Giu 19 2011

(19.06.11) VARIANTE STATALE N.42 URGENTE ED AGOGNATA… MA CHE SCEMPIO!

(19.06.11) VARIANTE STATALE N.42 URGENTE ED AGOGNATA… MA CHE SCEMPIO!

E’ poco più di quattro chilometri da Albano Sant’Alessandro alla parte sud di Trescore Balneario. Poca cosa in confronto alle “grandi opere”. Ma vista da vicino anche questa modesta variante  si presenta senz’altro come una gigantesca devastazione del territorio.

Variante SSn.42 in costruzione, FOTO: QUI

Le nostre precedenti info: qui

10 risposte a “(19.06.11) VARIANTE STATALE N.42 URGENTE ED AGOGNATA… MA CHE SCEMPIO!”

  1. alfio ha scritto:

    C’è mai qualcosa che vi possa andare bene?

  2. site ha scritto:

    Ad una considerazione meno superficiale, dobbiamo ammettere che la variante risolverà definitivamente tutti (tutti!) i problemi del traffico nella zona. Ma i benefici delle opere in corso non si limitano solo a questo. Le escavazioni in corso - come si può notare dalle immagini - contribuiscono a migliorare l’assetto idrogeologico e il sistema delle falde acquifere, nonché a rafforzare l’agricoltura locale. Last but not least, è finalmente possibile porre almeno in parte rimedio - dopo duemila anni - alla mostruosa organizzazione agricolo-territoriale imposta dalla centuriazione romana, che ha interessato, almeno secondo alcune ipotesi, una parte dei terreni attraversati dalla nuova Opera Stradale.
    Le osservazioni originali, come quelle di Alfio, sono sempre di grande stimolo.

  3. Critico ha scritto:

    E no Alfio io credo che sia giusto essere critici. Soprattutto davanti ad opere realizzate con leggerezza come questa. Basta osservare il progetto e in particolare l’infernale nodo di raccordo previsto tra Gorlago e Trescore, solo dei pazzi possono pensare di realizzare una tale mostruosità, e il tutto al solo evidente scopo di non toccare i soliti interessi dei soliti noti.
    In un paese che affronta i problemi e le opere pubbliche con tali atteggiamenti è salutare essere critici e lo sarebbe ancora di più se si riuscisse a cacciare certi amministratori (tipo il sindaco di Trescore)a pedate.

  4. alfio ha scritto:

    per Critico
    Cacciare a pedate certi amministratori è il modo tipico di dire di chi non ha argomenti validi e alternativi da presentare.
    I soliti e ormai noiosi no a tutto della sinistra denotano un vuoto assordante di idee.
    Invece di continui, reiterati e retorici appelli a cui gli elettori non credono, sarebbe bene iniziaste una collaborazione fattiva e costruttiva per la soluzione dei problemi locali.
    Il risultato delle recenti elezioni lo dovreste tenere in dovuto conto!

  5. site ha scritto:

    Dovremo cercare di collaborare con chi non si fa scrupoli di sfasciare il territorio per i propri profitti, con gli imprenditori che sfruttano a piene mani il lavoro precario, con gli xenofobi e i razzisti….?
    Il risultato delle elezioni amministrative e dei referendum dicono che le cose cominciano ad andare in un senso che certamente a te non piace.

  6. alfio ha scritto:

    Vedo che “site” risponde anche per altri blogger!
    Ha la delega di pensiero e parola?

  7. roberot ha scritto:

    Ma non si stava discutendo di una strada?site mi spiace, ma se vuoi una crociata a favore degli insediamenti romani o dei precari dimostri solo la tua vuotezza di risposte.
    C’è sempre un modo migliore di realizzare un opera (qualcuno di voi direbbe non farla…)! con questo vostro spirito la attendiamo da trent’anni, grazie per il vostro voler perpetuare la nostra attesa, stasera tornando in coda da Bergamo, dopo l’ennesimo venerdì di lavoro e passione penserò a voi, ai precari e alle vostre mure romane, tanto di tempo in auto ne avrò abbastanza.

  8. site ha scritto:

    No, Roberto, qui ti sbagli: non abbiamo mai detto di non farla, anzi. Abbiamo sempre detto che la strada tra Albano e Trescore si doveva fare: per risolvere i problemi del traffico, ma non per attivare altre operazioni (centri commerciali, interporto, capannoni e così via) che attirano traffico ulteriore e che vanificheranno i benefici che i cittadini si attendono. Questo è stato il nostro impegno.
    Quanto poi agli svincoli, avevamo proposto di farne di meno.

    Stasera quando sarai in coda dalle parti della Ca’ Longa, pensa a come sarà tra pochi giorni (o poche settimane) quando aprirà i nuovo centro commerciale Bennet, secondo quanto è stato annunciato già da tempo! E sai che poi - quando ci sarà la variante - per quel cnetro commerciale è programmato addirittura il raddoppio?
    E ci sarebbe anche dell’altro, ma taglio per ragioni di brevità.

    Solo questa ti racconto:
    Una quindicina di anni fa l’Anas aveva proposto di collegare la nuova strada della Valseriana con quella del Sebino attraverso una galleria tra Endine e Gandino. Avrebbe tolto dalla viabilità attuale tutto il traffico di attraversamento dalla Valcamonica e dal Sebino (il 75% circa), la strada sarebbe costata di meno e si sarebbe fatta più in fretta (quanti decenni dovremo invece aspettare per trovare i soldi per completare il tratto attualemnte in costruzione e risalire la Valcavallina, devastandola - inevitabilmente - non poco?)
    Tutti i politici locali dissero subito di NO e senza battere ciglio.

    Non ti parlo poi del metrò e dei mezzi altenativi, da decenni anche questi sulla carta, ma che per altri decenni rimarranno ancora tali.

    Questo sono (alcune delle) cose concrete di cui ci siamo occupati e ci stiamo occupando, con proposte volte a modernizzare il sistema dei trasporti e della mobilità per eliminare le code frequenti in cui incappano gli automobilisti.

    … Credo d’aver scritto abbastanza… per ora…

  9. Francesco ha scritto:

    Sono curioso di sapere se disponete di fotografie dall’alto. Dalle foto pubblicate si potrebbe pensare ad opere apperentemente non corrispondente alle planimetrie del progetto pubblicate.

  10. site ha scritto:

    Non abbiamo foto dall’alto. Che cosa in particolare non ti “quadra” rispetto al progetto pubblicato? Possiamo sempre tornare a fare un giro e controllare.Ciao

Lascia una risposta