(03.08.10) INDESIT OGGI INTERROTTE LE TRATTATIVE. RAFFORZIAMO IL PRESIDIO DEI LAVORATORI! La controparte (cioè il padrone “democratico” Merloni che vuole smantellare tutto e liquidare 430 posti di lavoro della fabbrica di Brembate Sopra) ha preso oggi a pretesto proprio il presidio per interrompere le trattative. Perché lo disturba tanto? Di questo presidio che è in corso per iniziativa dei lavoratori, ci sentiamo parte ancor di più e ci impegniamo anche noi a portare il nostro contributo.

Cfr. Ansa 03.08.10: qui. Le nostre precedenti info: qui


(28.07.10) BREMBATE SOPRA-INDESIT PIU’ STRONZI DELLA LEGA SI MUORE! Il padrone annuncia (il 9 giugno scorso) di voler chiudere la fabbrica liquidando 430 posti di lavoro (+ 300 nell’indotto) e l’amministrazione comunale leghista gli da man forte facendo subito (il 17 giugno) una variante al piano regolatore per frazionare l’area dello stabilimento e cambiare la destinazione d’uso. La Fiom: “Sull’area dello stabilimento si muovono appetiti che pregiudicano la continuità produttiva. Il Comune vigili e non ceda a proposte speculative”. Per di più la variante urbanistica, motivata “per cercare di dare una prospettiva di reinserimento dei lavoratori” (!?), ha tutta l’aria di essere illegittima, col rischio di innescare dinamiche, ricorsi e confusione a tutto vantaggio della proprietà! Tutto il comunicato Fiom-Cgil 26.07.10: qui. Manifestazione dei lavoratori Indesit 12.07.10: qui

Leggi tutto…


(12.07.10) BERGAMO I LAVORATORI DELLA INDESIT IN PIAZZA

Il padrone Merloni intasca i soldi degli ecoincentivi, si appresta anche ad intascare quelli previsti dalla finanziaria di Berlusconi-Bossi per gli investimenti al Sud. Ora vuole chiudere la fabbrica di Brembate e rompe le trattative.

LE NOSTRE FOTO DELLA MANIFESTAZIONE DI STAMATTINA: QUI