(18.02.2017) BERGAMO. ASSEMBLEA DEGLI INQUILINI E ATTIVISTI ANTI-SFRATTO

* Sabato 18 febbraio, ore 16 presso sede Unione Inquilini a Bergamo, via Borgo Palazzo 84/g (vicino a ristorante cinese)

Assemblea straordinaria degli attivisti dell’Unione Inquilini e delle famiglie sotto sfratto dedicata alle iniziative da intraprendere contro gli ultimi casi di sfratto in bergamasca e a difesa del diritto alla casa. Discuteremo anche su come organizzare una manifestazione contro gli sfratti. In particolare vogliamo concentrarci sulla grave situazione di molti Comuni dove la legislazione farebbe obbligo agli enti locali di applicare i provvedimenti volti a sostenere le famiglie sfrattate per “morosità incolpevole”, mentre invece polizia ed ufficiali giudiziari ignorando le leggi eseguono gli sfratto, buttando in strada famiglie con minori o invalidi o anziani. (per info c/o tel. 3345086230 - Davide)

Diritto alla casa, le nostre precedenti info: qui


Giordano Bruno, nato Filippo Bruno

(Nola, 1548 – Roma, 17 febbraio 1600)


(03.03.17) SERIATE. ASSEMBLEA: “MUTUALISMO, SOSTENIBILITA’, SOLIDARIETA’ - CONNETTIAMO LE PRATICHE SOCIALI COME ALTERNATIVA AL NEOLIBERISMO

* Seriate, 3 marzo 2017, dalle ore 19.30 - Libreria “spazio Terzo Mondo” - Via Italia 49 (programma in aggiornamento)

19:30 – Buffet con i prodotti (biologici e locali) del Gruppo di Acquisto Popolare (GAP). Proiezione del video: “Una red para organizar la solidaridad” sulla esperienza della Red de Solidaridad Popular

20.30Assemblea pubblica. Coordina: Roberta Maltempi (Associazione “Seriate x tutti”). Intervengono: Francesca Forno (CORES LAB – Osservatorio su consumi, reti e pratiche di economie sostenibili), Yara Larrosa (Red de Solidaridad Popular – Spagna), Andrea Viani (R@P - Rete per l’Autorganizzazione Popolare)

L’assemblea dal titolo “Mutualismo, sostenibilità, solidarietà” vuole essere una serata di confronto fra esperienze sociali di Bergamo e provincia, promossa da R@P (Rete per l’Autorganizzazione Popolare).
Un percorso che ci porterà ad analizzare gli effetti del disastro che le politiche europee di austerità hanno prodotto in questi anni anche in bergamasca; ma soprattutto ad incontrare e promuovere l’incontro delle soggettività ribelli e protagoniste dei conflitti per il diritto al lavoro e al reddito, per la giustizia ambientale, per l’accoglienza di donne e uomini migranti.
L’Europa neoliberista ha prodotto il calo dell’occupazione e del potere d’acquisto delle classi subalterne, lo sfruttamento e l’inquinamento ambientale dei territori e lo svuotamento di potere delle istituzioni democratiche di prossimità. Le politiche di austerità, dei governi italiani che si sono alternati, hanno aumentato il divario economico tra Nord e Sud Europa e quello sociale tra alto e basso, dentro le classi sociali in Italia; hanno acuito ulteriormente lo squilibrio economico, sociale e ambientale ai danni di aree già storicamente penalizzate dallo sviluppo capitalistico.
La questione della povertà è stata storicamente tradotta nelle retoriche della devianza e della marginalità o di una necessario sostegno caritatevole, o interpretata in chiave razzista. Per noi oggi la povertà è la condizione in cui il conflitto fra capitalismo e vite prende corpo con maggiore intensità e, dunque, dove si può incarnare una alternativa al neoliberismo per l’Italia e il Mediterraneo europeo.
Immaginare la povertà come questione politica, significa pensare ai ceti popolari come attori di una soggettivazione politica nei conflitti e nelle resistenze, nelle pratiche di solidarietà sociale; lavorare a connettere e a ricostruire un blocco sociale lì dove il capitalismo ha maggiormente lavorato a costruire disgregazione, promuovere una rivoluzione degli stili di vita, che può trasformare i processi decisionali promuovendo la capacità di creare nuovi legami di solidarietà dentro e fuori il mondo del lavoro.
Se il neoliberismo lavora a separare politico e sociale, noi dobbiamo lavorare a connetterli, ripensando le forme dell’agire collettivo: fare società per fare politica, costruire reti di mutualismo e connessioni fra i conflitti sociali e per una sostenibilità ambientale. Far emergere nuove forme dell’organizzazione e nuove pratiche politiche, come ci insegnano a fare le compagne e i compagne curdi con le esperienze di confederalismo democratico co-rappresentanza: nuovi processi di autodeterminazione per donne e uomini.
Venerdi 3 marzo parleremo di questa alternativa. Ragioneremo della questione della crescità delle disuguaglianze anche nella “ricca” bergamasca, a partire dalle soggettività che interpretano il conflitto per il lavoro, la casa, l’alimentazione e la salvaguardia ambientale. Proveremo a intrecciare e mettere in rete le esperienze di autogoverno e le pratiche di autodeterminazione: le reti mutualistiche. Incroceremo l’esperienza di confederalismo sociale che stanno costruendo i compagni spagnoli della Red de Solidaridad Popular che sono riusciti a unire le pratiche neo-mutualistiche e di resistenza in un movimento nazionale.

Promuovono: Rete per l’autorganizzazione popolare (R@P), Unione Inquilini, Gruppo Acquisto Popolare (Gap), SeriateXtutti.

Partecipano: Rete cittadinanza sostenibile, Spazio gioco autogestito “Ci vuole un fiore”, Acli-Seriate, Rifondazione Comunista -Seriate, Confederazione Unitaria di Base (CUB), Sindacato Generale di Base (SGB), Associazione Oikos, Palestra popolare-PacìPaciana, ASIA Bergamo, Brigate di Solidarietà attiva di Bergamo, Sindacato è un’altra cosa-Cgil, Comitato di Lotta per la Casa (bg), Bio Orto Nuovo Albergo Popolare, Cooperativa sociale Amandla, Comitato Antisfratti / Diritto alla Casa di Brescia

Per adesioni e informazioni:

3405841595 (Roberta); alternainsieme@yahoo.it


Questa mattina un GIUDICE ha condannato i compagni Claudio, Beppe ed Elena del movimento di lotta per la casa di Brescia rispettivamente a 1 anno, 10 mesi, 6 mesi. L’accusa è quella di aver promosso la protesta avvenuta il 30 settembre 2013, dentro la sede dei Servizi sociali del comune di Mazzano (bs). In quell’occasione la mobilitazione salvò una famiglia sfrattata che era stata abbandonata su un furgone, in mezzo ad una strada. In seguito alla protesta, la famiglia (madre, padre e due bambini, uno dei quali invalido al 100%) fu finalmente collocata in una situazione abitativa dignitosa e successivamente – seguendo regolarmente la graduatoria - in un appartamento ALER. Una protesta cioè che aveva evitato che le istituzioni continuassero a commettere una ingiustizia pesante e palese nei confronti di una famiglia che aveva perso la casa. A quasi quattro anni di distanza, non vengono sanzionate le istituzioni inadempienti, ma coloro che, attraverso le pratiche di mutuo soccorso e di resistenza, hanno dato una risposta concreta alla solitudine e alla disperazione generate dalla crisi economica e dalle politiche di austerità. Ciò significa che la strada è ancora lunga. Noi siamo solidali con i compagni Claudio, Beppe ed Elena: siamo anche sicuri che a percorrere la strada della lotta ci saranno sempre più donne e uomini tanto che non ci saranno più giudici a sufficienza per condannarci tutte e tutti per il reato di solidarietà. (14.02.17, Fabio Cochis per Unione Inquilini di Bergamo e provincia)


(20.02.17) TREVIGLIO. DOPO IL NO AL REFERENDUM COSTITUZIONALE, RESTIAMO IN CAMPO

Il COMITATO per il NO al referendum costituzionale e contro l’Italicum, di Treviglio e dintorni, non si è sciolto, ma continua la sua attività trasformandosi in “COMITATO PER LA DIFESA E L’ATTUAZIONE DELLA COSTITUZIONE”.

Le prime iniziative che intendiamo proporre sono una serie di conferenze sulla Costituzione e la presentazione del libro:

VELIA SACCHI: -“ IO NON STO A GUARDARE - MEMORIE DI UNA PARTIGIANA FEMMINISTA” - a cura di ROSANGELA PESENTI.

Per discutere dell’impostazione di queste iniziative il Comitato si ritroverà lunedì 20 febbraio alle ore 21,00 alla sede dell’ARCI Fuorirotta frazione Battaglie-Treviglio

Tutti gli interessati sono invitati a partecipare.

“Comitato per la difesa e l’attuazione della Costituzione - Treviglio e dintorni”

Nuovo account: difesa.attuazione.costituzione@gmail.com


(10.02.17) SAN PAOLO D’ARGON. UN MEDICO IN PIU’, ANZI DUE, PRESSO GLI AMBULATORI COMUNALI. IN DIRITTURA D’ARRIVO LA RISPOSTA ALLE RICHIESTE DEI CITTADINI RIMASTI SENZA MEDICO IN PAESE

Il Sindaco Cortinovis ci ha comunicato mercoledì scorso che – a seguito dell’interessamento dell’Amministrazione Comunalf e della direzione della Ats di Bergamo - entro breve tempo presso gli ambulatori comunali di San Paolo d’Argon sarà a disposizione per due giorni la settimana il Dott. Marinoni che ha sostituito – da dicembre – il precedente medico di base ritirato per pensionamento.
Un altro medico che attualmente opera a Trescore Balneario con circa 300 mutuati residenti a San Paolo d’Argon sarà nell’ambulatorio di San Paolo d’Argon per un giorno alla settimana, ma non potrà ricevere altri mutuati perché ha già raggiunto il numero massimo.
C’è solo da aspettare – secondo le parole del Sindaco – che gli ambulatori vengano opportunamente attrezzati e in particolare dotati della specifica connessione internet, dopo di che i cittadini verranno informati tramite locandine esposte nelle bacheche comunali e, forse, anche tramite comunicazioni agli interessati da parte dell’Azienda Territoriale Sanitaria.
Anche se risulta in parte disatteso quanto ci era stato prospettato nelle scorse settimane, riteniamo tuttavia che la soluzione adottata accolga in misura significativa le richieste che numerosi cittadini avevano espresso tramite una petizione dopo di che si erano visti – all’atto della scelta del nuovo medico – privati della disponibilità dell’ambulatorio in paese e costretti a recarsi in altro comune. Un disagio che aveva suscitato apprensione soprattutto fra i nostri concittadini più anziani e per le persone non auto-munite.
Rimane un problema più generale, che riguarda non solo il nostro comune ma tutto il territorio della provincia e della regione e che è legato alla difficoltà di garantire il turn over rispetto ai medici di base che si ritirano dalla professione per raggiunti limiti di età. Un problema, secondo quanto denunciato dalle associazioni sindacali dei medici di base, che potrebbe aggravarsi se la Regione non porrà rimedio tempestivamente agli errori nella propria programmazione in materia. (cfr. la nostra precedente comunicazione: qui)
Per eventuali richieste di chiarimento, si può continuare a fare riferimento al signor Italo Ceccherini (tel. 3393414739) o anche alla mail di questo blog (alternainsieme@yahoo.it).

Su questo tema, cfr. anche le nostre precedenti info: QUI


A

ABD EL-KRIM

Muḥammad ibn Abd el-Krīm el-Khaṭṭābī

Ajdir (Marocco), 1882

Il Cairo, 6 febbraio 1963


(06.02.17) TREVIGLIO. PRESIDIO PER FARE APPLICARE LA LEGGE CHE AIUTA LE FAMIGLIE COLPITE DA SFRATTO PER MOROSITA’ INCOLPEVOLE

* Lunedì 6 febbraio, dalle ore 8.30 a Treviglio in Via Milano n. 59, vicino  fabbrica Same (per info c/o tel. 3345086230 - Davide)

Domani mattina, lunedi 6 febbraio, a Treviglio, in via Milano n° 59, la famiglia di Mohamed, pur abitando in uno dei Comuni dove la legislazione fa obbligo agli enti locali di applicare i provvedimenti volti a sostenere le famiglie sfrattate per “morosità incolpevole”, si vedrà arrivare polizia ed ufficiale giudiziario intenzionati ad eseguire lo sfratto.
Durante il precedente tentativo di sgombero, scongiurato grazie alla mobilitazione degli attivisti anti-sfratto, ci sono stati momenti di tensione, le nostre compagne e i nostri compagni sono stati minacciati di denuncia dall’ufficiale giudiziario e la polizia.

Treviglio è uno dei comuni per i quali è prevista l’applicazione dei provvedimenti di graduazione degli sfratti e il sostegno alle famiglie sfrattate. Purtroppo l’applicazione delle procedure previste è rallentata dalla Amministrazione comunale che non ha neppure predisposto i moduli per fare le domande. Mentre in diverse province d’Italia i Comuni, le Prefetture, gli Ufficiali giudiziari sono coordinati e quindi si evitano tensioni ed esecuzioni di sfratto ingiustificate, in bergamasca le cose evidentemente non funzionano ancora come dovrebbero.
Per questo motivo Unione Inquilini chiede alla Prefettura che la legge venga a sostegno delle famiglie sfrattate venga applicata correttamente e tempestivamente.
(05.02.17. Per Unione Inquilini Bergamo-Trevigio: Fabio Cochis, tel. 3397728683)

Diritto alla casa, le nostre precedenti info: qui


(18.02.17) GANDOSSO. CENA DI AUTO-FINANZIAMENTO DEI COMUNISTI DI VALCAVALLINA E VALCALEPIO

* Sabato 18 febbraio, ore 19.30, c/o Circolo ARCI di Gandosso in via Avis 12 (salendo da Villongo, appena entrati nell’abitato di Gandosso, sulla sinistra seguendo le indicazioni campo sportivo)

Menù autoprodotto (vegetariano o carnivoro), buon vino, prezzi accessibili. Contribuisci anche tu ad arricchire il menù.

Sottoscrizione libera (”da ciascuno secondo le sue possibilità, a ciascuno secondo le sue necessità”) Il ricavato sarà destinato al sostegno delle attività dello Sportello Sociale di Castelli Calepio.

Per motivi organizzativi si pregano compagne e compagni di confermare la partecipazione, nonché la disponibilità a preparare parti del menù, entro e non oltre mercoledì 15
febbraio, telefonando a Claudio Sala (cell. 333.8737525) oppure a Maurizio Mazzucchetti (cell. 3389759975)

* Per l’occasione saranno disponibili, per chi vuole iscriversi a Rifondazione Comunista, le tessere 2017, che potete comunque richiedere a Claudio Sala (Circolo Valcalepio) o Maurizio Mazzucchetti (Circolo Valcavallina)

* Si ricorda che è in pieno svolgimento in queste settimane il X Congresso del Partito che si concluderà a Spoleto il 31 marzo-2 aprile.

* Il Congresso del Circolo Valcavallina si terrà domenica 5 marzo dalle ore 9.00  a San Paolo d’Argon presso la sala della Biblioteca Comunale; la data di quello del Circolo Valcalepio verrà comunicata a breve. Tutti i materiali per il Congresso sono consultabili e scaricabili in www.prcbergamo.it (qui)

Locandina: QUI


* Venerdì 3 febbraio, presidio solidale ad Azzano San Paolo in Via Roma 54, dalle ore 8.30 (info: tel. 3345086230 – Davide)

Samira che vive ad Azzano San Paolo con i suoi figli di 13 e 7 anni, disoccupata, è di nuovo sotto sfratto e venerdì mattina potrebbe essere buttata in strada.
Samira è prima nella graduatoria per l’assegnazione di una casa popolare ma per questo bisogna aspettare ancora alcuni mesi. Nelle scorse settimane è stata pure inserita - dietro regolare domanda - nella graduatoria per il sostegno e l’accompagnamento nello sfratto (“contributo per la morosità incolpevole”, previsto dalla legge).

Quindi esistono tutte le condizioni, e anche gli obblighi di legge per le istituzioni preposte, perché a Samira e ai suoi figli si possa evitare lo sgombero, posticipare lo sfratto, rimborsando la proprietà,  e garantire in tempi brevi il passaggio da casa a casa. Ma quello che si prospetta per venerdì mattina, è l’esecuzione dello sfratto.
Anche questo è uno sfratto che non si può e non si deve eseguire, anche secondo la legge. Domattina per evitare il peggio è necessaria la mobilitazione per chiedere il rispetto delle leggi, contro proprietà, ufficiale giudiziario, forze dell’ordine  che vogliono sgomberare.
Facciamo appello alla solidarietà. L’appuntamento per il presidio è alle ore 8.30 di venerdì 3 febbraio ad Azzano San Paolo in via Roma 54. (02.02.17 - Unione Inquilini Bergamo – Davide Canto)

Diritto alla casa, le nostre precedenti info: QUI


« Pagina precedentePagina successiva »