Dic 29 2015

(29.12.15) San Paolo d’Argon. Verso l’inaugurazione del nuovo municipio. Alcune note

Tag:Tag , admin @ 9:46

(29.12.15) SAN PAOLO D’ARGON. IL 16 GENNAIO SI INAUGURA IL NUOVO MUNICIPIO. ALCUNE NOTE

Si inaugurerà il 16 gennaio prossimo il nuovo municipio del nostro comune, come è stato annunciato nel bollettino comunale di questi giorni e nel depliant ad hoc approntato dall’Amministrazione comunale (cfr. qui).
Giunge così alla sua conclusione un progetto partito nel 2009, ma in realtà maturato già negli anni Novanta in modo pressoché unanime all’interno del Consiglio comunale, con l’idea di acquisire prioritariamente al patrimonio comunale gli edifici storici della ex-scuola materna e dell’ex filatoio, che risalgono entrambi agli ultimi anni dell’ottocento, per farne un “centro civico” in grado di accogliere in modo razionale e dignitoso i servizi di cui ha bisogno la cittadinanza.
Le difficoltà incontrate specialmente nell’acquisizione dell’ex filatoio, ma anche la mancanza di chiarezza nella programmazione delle spese in conto capitale hanno di fatto impedito di affrontare in modo unitario tutta l’operazione, che pertanto si è sdoppiata in due distinti interventi separati, prima la nuova biblioteca e poi, solo dal 2009, il nuovo municipio, entrambi di esagerate dimensioni che occupano spazi che potevano servire anche ad altro.
Nel frattempo la pianificazione urbanistica - anche nell’ultimo Piano di Governo del Territorio - ha fatto in modo che le zone abitate si ampliassero oltre misura e da tutt’altra parte, col risultato che quello che era stato definito “il cuore del paese”, la via delle Rimembranze, cioè il collegamento tra il centro storico del paese (l’antico Buzzone) e l’ex Monastero, è diventato progressivamente una spazio decentrato e poco frequentato.
Con l’accordo di programma per il cosiddetto restauro dell’ex Monastero è stata infine sancita - in modo ulteriormente contraddittorio - la definitiva e drastica separazione (e per di più onerosa per le casse comunali e per la collettività!) dell’ex-Monastero dal contesto sociale e urbano del paese.
Ancora nel 2009 l’Amministrazione comunale, resasi conto delle contraddizioni a cui aveva contribuito anche lei stessa, aveva all’ultimo momento sottoposto alle forze politiche altre due ipotesi di localizzazione del nuovo municipio, che però risultavano ancora più deboli di quella dell’ex filatoio.
Diversi dei nuovi residenti di San Paolo d’Argon probabilmente non sanno che dagli anni Venti agli anni Ottanta circa il municipio di San Paolo d’Argon si trovava nel Viale delle Rimembranze, nell’edificio - allora a due soli piani - dove ora hanno sede il Centro anziani e alcune delle case comunali (cfr. una vecchia foto, probabilmente anni Trenta: qui).
Nessuno allora dubitava di quella localizzazione, tanto più che dopo i primi anni Sessanta, una volta trasferite le scuole elementari nella sede attuale, c’erano tutti gli spazi e le possibilità di ampliamento per rendere adeguato e funzionale il municipio ai nuovi bisogni.
Improvvisa e decisamente sciagurata fu allora la scelta di trasferire il Municipio in Via Medaglie d’Oro e di allestirlo alla meno peggio nella parte superiore di un capannone adibito a cinema.
La convenzione con l’immobiliare Agribellina, alla quale è stato ceduto in cambio della realizzazione de municipio l’ampia area a verde pubblico di Via Colleoni per farne altre villette, nonché la possibilità di realizzare capannoni tra Via Bergamo e Via San Lorenzo (con altro e ampio consumo di suolo), consente ora al Comune di rimediare, in qualche misura, all’errore degli anni Ottanta.
Ma occorre anche rimediare agli sprechi e agli altri errori che nel frattempo si sono accumulati, ripensando a come utilizzare o riutilizzare pienamente l’insieme degli edifici e spazi comunali vecchi e nuovi, sulla base dei reali bisogni sociali della cittadinanza e in particolare di quelli delle categorie più disagiate e in difficoltà. (29.12.15 - Alternainsieme.net)

Lascia una risposta