Set 21 2014

(20.09.14) San Paolo d’Argon. Lo stato maggiore della Compagnia delle Opere nel nostro ex Monastero

Tag:Tag , admin @ 22:26

(20.09.14) SAN PAOLO D’ARGON. LO STATO MAGGIORE DELLA COMPAGNIA DELLE OPERE E AFFINI NEL NOSTRO EX MONASTERO

Che ci facevano ieri a San Paolo d’Argon il prof. Giorgio Vittadini, anfitrione massimo del noto meeting concluso da poco di Cl a Rimini, e la prof.ssa Valentina Aprea, già sottosegretaria all’istruzione (con la Gelmini) e ora assessore regionale all’istruzione?
Non sono certo venuti per commemorare il XX Settembre anniversario della Breccia di Porta Pia, ma per partecipare, insieme ad autorità civili ed ecclesiastiche, alla premiazione dei diplomati dell’istituto tecnico superiore per marketing e internazionalizzazione delle imprese e per l’informatica industriale.
I responsabili dell’Its di San Paolo d’Argon, una scuola privata di stretta osservanza ciellina, hanno ricordato soddisfatti che “l’88% dei diplomati ha trovato lavoro dopo un anno”.
“Peccato -
ha scritto già qualcuno da San Paolo d’Argon - che questa statistica di per sé straordinaria in un’Italia in cui è disoccupato un giovane su due, non abbia tenuto conto dei precari e degli stagisti che non godranno della possibilità di assunzione vera e propria.Ma si sa, l’autocelebrazione viene prima di tutto”. (cfr. “Il gazzettino di San Paolo d’Argon” disponibile su Google Play).
Un’autocelebrazione tanto più urgente visto che - malgrado i finanziamenti pubblici sempre in crescita - le scuole private in generale stanno perdendo colpi sia come iscrizioni sia come qualità (sembra che gli indicatori non proprio esaltanti della scuola italiana dipendano in buona parte proprio dalle scuole private).
Fa specie comunque ancora una volta constatare come il nostro glorioso ex Monastero, soppresso nel 1797 dal grande Napoleone Bonaparte per metterne i beni a disposizione del “pubblico”, sia oggi una scuola privata dove ogni occasione è buona per le sfilate di personaggi che - con la scusa della sussidiarietà - privatizzerebbero non solo l’istruzione ma anche l’aria che respiriamo, ancor meglio se sotto la triplice benedizione del capitale, di santa madre chiesa e governo (qualunque esso sia, purché privatizzi e foraggi con soldi pubblici la scuola privata).

Ps.

(23.09.14) Riportiamo il commento di una nostra amica in Fb a proposito della scuola superiore ciellina stanziata nel nostro ex Monastero benedettino: “sono andata ad informarmi hanno rette altissime e solo gente molto benestante può permettersela e visto che il lavoro tocca solo a loro si crea un circolo vizioso da cui noi poveretti operai di aziende in crisi e monoreddito siamo totalmente esclusi ! Boh”

Rassegna stampa. BergamoSera 19.09.14: qui; L’Eco di Bergamo 20.09.14: qui

Le nostre precedenti info: qui

Lascia una risposta