Dic 20 2016

(20.12.16) Bergamo. Inchiesta nelle case popolari Aler: tra appartamenti vuoti e caseggiati fatiscenti

Tag:Tag admin @ 15:02

(20.12.16) BERGAMO. INCHIESTA NELLE CASE POPOLARI ALER: TRA APPARTAMENTI VUOTI E CASEGGIATI FATISCENTI

UNIONE INQUILINI: “IL DEGRADO PEGGIORA GLI EFFETTI DELLA CRISI ECONOMICA, CHIEDIAMO DI ESSERE ASCOLTATI”
Affitti sempre più alti, caseggiati fatiscenti, appartamenti vuoti: questa è la realtà delle famiglie che vivono nelle case popolari Aler della città di Bergamo (ma anche della provincia). Per portare all’attenzione di tutta la città una situazione che negli anni ha assunto toni drammatici, il sindacato Unione Inquilini ha avviato una inchiesta visitando i caseggiati di edilizia pubblica del quartiere Autostrada (Via Carnovali dal nr 3 al nr 29 e dal n° 43 al n° 63), proseguito nei quartieri della Malpensata (via Luzzati nr 7-53) e di Clementina (via Rovelli n°36/1-12) infine nei caseggiati di via Moroni.
Abbiamo organizzato questa inchiesta perché vogliamo ridare la giusta attenzione ad una situazione diventata davvero difficile. Vogliamo che tutti i cittadini conoscano i problemi che l’attuale amministrazione di ALER ha nascosto per questi 2 (due) anni: la condizione di decadimento in cui sono stati colpevolmente lasciate le circa 2000 case popolari ALER della città di Bergamo merita una risposta da parte della attuale Dirigenza, che invece continua a non incontrare i sindacati e i Comitati autorganizzati degli inquilini.
Durante l’inchiesta abbiamo incontrato i Comitati che rappresentano gli inquilini che abitano in questi caseggiati e abbiamo “dato voce” a loro, ai loro problemi e alle richieste. Vorremmo che fossero loro a spiegare ad ALER le condizioni di abbandono in cui sono stati lasciati dall’attuale dirigenza (Luigi Mendolicchio e Valter Terruzzi) ma anche da quelle che si sono avvicendate negli ultimi anni. Il degrado in cui sono stati lasciati i caseggiati delle case popolari hanno notevolmente peggiorato il disagio sociale determinato dalla crisi economica e dalla povertà che avanza. L’aspetto peggiore del problema, sono i circa 150 alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica tenuti vuoti nella città di Bergamo perché privi di manutenzione e quindi non assegnabili.
Di seguito trovate:
1) La piattaforma di rivendicazione dei Comitati
2) Articolo de L’eco di Bergamo (15.11.16) su situazione nei caseggiati
3) Articolo su L’Eco di Bergamo (15.11.16) sulle dichiarazioni dei sindacati inquilini
4)
Fotografie (L’Eco di Bergamo 15.11.16)

Diritto alla casa, le nostre precedenti info: qui

Lascia una risposta