(14.12.18) BERGAMO. SE IL TUO APPARTAMENTO FINISCE ALL’ASTA, ANCHE TUTTA LA TUA PRIVACY FINISCE NEL SITO DEL TRIBUNALE

Sempre più alto è il numero delle famiglie la cui abitazione viene pignorata e messa all’asta o perché il mutuo casa non è stato più possibile pagarlo o per altre disgrazie. Sono tanti drammi che sconvolgono la vita delle persone.
In questi giorni più di mille sono le aste giudiziarie previste in provincia dal Tribunale di Bergamo e di queste una buona percentuale sono alloggi vissuti da famiglie che dovranno in un prossimo futuro andarsene dopo averci vissuto da anni e anni, forse dalla nascita o forse addirittura da prima.
Il sito delle aste giudiziarie non concede molto alla privacy: per ogni “lotto” messo all’asta viene indicato con precisione l’indirizzo, il link di google-maps, la scala, il numero dell’appartamento, il piano e così via, tanto che la tua famiglia può essere facilmente identificata da tutti i conoscenti.
Viene poi resa pubblica una “galleria fotografica” anche degli interni; e così in modo impietoso tutti possono vedere i dettagli più intimi e riservati della tua abitazione, a partire – per esempio - dalla stanza in cui dormi con tua moglie o tuo marito, il tuo comodino, la tua abatjour, i quadretti appesi, il copriletto, le tende alle finestre, lo scendiletto…
Anche la tua cucina è in bella mostra con le pentole, il lavandino, le stoviglie e il tavolo su cui ci si ritrova a desinare. E poi i libri, i soprammobili, i vasi dei fiori, l’alberello di Natale, i giocattoli dei bambini…; insomna i dettagli della tua vita. Ci sta pure l’immagine di un familiare preso di spalle, forse un anziano che da tempo non esce di casa e fatica a spostarsi dalla sua sedia.

Non sfuggono nemmeno i solai, dove ci sono i mobili dei nonni accatastati, i materassi, i tappeti, gli elettrodomestici rotti e tutti gli altri oggetti impolverati che non usiamo più da anni ma non abbiamo ancora trovato il tempo - o il coraggio - di separarcene definitivamente portandoli alla discarica.
E poi ci sono le foto dello scantinato o del box con le biciclette dei tuoi figli, i vecchi copertoni non più utilizzabili, la cassetta con con le cipolle e qualche attrezzo di lavoro.
La documentazione fotografica del tribunale, messa sotto gli occhi di tutti e a beneficio di quanti sono in cerca di buoni affari con le aste giudiziarie, non si ferma nemmeno alla toilette: il bidè, il rotolo della carta igienica, l’asciugamano, i panni sporchi, il telo della doccia…
C’è solo di tanto in tanto qualche striscia bianca o nera a nascondere dettagli forse perché troppo personali o perché il curatore fallimentare è preso da scrupoli.
Abbiamo fatto una breve ricerca nel sito del Tribunale di Bergamo dopo che un nostro associato – così ci ha detto - si è visto nelle scorse settimane piombare in casa gli addetti alle aste, non perché fosse moroso di alcunché ma perché è in corso il fallimento dell’immobiliare a cui paga l’affitto regolarissimamente. Anch’egli si è ritrovato con diverse foto dettagliate degli interni del proprio alloggio pubblicate nel web, ha provato rammarico per essere stato troppo accondiscendente con gli addetti del curatore fallimentare e ci ha chiesto di fare qualcosa: per sé e per tutti gli altri che incorrono in simili sgradevoli esperienze.
E non ci rimane – per ora - che pubblicare questa nota con la speranza che possa suscitare qualche attenzione e convincere chi ne è responsabile ad agire nel rispetto degli affetti di ciascuno invece di squadernare tutto nel web. Il diritto alla privacy deve valere tanto per i ricchi quanto per i poveri che perdono la casa.
Nella foto collage sopra riportata sono riprodotte alcune immagini di interni pubblicate in www.tribunale.bergamo.it, sezione vendite giudiziarie, foto scelte tra quelle più comuni e variamente tagliate o modificate per non incorrere a nostra volta in quanto vogliamo denunciare. (14.12.18, Unione Inquilini Bergamo)

Diritto alla casa, le nostre precedenti info: qui


(16.12.18) LOVERE. 75° ANNIVERSARIO “TREDICI MARTIRI DI LOVERE” (Poltragno, Lovere 22 dicembre 1943)

* Lovere, domenica16 dicembre 2018, corteo commemorativo; concentramento ore 9.45 in Piazza Tredici Martiri

Nel 75° Annivesario della fucilazione si ricordano i TREDICI MARTIRI Francesco Bessi, Giulio Buffoli, Salvatore Conti, Andrea Guizzetti, Eraldo Locardi, Vittorio Lorenzini, Guglielmo Macario, Giovanni Moioli, Luca Nitckisc, Ivan Piana, Giuseppe Ravelli, Mario Tognetti e Giovanni Vender. Con loro saranno ricordati i Caduti loveresi della Resistenza Pietro Caminada, Luigi Caroli, Pietro Ghedini, Francesco Petenzi e Francesco Tarzia.

PROGRAMMA:

Ore 8.30:
Santa messa nel Santuario S.S. Capitanio e Gerosa
ore 9.45:
Raduno dei partecipanti in Piazza Tredici Martiri. I rappresentanti delle Amministrazionie e delle Associazioni sono invitati a presenziare con i gonfaloni.
Deposizione di corona al Monumento dedicato ai Tredici Martiri.
Intervento di Mauro Magistrati, Presidente Anpi provinciale.
Inizio corteo e sfilata per le vie cittadine con deposizione di corona d’alloro alla Targa in Piazza Tredici Martiri e alla Lapide di Piazza Vittorio Emanuele II.
Ore 11.00:
Arrivo al cimitero. Deposizione di corona d’alloro al Monumento dei Fratelli Pellegrini e dei Tredici Martiri.
Raffigurazione scenica sui Tredici Martiri a cura di Silence Teatro. Intervento conclusivo del Sindaco di Lovere, Dott. Giovanni Guizzetti
(a cura Anpi - Lovere)

Ora e sempre Resistenza

***

NOTA. Il 29 novembre 1943 Eraldo Locardi e la sua banda operarono insieme ad altri partigiani di Lovere (gli uomini del Gruppo Patrioti loveresi, guidati da Giovanni Brasi) un’operazione di autofinanziamento prelevando il denaro dagli uffici stabilimento dell’Ilva di Lovere, contemporaneamente attaccarono la sede del Fascio repubblicano e le due centrali telefoniche dello stesso paese. Nell’azione furono uccisi due notabili fascisti di Lovere: il podestà Paolo Rosa e il segretario del fascio di Lovere Giuseppe Cortesi. Il 7 dicembre 1943, circa 200 uomini (tedeschi e componenti la G.N.R.) risalgono la piccola valle che da Corti porta alle stalle di Ramello, fino ad arrivare ad una cascina appena fuori dalla frazione di Ceratello (loc. Ciar), che ospita il corpo di guardia del gruppo partigiani di Lovere, mentre il resto del gruppo è alloggiato nelle casine più in alto.
I rastrellatori circondano la cascina e, senza sparare un colpo, grazie all’opera di una spia, catturano l’intero corpo di guardia composto da Piana, Guizzetti, Conti, Vender, Macario e Buffoli. La sorpresa ed il tradimento pongono i partigiani nella impossibilità di reagire. I fascisti ed i tedeschi proseguono quindi fino alle cascine ospitanti il grosso della formazione, ma senza alcun esito, poiché i partigiani, resisi conto della situazione e posti in allarme dai partigiani Tarzia e Corna, riescono a sganciarsi. Grazie alle informazioni della stessa spia, nei giorni seguenti vengono arrestati altri sette resistenti, allontanatisi dalla formazione per assolvere altri incarichi. Sono: Locardi, Lorenzini, Ravelli, Bessi Tognetti, Moioli e lo slavo Nikitsch.
Tutti e tredici vengono tradotti nelle carceri di via Pignolo a Bergamo. Per alcuni giorni vengono sottoposti a torture. Il 22 dicembre 1943 vengono prelevati dal carcere e condotti a Lovere. Arrivati a Poltragno, sette partigiani vengono fatti scendere, condotti sulla strada che conduce a Sellere e fucilati alla presenza dei loro compagni. Gli esecutori, sghignazzando, scrivono sul muro bagnato di sangue “fuorilegge” e ripartono per Lovere per compiere la seconda strage. Gli altri sei, dopo che la direzione dell’Ilva si è opposta al tentativo di procedere alla fucilazione lungo il muro di cinta della fabbrica, vengono condotti nei pressi della pesa pubblica di Lovere (attuale Caserma dei Carabinieri) e lì fucilati di fronte al alcuni cittadini inorriditi.

I TREDICI MARTIRI

1. Bezzi Francesco, nato a Bornato (Bs) il 31/12/1926, residente a Cazzano S. Martino (Bs), operaio, inquadrato nel Gruppo Patrioti loveresi (Gpl), riconosciuto “Partigiano”
2. Buffoli Giulio, nato a Palazzolo sull’Oglio (Bs) il 24/10/1902, residente a Palazzolo sull’Oglio (Bs), operaio, inquadrato nel Gruppo Patrioti loveresi (Gpl), riconosciuto “Partigiano”;
3. Conti Salvatore, nato a Lovere (Bg) il 21/01/1922, residente a Lovere (Bg), studente, inquadrato nel Gruppo Patrioti loveresi (Gpl), riconosciuto “Partigiano”
4. Guizzetti Andrea, nato a Lovere (Bg) l’8/09/1924, residente a Lovere (BG), apprendista operaio nello stabilimento Ilva, inquadrato nel Gruppo Patrioti loveresi (Gpl) con il nome di battaglia “Andreino”, riconosciuto “Partigiano”
5. Locardi Eraldo, nato a Milano il 26/06/1920, residente a Grumello del Monte (Bg); ex tenente dell’esercito italiano, ferito in combattimento sul fronte greco e rimpatriato claudicante dall’Albania; dopo l’8 settembre 1943 con il nome di battaglia “Longhi” organizza in Val Calepio una banda partigiana chiamata “Primo battaglione Badoglio”, si alleerà con i partigiani garibaldini di Giovanni Brasi di Lovere; riconosciuto “Patriota”
6. Lorenzini Vittorio, nato a Telgate (Bg) il 25/08/1925, residente a Sesto S. Giovanni (Mi), operaio, inquadrato nel “Primo battaglione Badoglio” (la banda di Locardi) con il nome di battaglia “Sbafi”, riconosciuto “Partigiano”
7. Macario Guglielmo Giacinto, nato a Lovere (Bg) il 3/10/1925, residente a Lovere (Bg), apprendista operaio, inquadrato nel Gruppo Patrioti loveresi (Gpl) , riconosciuto “Partigiano”
8. Moioli Giovanni, nato a Grumello del Monte (Bg) il 29/10/1926, residente a Grumello del Monte (Bg), bracciante, inquadrato nel “Primo battaglione Badoglio” (Banda Locardi) con il nome di battaglia “Tecia”, riconosciuto “Partigiano”
9. Nikitch Luca
10. Piana Ivan, nato a Lovere (Bg) il 24/02/1924, residente a Lovere (Bg), ragioniere, inquadrato nel Gruppo Patrioti loveresi (Gpl), riconosciuto “Partigiano”
11. Ravelli Giuseppe, nato a Casnigo (Bg) il 3/07/1923, residente a Leffe /Bg), manovale, inquadrato nel Gruppo Patrioti loveresi (Gpl) con il nome di battaglia “Fulmine”, riconosciuto “Partigiano”;
12. Tognetti Mario, nato a Grumello del Monte (Bg) il 7/04/1922, residente a Grumello del Monte (Bg), commesso, inquadrato nel “Primo battaglione Badoglio” (Banda Locardi) con il nome di battaglia “Mario”, riconosciuto “Partigiano”
13. Vender Giovanni, nato a Breno (Bs) il 29/03/1926, residente a Lovere (Bg), meccanico apprendista, inquadrato nel Gruppo Patrioti loveresi (Gpl), riconosciuto “Partigiano”
(da http://www.straginazifasciste.it)


(02.12.18) SAN PAOLO D’ARGON. CASCINA “I CASOCC”: CHE NE SARA’?

Da oltre quattro anni la Cascina “I Casocc” è disabitata e abbandonata, con la vegetazione che sta avanzando un po’ dappertutto. Fino a quando sarà lasciato al degrado tale edificio storico, che risale al Seicento (cfr. la scheda preparata da noi, un po’ di tempo fa e in modo artigianale, per ricostruirne e documentarne le vicissitudini: cfr. qui)? I Casocc dal 1999 è sotto il vincolo della Soprintendenza del Ministero dei Beni culturali che l’ha ritenuta “di interesse particolarmente importante” ai sensi della Legge n.1089/39 con provvedimento ministeriale del 19.3.1999, e pertanto da salvaguardare mediante “interventi di restauro e risanamento conservativo attento alla tipologia tipica della tradizione edilizia locale”. (cfr. scheda del Sistema Informativo Beni Culturali Regione Lombardia: qui). E’ l’unico edificio civile fra i cinque che a San Paolo d’Argon sono sottoposti a questa tutela (gli altri sono il complesso dell’ex Monastero e Chiesa parrocchiale, le chiesette di origine medievale di Madonna d’Argon, di San Lorenzo e di San Piero delle Passere). Nel 2006, dopo una complessa vicenda politico-legale-amministrativa e con qualche prezzo sul piano urbanistico, paesaggistico e ambientale, la vecchia cascina – che continua ad essere di proprietà privata - venne “liberata” dall’orrendo “manufatto” in cemento armato che la circondava dagli anni Settanta sulla sommità del colle. Tra gli anni Novanta e il decennio scorso almeno altri tre edifici storici, coevi alla cascina dei Casocc, perfino più significativi e meglio conservati, sono stati lasciati cadere e/o abbattuti interamente, con o anche senza particolari pezze giustificative da parte dei pubblici poteri e certamente con modesto rammarico da parte dell’opinione pubblica prevalente. C’è da sperare che il “vincolo” citato serva ad evitare per I Casocc un esito analogo. (alternainsieme.net, 30.11.18)

Altre foto, settembre -novembre 2018: qui