Giu 30 2013

(30.06.13) Propensione all’evasione fiscale: San Paolo d’Argon ai primi posti

Tag:Tag admin @ 9:11

(30.06.13) SAN PAOLO D’ARGON. “PROPENSIONE ALL’EVASIONE FISCALE”: IL NOSTRO PAESE RISULTA TRA I PRIMI DELLA BERGAMASCA

E’ quanto emerge da una ricerca dell’Ires Cgil “Lucia Morosini” presentata nei giorni scorsi a Bergamo (cfr. Giornale di Bergamo 28.06.13). San Paolo d’Argon su 76 comuni analizzati (tutti quelli con popolazione superiore a 5.000 abitanti) risulterebbe tra i 15 comuni con maggior “propensione all’evasione fiscale”, collocandosi al 7° posto. Viene preceduto dai comuni di Costa Volpino, Clusone, Verdellino, Ghisalba, Zogno, Villongo e seguito da quelli di Gazzaniga, Calusco d’Adda, Romano di Lombardia, Calcio, Pontirolo Nuovo, San Giovanni Bianco, Palosco, Albino. L’insieme della provincia di Bergamo si colloca al 4° posto fra le province della Lombardia. Per la bergamasca l’evasione fiscale è stimata tra i 4 e i 5 miliardi, di 45 miliardi abbondanti in Lombardia e di 276 miliardi (ipotesi massima Istat 2012) a livello nazionale. Per contrastare l’evasione fiscale, secondo la Cgil “le amministrazioni devono collaborare con l’agenzia delle entrate, mentre a livello provinciale è necessario un tavolo di programmazione con tutti i soggetti interessati, dalle parti sociali alle imprese”.

La ricerca dell’Ires Cgil “Stima del lavoro sommerso e del rischio di evasione fiscale nella provincia di Bergamo”: QUI

Una risposta a “(30.06.13) Propensione all’evasione fiscale: San Paolo d’Argon ai primi posti”

  1. admin ha scritto:

    Se il nostro comune viene indicato come comune a “rischio di evasione fiscale” piuttosto alto, non si può far finta di niente. L’Amministrazione comunale dovrebbe quanto meno verificare le procedure e le conclusioni della ricerca della Cgil, cercando di approfondirne e coglierne il grado di attendibilità , e quindi mettere in atto tutto quanto di sua competenza per la lotta all’evasione fiscale – tante o poche che siano le competenze che la legge riserva ai comuni. Tutti i comuni dovrebbero fare questo. A maggior ragione, quelli come il nostro che una ricerca - che ha tutta l’aria di essere seria e fondata- indica fra i comuni al top in quanto rischio di evasione fiscale.

Lascia una risposta