherà di esserti lieve, Vincenzo Ardisia. Purtroppo senza di te dovremo faticare di più per salvare la poesia senza la quale il mondo si ferma e le persone tendono poi a diventare più tristi e più cattive. (04.06.18. m.m.)


(22.12.12) SAN PAOLO D’ARGON. INCIDENTE SUL LAVORO ALLA CHIMICA ERREGIERRE

Ne ha dato notizia L’Eco di Bergamo del 20 dicembre (Cfr. qui). L’incidente è accaduto attorno alle 20.15 di mercoledì 19. Sembra che un operaio stesse effettuando la pulizia ad un impianto ed è stato ustionato al volto dai vapori ad alta temperatura che si sono sprigionati. L’infortunato è stato trasportato al pronto soccorso dei Riuniti. “Secondo i primi controlli effettuati dai tecnici incaricati - scrive L’Eco di Bergamo - non sono state riscontrate irregolarità, sia degli impianti che delle strutture.”


(03.03.11) SAN PAOLO D’ARGON L’INDUSTRIA CHIMICA ERREGIERRE SI ALLARGA, ANCORA

Nella commissione urbanistica ieri sera è stato presentato il piano attuativo che consentirà alla chimica di via Baracca di realizzare gli edifici per la nuova mensa e per un deposito di materiali reflui dei processi produttivi, secondo quanto previsto nel recente Piano di Governo del Territorio (Pgt). In totale saranno circa 2.000 mq. di superficie coperta, con varie opere di “mitigazione” a verde. L’ampliamento è stato motivato come esigenza di razionalizzazione degli spazi interni dell’azienda, realizzando così una mensa migliore per i dipendenti e migliori magazzini di stoccaggio per materiali non certo innocui, ma in ogni caso già presenti nell’insediamento (così ci è stato assicurato). Ultimamente l’azienda si è ampliata nel frattempo con nuovi capannoni anche nella parte sud di via Baracca. Di fatto ha aumentato ulteriormente il proprio peso insediativo sul nostro territorio, con tutte le perplessità del caso, non solo urbanistiche, ma anche per il fatto che si tratta di una industria classificata a rischio di incidente rilevante. La ErreGiErre realizza 65% del proprio fatturato con gli Usa, il 25% in Europa e solo il 5% in Italia. Produce i principi attivi per i medicinali messi poi a punto e commercializzati dai grandi trust farmaceutici. I quali possono così lasciare in Italia, a San Paolo d’Argon, le industrie a rischio di incidente rilevante, evitando di doversele tenere a casa loro.

Scheda Pgt “ambito E”: qui. Le nostre precedenti info: qui


(31.08.10) SAN PAOLO D’ARGON CALCIO: LA PRIMA VOLTA DELLA EREGIERRE INDUSTRIA CHIMICA Dall’1 al 5 settembre la nostra industria chimica ci regala un bel trofeo di calcio con le formazioni allievi di alcuni dei più prestigiosi club, come Torino, Juventus, Brescia, Atalanta e altri, nonché col patrocinio del Comune di San Paolo d’Argon e della Local-polizia dei Colli. Dobbiamo pensare che il budget messo a disposizione dalla ErreGiErre non sia niente affatto irrisorio. D’altro canto l’azienda aveva fatto sapere qualche mese fa che i suoi affari stavano andando magnificamente e in vistosa controtendeza rispetto alla stagnazione generale. “Battiamo la crisi con gli antidepressivi”, titolava qualche mese fa il Corriere della Sera (qui), riferendosi alle produzioni della ErreGiErre, fra le quali ci sono le componenti farmaceutiche di base per fare gli antidepressivi, il cui consumo risulta spaventosamente cresciuto in questi tempi di crisi economica. Come è noto, la ErreGiErre sta ampliando i suoi impianti espandendosi nella parte sud di via Baracca, mentre il nuovo Piano di Governo del Territorio recentemente approvato ha concesso all’azienda di Pietro Gargani di allargarsi non poco anche nelle aree agricole ad est dell’insediamento. La lavoro ce n’è, e addirittura - secondo quanto è stato comunicato dall’azienda - cresce sia a San Paolo d’Argon sia nel più recente stabilimento dei Pertegalli di Sovere (in mezzo alle montagne…), e quindi crescono anche il business e gli utili. Non sarebbe male che il lavoro in più si traducesse principalmente in aumento di posti di lavoro più che in ore di straordinario; e senza ulteriori incrementi - nello stabilimento di via Baracca, classificato a rischio di incidente rilevante - del numero e della varietà dei procedimenti produttivi e delle reazioni chimiche, per non moltiplicare i problemi di sicurezza sia per i lavoratori, sia per il territorio (non ci siamo mai dimenticati dell’incidente tremendo del novembre 1999, che per fortuna avvenne senza conseguenze estreme sulle persone: cfr. Corriere della Sera 20.11.99: qui). Il 1° settembre comunque c’è un torneo di calcio non sgradito neppure a noi; ci auguriamo che la ErreGiErre per rendere più perfetto l’idillio che vuol costruire con la nostra comunità abbia già pensato di evitare di far pagare i biglietti d’ingresso al campo sportivo di Via Colleoni. Quanto agli idilli non siamo mai stati prevenuti, ma i nostri antichi maestri ci hanno sempre insegnato che di fronte al capitale industriale è di dovere - sempre! - la vigilanza, e a maggior ragione di questi tempi. 1° Trofeo ErreGiErre (locandina): qui. Le nostre precedenti info ErreGiErre: qui


(17.08.10) SAN PAOLO D’ARGON INFORTUNIO SUL LAVORO ALLA ERREGIERRE

Un operaio cade da quattro metri all’industria chimica di via Baracca. Accorso il 118. Fortunatamente le condizione del lavoratore “non pare destino preccupazioni”. L’Eco di Bg 17.08.10: qui; Bergamonews 17.08.10: qui


(12.12.09) SAN PAOLO D’ARGON-SPOT ERREGIERRE: “BATTIAMO LA CRISI CON GLI ANTIDEPRESSIVI” Così titola “Il Corriere della Sera”  a proposito della nostra industria chimica, che produce appunto - fra le altre cose - componenti farmaceutici per gli antidepressivi, il cui consumo - con la complicità della crisi economica - sembra sia in forte ascesa. Comunque, secondo l’articolo, alla ErreGiErre va proprio tutto bene, sia nell’insediamento di San Paolo d’Argon (dove recentemente si è ampliata a sud e il Pgt appena adottato ne prevede una nuova espansione) sia in quello di Sovere, piazzato in mezzo alle montagne. E tutti sono contenti, padroni e dipendenti (“Finora non ci sono arrivate segnalazioni di malumore” - dice la Filcem/Cgil - “Anche perché i lavoratori si guardano intorno. E capiscono che - di questi tempi - non ci si può lamentare per straordinari o troppo lavoro. Qualche interinale, è vero, ma poi si tende a stabilizzarli”). “Corriere della Sera” 12.12.09: qui

Leggi tutto…


(20.11.99) SAN PAOLO D’ARGON ERREGIERRE. SCOPPIO IN FABBRICA, 7 FERITI (Corriere della Sera, 20.11.99)

SAN PAOLO D’ ARGON (Bergamo) - Sette operai sono rimasti feriti, fortunatamente in maniera non grave, per uno scoppio in un’ azienda chimica di San Paolo d’ Argon, nel Bergamasco. L’ incidente è avvenuto per cause non ancora accertate nello stabilimento della «Erregierre Spa», azienda che occupa una settantina di dipendenti. Secondo le prime indagini gli operai erano impegnati nel capannone che si affaccia sulla strada per Sarnico e che è destinato ai processi di produzione dei componenti chimici per l’ industria farmaceutica. I sette stavano vuotando il contenuto di alcuni fusti in un serbatoio per avviare le fasi di distillazione di un componente, la polilanmina, altamente infiammabile. L’ esplosione sarebbe avvenuta senza alcuna segnalazione di un allarme nelle attrezzature di controllo dell’ impianto: il boato è stato avvertito in tutto il paese e ha fatto accorrere oltre alla gente che risiede nella zona del polo industriale, anche quanti vivono nel comprensorio. Si è anche sviluppato un incendio che i pompieri sono riusciti a domare in breve tempo. Immediati i soccorsi ai sette operai che dopo le prime cure in azienda sono stati trasportati in ambulanza agli ospedali di Seriate e di Bergamo. Per lo più hanno riportato ustioni di primo e secondo grado e lesioni derivanti dall’ onda d’ urto e dalla caduta dei calcinacci. La deflagrazione ha infatti scoperchiato il tetto del capannone e devastato l’ impianto. L’ operaio addetto al funzionamento del serbatoio in particolare ha avuto una mascella fratturata e altre ferite di lieve entità. I familiari dei sette operai rimasti feriti sono stati tempestivamente avvisati e sono già accorsi nei due ospedali dove i sette operai si trovano ricoverati La Erregierre è attiva a San Paolo d’ Argon da 25 anni e la sua produzione è in larga parte destinata alle industrie farmaceutiche europee dove esporta circa il 70 per cento dei prodotti. L’ impianto è stato posto sotto sequestro dalle autorità e non si sa ancora quando l’ azienda potrà riprendere l’ attività produttiva. Questa mattina alle 8.30 in fabbrica è convocata una riunione delle Rsu con i funzionari del sindacato dei chimici di Cgil Cisl e Uil per esaminare la situazione e decidere su eventuali iniziative di mobilitazione. C. Za.

Zapperi Cesare

Pagina 49
(20 novembre 1999) - Corriere della Sera