Dic 20 2008

(20.12.08) Manifestazione per la Valle Brembana

Tag:Tag , , site @ 17:29

(20.12.08) ZOGNO  CRISI: MANIFESTAZIONE PER LA VALLE BREMBANA.

Sabato 20 dicembre, Zogno, ore 9.30 piazzale dell’Istituto Turoldo di Camanghè.

L’appello del circolo di Rifondazione Comunista della Valle Brembana. “La crisi la gestisca chi non l’ha provocata”. Volantino 1: qui; volantino 2: qui

Un appello per il 20 Dicembre: la Valle Brembana in piazza per il proprio futuro.
La crisi la gestisca chi non l’ha provocata!

Paradosso, “conclusione che appare inaccettabile perché sfida un’opinione comune”, questo dice wikipedia. Questo è quello che le istituzioni della Valle Brembana riescono ad esprimere di fronte alla grave situazione economica e sociale nella quale ci troviamo.

Questo è inaccettabile, non solo per noi, ma per la maggioranza delle quasi 43.000 persone che ancora vivono in valle.

L’opinione comune, ma anche la semplice razionalità, presuppone che chi per 30 anni ha gestito la politica, l’economia, il territorio, prenda atto che la catastrofe da tempo annunciata è giunta e ne tragga le conseguenze. La “casta brembana” prenda atto del proprio fallimento e vada a casa!

Nel 2005 lanciammo un forte segnale relativamente alla necessità di una discontinuità, della ineludibilità di un processo di coinvolgimento delle forze politiche, sindacali e sociali che quotidianamente sul territorio lavorano  e si confrontano con i bisogni, le esigenze, le speranze del territorio.

Si è scelta la via dei tavoli istituzionali che non si incontrano mai, del soggiacere della politica dei poteri forti (quelli che i debiti li scaricano sul pubblico e i soldi pubblici li usano per andare in Cina a produrre), delle interviste alla stampa  e delle feste paesane, della creazione di infrastrutture al Passo di San Marco anziché laddove l’economia era viva …

Siamo di fronte al fallimento totale delle iniziative di rilancio della valle sin qui proposte, al venir meno di tutte le indicazioni inserite nei piani di sviluppo socioeconomico (pagati ovviamente con i soldi dei contribuenti) , alcune delle quali a nostro parere  propositive ed azzeccate (investire sul trasporto ferroviario, vincere la frammentazione amministrativa, fare sistema economico, combattere l’evasione fiscale e contributiva) si è preferito la “deregulation”, intesa come la politica che non gestisce più nulla, che si dimette dal proprio ruolo e lascia che “altri” si occupino della “cosa pubblica”.

Siamo di fronte alla ennesima auto investitura da parte di quelli che hanno delegato, nel tempo, ai Polli, ai Bombassei, ai Quadri, ai Percassi  la progettazione, o meglio lo sfruttamento, del territorio. Di quelli che oggi pensano che il futuro in Valle Brembana faccia rima con “case da gioco/usura” e percorsi agevolati agli investimenti da parte della malavita organizzata.

Paradosso?, no follia! Fermiamoli!

Facciamo del 20 Dicembre una occasione di rilancio del protagonismo dei lavoratori, dei sindacati, della società civile e di coloro che pensano che economia/ambiente/società siano gli elementi dal quale partire per dare un futuro alla valle Brembana.

Rifondazione Comunista-Sinistra Europea già nel 2005, quando la crisi della Valle si presentava, tra le rassicurazioni degli amministratori vallari, presentò un progetto con proposte concrete sui passi da attuare per salvare l’esistente e pensare ad un rilancio che partisse dal basso. A tre anni di distanza la situazione si è aggravata, la ricerca di un nuovo punto di riferimento è urgente. Per il prossimo 7 marzo promuoveremo un convegno dove presenteremo le nostre analisi e le nostre proposte partendo dal documento del 2005, che alleghiamo, e che confronteremo e discuteremo con chi ha veramente a cuore il futuro della nostra valle, con chi non intende svendere il territorio, con chi crede che la partecipazione è l’unica forma decisionale, con chi condivide l’idea che “un’altra valle brembana è possibile” .

Il 20 Dicembre tutti in piazza per dire NO alla “casta fallimentare”, SI al rilancio della Valle Brembana e di un processo democratico che salvaguardi il territorio, valorizzi le risorse e riparta dal basso.

Rifondazione Comunista- Sinistra Europea
Circolo “Piero Panchnin” della Valle Brembana

Lascia una risposta