Nov 27 2009

(28.11.09) Coccaglio. United Colours of Christmas

Tag:Tag , site @ 11:42
(28.11.09) COCCAGLIO (bs)
 
 
Sabato 28 novembre, ore 14.30 dalla Stazione Fs di Coccaglio
 
Il testo dell’appello che abbiamo ricevuto: qui
 
Liberazione 22.11.09 (segue)
(28.11.09) COCCAGLIO (bs) TUTTI ALLA MANIFESTAZIONE ANTIRAZZISTA DI SABATO 28 NOVEMBRE. Dalla zona Valcavallina Per andarci ci incontriamo alle ore 13.30 circa a San Paolo d’Argon, in piazza Cortesi (vicino alle scuole). Info tel. 338.9759975

Coccaglio, Brescia: sabato in piazza contro gli assurdi provvedimenti xenofobi del sindaco leghista

I migranti «colorano» il bianco Natale di Bossi

“White Christmas”? A Coccaglio per Natale i migranti messi sotto tiro dall’amministrazione leghista preferiscono gli “United Colours of Christmas”. I colori, uniti, del Natale, risponderanno sabato 28 novembre ai provvedimenti discriminatori e xenofobi portati avanti dal sindaco Claretti. Per le ore 14 di sabato prossimo, le comunità migranti e le realtà antirazziste del Bresciano hanno indetto una manifestazione unitaria che partirà dalla stazione ferroviaria di Coccaglio. La decisione è scaturita dall’affollata assemblea plenaria di venerdì sera al centro sociale “28 Maggio 1974″ della vicina Rovato. Convocata in pochi giorni, l’assemblea ha raccolto molte decine di migranti e attivisti sia di Coccaglio che dell’intera provincia: dalle realtà autorganizzate ai partiti, da Radio Onda d’Urto ai centri sociali “28 Maggio 1974″ di Rovato e “Magazzino 47″ di Brescia, dai sindacati ad una miriade di associazioni che sul territorio lavorano a progetti di integrazione e nterculturali. «Il caso di Coccaglio - dice il documento uscito dall’assemblea di venerdì - è un esempio di come governo, istituzioni e mass media, per nascondere i veri problemi che affliggono il Paese (crisi del sistema di produzione, cassa integrazione, licenziamenti di massa) si fanno complici di una nuova forma di razzismo. Un razzismo diffuso a livello sociale e culturale, ora alimentato e potenziato dai recenti dispositivi legislativi, che lo istituzionalizzano».

 

Nel mirino c’è l’intera politica del Governo in materia di immigrazione, sicurezza e protezione dei ceti più deboli. Come la Lega Nord, attraverso provvedimenti come “White Christmas”, alza la posta dell’intolleranza e dalla paura, anche i migranti non si accontentano del cambiamento di un nome, “White Christmas”, che lo stesso Bossi ha avuto il pudore di definire “sgradevole”. «A Coccaglio - dicono infatti le comunità migranti - c’è chi non accetta di subire passivamente questo clima di apartheid. Sono in primo luogo i migranti, le diverse componenti della società civile, le associazioni, i sindacati, le forze politiche; tutti quegli attori sociali, culturali e politici che rifiutano quest’arroganza istituzionale, che nulla ha a che fare con i valori della nostra Costituzione». Per questo, sabato 28 novembre, migranti e antirazzisti saranno in piazza a Coccaglio: un corteo visto dall’assemblea come «un atto dovuto per non lasciar passare sotto silenzio quest’ennesimo provvedimento xenofobo e discriminatorio, che mette 400 famiglie nel limbo della paura e della discrezionalità di Comune e vigili». La manifestazione di sabato sarà preceduta da altre due importanti iniziative, scaturite dal protagonismo e dalla voglia di non restare più nell’ombra che i molti migranti presenti venerdì sera al “28 Maggio 1974″ hanno testimoniato.

Oggi, domenica, si terrà un volantinaggio di massa in centro a Coccaglio: un appuntamento fondamentale per riuscire a parlare a tutta la cittadinanza, visto che in paese si festeggiano i patroni Maurizio e Giacinto e per l’occasione nel centro storico è prevista la presenza di bancarelle e spettacoli di piazza. Mercoledì sera, invece, alle 18, ci sarà una presenza attiva di migranti e antirazzisti: presso il Municipio di via Matteotti è infatti in calendario una seduta del consiglio comunale, presieduta proprio dal sindaco leghista Franco Claretti. «Durante la seduta - dice Alberto Ghidini, consigliere comunale per la lista civica Coccaglio Viva e presente all’assemblea antirazzista - non è in programma una discussione vera e propria di White Christmas, ma stiamo cercando di presentare per tempo un’interpellanza in modo che ci vengano fornite risposte esaustive su provvedimenti di questa natura». Le tre liste di opposizione alla Giunta PdL - Lega Nord (UdC, Pd e la civica vicina alla sinistra) proporranno invece in settimana un’assemblea pubblica con tutta la cittadinanza. Sulla manifestazione, comunque, Pd e UdC si sono già sfilate, mentre la civica probabilmente ci sarà perché “l’operazione “White Christmas”, purtroppo, è la legittima conseguenza del fatto che nel nuovo pacchetto sicurezza, la immigrazione clandestina è definita un crimine, un reato, con conseguenze quanto mai deleterie. I sindaci, dotati di speciali poteri di polizia, vanno in cerca di immigrati irregolari per espellerli, anche se non hanno fatto nulla di male”.

La presenza dei cittadini di Coccaglio sarà centrale per la mobilitazione: nei paesi dell’ovest Bresciano, infatti, soffiano venti di guerra, alimentati dalla crisi economica, dalle strumentalizzazioni della destra e da gravi fatti di cronaca. Nella notte fra venerdì e sabato, a Rovato, una 28enne è stata rapita e violentata per diverse ore. Ieri i carabinieri hanno arrestato un giovane di nazionalità marocchina, con permesso di soggiorno e residente a Cortefranca, accusandolo sia di quanto successo alla ragazza che dell’accoltellamento del fidanzato, in auto con lei al momento dell’aggressione. Le scene rimbalzate sui tg nazionali e locali, con momenti di forte tensione all’esterno della caserma di Rovato, e le successive dichiarazioni infuocate dei politici locali di destra dimostrano che scendere in piazza, sabato, a Coccaglio, non sarà facile, ma anche per questo è ora forse ancora più necessario.

   

 

PZ redattore Radio Onda d’Urto
“Liberazione” 22.11.09

 

 

 

 

 

 

 

 

2 risposte a “(28.11.09) Coccaglio. United Colours of Christmas”

  1. cittadino di coccaglio ha scritto:

    sono un coccagliese senza parte politica, mi interessa solo la quiete e il rispetto delle regole, come sempre a coccaglio e’ stato.La popolazione compresi anche extracomunitari regolari a parte un piccolo o piccolissimo gruppo su questa questione e’ dalla parte del sindaco, ma non perche’ leghisti , ma perche’ la cosa dai giornali e’stata strumentalizzata e alla gente non va di vedersi sconvolgere la tranquillita’ quotidiana.Mi piacerebbe che voi,anche se difficilmente lo farete,prendiate atto che cmq c’e stata da parte dei media e di qualche attivista di sinistra la volonta’ di portare la situazione all’eccesso.E’ assurdo che a coccaglio una manifestazione contro situazioni inventate o eccessivamente alimentate venga poi fatta da personaggi che non sono neppure cittadini residenti..e come sempre farete la bella figura di disordini e devastazioni..(esasperati dei centri sociali e no global) spero che almeno impediate a questi esaltati di portare cattiva luce sulla manifestazione che cmq per me come cittadino di coccaglio non ha senso. Spero di essere preso in considerazione visto che non parteggio ne per destra ne per la sinistra. grazie

  2. Great Hemar ha scritto:

    Caro coccagliese, anche a noi piace la quiete, più di quanto piaccia a te. Non siamo proprio “esaltati”, anche perché abbiamo una certa età. Vogliamo manifestare domani pacificamente al tuo paese, e vorrei che - per le stesse ragioni - tu venissi a manifestare al mio di paese. C’è un governo di merda che non sa cos’è la convivenza civile, e ci sono dei capoccia i paese che gli vanno a ruota come cretini: e invece di risolvere i problemi, anche quelli di “quiete” che ti stanno così a cuore, li aggravano. Vuoi essere uno di quelli che danno ragione a padroni, fascisti e razzisti, cioé a quelli che poi ci mandano in merda e ci rovinano per sempre la “quiete”? Pensaci, fratellino coccagliese! (maurizio m.)
    Ps.: se domani ti fai vedere, possiamo parlarci

Lascia una risposta