Giu 05 2011

(30.05.11) “L’ALTERNATIVA - SAN PAOLO D’ARGON” - REFERENDUM 12-13 GIUGNO 4 SI PER LA DEMOCRAZIA

Tag:Tag , , site @ 15:34

(05.06.11) “L’ALTERNATIVA - SAN PAOLO D’ARGON” -REFERENDUM 12-13 GIUGNO 4 SI PER LA DEMOCRAZIA

SI’ all’abrogazione delle norme di legge che privatizzano il servizio idrico, cioè l’acqua pubblica  (2 schede referendarie)

SI’ per abrogare vari articoli di legge e impedire così la costruzione di centrali sul territorio italiano (1 scheda referendaria)

SI’ infine a cancellare il “legittimo impedimento” che permette al Presidente del Consiglio e ai ministri di non recarsi in un’udienza penale se sopraggiungono impegni di carattere istituzionale (1 scheda referendaria)

Perché i referendum siano validi, è necessario raggiungere il “quorum”, cioè deve recarsi alle urne almeno la metà degli elettori. SI VOTA DOMENICA 12 GIUGNO (dalle ore 8 alle ore 22) E LUNEDI’ 13 GIUGNO (dalle ore 7 alle ore 15).

(05.06.11) SAN PAOLO D’ARGON. BANCHETTO PER I REFERENDUM SULLA STATALE 42, ALLA “BETTOLA”. FOTO: QUI

“L’Alternativa - San Paolo d’Argon”. Per comunicazioni: tel. 338.7268790, alternainsieme@yahoo.it

Le nostre precedenti info: “referendum acqua”, no-nuke“, “referendum 12-13 giugno

6 risposte a “(30.05.11) “L’ALTERNATIVA - SAN PAOLO D’ARGON” - REFERENDUM 12-13 GIUGNO 4 SI PER LA DEMOCRAZIA”

  1. licos ha scritto:

    NON ANDATE A VOTARE.

    TANTO POI, QUALE SIA IL RISULTATO, CON QUALCHE LEGGINA AD HOC, IL VOLERE DELL’ELETTORATO SARA’ COMUNQUE STRAVOLTO!
    NON FATEVI PRENDERE IN GIRO DAI SOLITI POLITICANTI DI MESTIERE!

  2. site ha scritto:

    Quello di Licos è un post da politicante scafato che punta soprattutto a darla vinta alle lobby nucleariste, al business (ruberia!) delle privatizzazioni e al (cialtrone) Presidente del Consiglio.
    Licos non crede nella democrazia, perché ad essa preferisce proprio le “leggine” dei politicanti di mestiere.

  3. licos ha scritto:

    La mia non è risposta da potiticante scafato, ma cittadino realista che ha visto i risultati di altre votazioni referendarie che hanno illuso la gente speranzosa in un cambiamento vanificato da leggine che hanno reintrodotto cio’ che era stato cassato dal voto.
    Esempi di volontà popolare non rispettata:
    abolizione del finanziamento pubblico ai partiti, applicazione della responsabilità civile dei magistrati, privatizzazione della RAI, abolizione del ministero per l’agricoltura.
    Quindi non fatevi ingannare NON ANDATE A VOTARE perdereste tempo inutile - meglio andare al mare o in montagna.

  4. site ha scritto:

    Il furbacchione Licos continua ad insistere e vuole convincerci ora che il modo migliore per far dispetto alla moglie (cioè a chi al potere fa le “leggine” e stravolge le indicazioni democratiche popolari..etc…) è quello - per REALISMO! - di tagliarci i coglioni (cioè privarci della possibilità di dire la nostra… cioè della democrazia…)!

  5. licos ha scritto:

    Il furbacchione Licos non vuole convincere nessuno, e a differenza vostra porta prove inconfutabili dell’inutilità dell’istituto referendario abrogativo. Il furbacchione non vuole che vi tagliate i coglioni e che rinuniciate a dire la vostra…..dice che il NON ANDARE A VOTARE per i referendum è un diritto sacrosanto di ogni cittadino ed è anche una maniera democratica e libera per far capire a certi politicanti il proprio dissenso sul modo di trovare soluzioni politiche che sicuramente (quale sia l’esito dei referendum) non porteranno a nessuna soluzione reale dei problemi.
    QUINDI IL NON VOTO E’ A MIO PARERE LA SOLUZIONE MIGLIORE CHE SUGGERISCO AI CITTADINI

  6. Ma sei scemo? ha scritto:

    Certo di imbecilli in malafede come Licos c’è piena l’aria, finche durano ovviamente.
    Tutti a votare 4 SI!

Lascia una risposta