(30.07.13) LE FALSITA’ DI PIPPO BAUDO SU VIA RASELLA E FOSSE ARDEATINE. LA RETTIFICA DEL TG3

Questa sera, martedì 30 luglio, nel corso del Tg3 delle 19 (edizione nazionale) è stato letto il comunicato di rettifica delle falsità sui fatti di Via Rasella pronunciate durante la puntata dell’8 luglio de “Il viaggio”.

Il direttore Bianca Berlinguer ha letto la seguente, circostanziata, precisazione:

“Nella puntata di lunedì 8 luglio de “Il viaggio”, su RAI 3, condotto da Pippo Baudo, sono state fatte delle affermazioni imprecise e non corrispondenti a verità sull’eccidio delle Fosse Ardeatine e sui fatti di Via Rasella. Non fu offerta, infatti, alcuna possibilità ai partigiani dei Gap (gruppi di azione patriottica e non di azione proletaria come si è detto nella trasmissione) di offrirsi per salvare le vittime destinate alla fucilazione nelle Fosse Ardeatine: il Comando tedesco rese pubblica la notizia dell’eccidio solo dopo il suo compimento come riconosciuto dallo stesso maresciallo Kesserling nel corso di un processo. Ben due sentenze, poi, della Corte di Cassazione hanno qualificato l’azione diVia Rasella come “legittimo atto di guerra”. Il ricordo dei martiri delle Fosse Ardeatine, cui va sempre il nostro commosso pensiero, deve essere sempre improntato alla verità storica e mai strumentalizzato. La direzione RAI 3 prende doverosamente atto del comunicato dell’ANPI nazionale, rammaricandosi di quanto accaduto”. (cfr. www.anpi.it)


(29.07.13) VALSUSA. PERQUISIZIONE CONTRO I NOTAV. GIU’ LE MANI DALLA “CREDENZA”

* Comunicato di Ezio Locatelli, segretario Prc-Torino

Ezio Locatelli, segretario provinciale Prc di Torino a proposito delle perquisizioni effettuate in data odierna contro attivisti e abitazioni Notav ha rilasciato la seguente dichiarazione:

“Esprimo sconcerto e indignazione per le perquisizioni a tappeto nelle case di attivisti NoTav in Valsusa e a Torino e le notifiche degli avvisi di garanzia per attività eversive finalizzate al terrorismo disposte dalla Procura della Repubblica di Torino. I reati contestati farebbero riferimento a quanto avvenuto la sera del 10 luglio a Chiomonte a seguito della marcia verso le reti del cantiere osteggiata dalle forze di polizia e conseguenti scontri. Tra le molte perquisizioni effettuate va registrato l’intervento di una decina di unità di polizia che ha interessato alle sei e trenta di questa mattina un locale dell’osteria “La Credenza” di Bussoleno dove alloggia un attivista NoTav a cui sono stati sequestrati computer e materiali informativi vari. Come tutti sanno “la Credenza” è lo storico punto di riferimento dei NoTav della Valle, sede sindacale e del locale Circolo di Rifondazione Comunista. Alle compagne e ai compagni che gestiscono la “Credenza” e a tutti gli attivisti e i cittadini in lotta contro il Tav va la nostra vicinanza e solidarietà.

Avremo modo di conoscere i dettagli e i risvolti dell’operazione però una cosa la possiamo dire con assoluta certezza: disconoscere l’opposizione al Tav, criminalizzare la protesta, trasformarla in un problema di ordine pubblico non porterà a nulla se non al risultato di gettare benzina sul fuoco. Forse è proprio in questa direzione che i gruppi affaristici, una classe politica e di governo screditata vogliono andare nel tentativo vano di spezzare e indebolire la protesta. Questo tentativo va respinto. La risposta deve essere ferma, partecipata coinvolgendo tutte le espressioni democratiche nel respingere ogni forma di intimidazione e provocazione. Rifondazione Comunista come sempre sarà a fianco del movimento NoTav della Valsusa. (Torino, 29.07.2013)

NoTav, le nostre precedenti info: qui


(26.07.13) MONTELLO. LA PROVINCIA ESCE DALLA SOCIETA’ DELL’INTERPORTO

La Giunta provinciale ha annunciato nei giorni scorsi il ritiro della partecipazione dalla Sibem, la società dell’Interporto Bergamo Montello, in quanto giudicata “non strettamente necessaria per il perseguimento delle finalità istituzionali della Provincia”. Anche il Consiglio provinciale ha votato il 15 luglio scorso un primo atto che prelude alla messa in vendita delle quote societarie pari al 2.95% del capitali sociale, corrispondenti a 262.161 euro. Gli assetti societari attuali della Sibem sono così strutturati: 90.90% (8 milioni di euro circa) alla Stilo Immobiliare del finanziere Percassi, Cobe (Comune di Bergamo) 4.81% (426.000 euro), Trenitalia 0.56% (circa 50.000 euro) e 0.77% la Camera di Commercio (68.000 euro circa). Come è noto nel frattempo è in corso di spoglio del domande del bando per la realizzazione dell’interporto. L’assegnazioni dei lavori è prevista per settembre, anche se tutto questo appare solo come un tentativo per mantenere i 20 milioni di finanziamento pubblico stanziati per l’opera nel 1997. Abbiamo già chiesto in più occasioni che questo stanziamento venga indirizzato verso opere utili e urgenti quali l’ammodernamento della rete ferroviaria e del trasporto su ferro locale nel suo complesso, in alternativa ad un’opera inutile che trova sempre meno sostenitori. (cfr. L’Eco di Bergamo 10.07.13: qui)

Interporto di Montello, le nostre precedenti info: QUI


(24.07.13) TREVIGLIO. GRAZIE ALLA MOBILITAZIONE SFRATTO PROROGATO AL 7 OTTOBRE.

Lo sfratto di Marilena da un appartamento delle case popolari di Treviglio è stato rimandato al 7 ottobre. La mobilitazione di stamattina (sono intervenuti l’Unione Inquilini con il segretario Fabio Cochis, diversi coinquilini e conquiline di Marilena e una delegazione del Comitato degli abitanti delle “torri” di Zingonia) ha contribuito in modo determinante a questa proroga. Chiediamo che entro quella data il Comune e l’Aler si prendano carico della famiglia di Marilena (lei di 56 anni, invalida all’80%, il suo compagno disoccupato), ricollocandola in un nuovo alloggio popolare oppure confermandola nella casa attualmente occupata. Ricordiamo che questa famiglia occupa una casa popolare ma paga regolarmente l’affitto da 8 anni, malgrado le condizioni economiche di grave disagio. Se quanto chiediamo non avverrà, ci ritroveremo per un altro presidio il 7 ottobre in via Forze Armate 5 a Treviglio.

Altre foto del presidio di stamattina: qui Sfratti, precedenti info: qui


(21.07.13) SAN PAOLO D’ARGON. APERTO IL PARCO PUBBLICO DI VIA PUCCINI

E’ stato inaugurato il 26 giugno scorso. Un avvenimento perché di questi tempi le opere pubbliche si fanno e e si inaugurano col contagocce. “Questo intervento di riqualificazione degli spazi verdi - ha spiegato il sindaco Stefano Cortinovis - ha rappresentato una bella opportunità per l’Amministrazione: quella di attivare un percorso di ascolto e confronto diretto con i residenti della zona iniziato in campagna elettorale nel 2011 e continuato nella presentazione nella bozza dei lavori del 26 maggio 2012, nel quale, confrontandoci, abbiamo avuto la possibilità di raccogliere preziosi suggerimenti e consensi per portare a compimento il progetto definitivo e provvedere alla sua realizzazione”. Dopo quello di Via dei Campi (cfr. qui) è il secondo parco dove le giostrine e i giochini per i bambini vengono collocati esattamente sotto un traliccio e i fili dell’alta tensione. (Cfr. Araberara 12.07.13: QUI)

Altre foto: qui


(20.07.13) GORLAGO. LO SCEMPIO DEL “PIANO VOLTA”

Siamo stati fra quelli che hanno cercato di opporsi, ma l’Amministrazione comunale ha tirato diritto e oggi si vede bene che cosa sta diventando l’area verde che sta appena a nord della grande stazione Enel di Gorlago! E’ stata completata la costruzione dell’edificio del centro commerciale (un altro!), quello che andrà a mettere in crisi in particolare i negozi del centro storico di Gorlago, uno dei pochi rimasto ancora vissuto e vitale fra tutti quelli dei paesi vicini. Pure confermata come definitiva e ampliata notevolmente la piazzola ecologica, collocata con precisione millimetrica a fianco delle case popolari. Insieme all’edilizia residenziale (come se non ce ne fossero già abbstanza di case vuote!) attendiamo ore di vedere la nuova area a verde pubblico attrezzato collocata - anch’essa con precisione millimetrica - sotto fili e tralicci dell’alta tensione. Nel frattempo possiamo goderci lo spettacolo degli sbancamenti colossali in corso d’opera.

Altre foto 19.07.13: qui. Foto 2010: QUI


(21.07.13) COLLI DI SAN FERMO. COMMEMORAZIONE NEL 69° ANNIVERSARIO DELLA BATTAGLIA DI SAN FERMO E MONTE TORREZZO (31.08.1944). FOTO: QUI


(25-28.07.13) CORTENUOVA. STAND DELL’UNIONE INQUILINI AI CONCERTI DI “ROCK IN BASSA”

*Tutte le sere, da giovedì 25 a domenica 28 luglio, presso il campo sportivo di Cortenuova

L’Unione Inquilini di Bergamo, invitata dagli organizzatori dell’evento musicale di Cortenuova (associazione “Libera Banda”), sarà presente con un proprio stand con libri, kebab e materiali informativi sulla lotta per il diritto alla casa e sui numerosi picchetti che sono stati promossi dal collettivo antisfratto nei mesi scorsi a Bergamo e in diverse località della provincia (cfr. qui). Parte del ricavato della festa sarà devoluto dagli organizzatori (che ringraziamo!) al sostegno della lotta contro gli sfratti. Presenti con propri stand alla manifestazione di Cortenuova anche il gruppo femminista “Sconfinate” (cfr. qui), attivo nella Bassa bergamasca, e il Comitato NO Amianto di Cortenuova (cfr. qui). Per altre info: tel. 339.7728683 (fabio)

Tutto il programma dei concerti di “Rock in Bassa”: qui


(24.07.13) TREVIGLIO. ALER SFRATTA DALLE CASE POPOLARI FAMIGLIA DI INVALIDI E DISOCCUPATI

* Treviglio, mercoledi 24 luglio, dalle ore 8.30 in Via delle Forze Armate n. 5: Presidio in solidarietà alla famiglia di Marilena D., inquilina delle case popolari che Aler vuole sfrattare.

* Alle ore 9.30: Conferenza stampa

Unione Inquilini in presidio anti-sfratto: “Il sindaco di Treviglio non sia indifferente, le famiglie povere vanno protette”

A Milano sono circa 5.200 i nuclei famigliari che abitano una casa popolare senza un regolare contratto, comunemente vengono chiamati occupanti senza titolo. In grande parte sono persone che in periodi diversi, dagli anni ‘70 ad oggi, hanno occupato per necessità, perché impossibilitati ad accedere al mercato privato degli affitti a causa della precarietà lavorativa o della disoccupazione.
A Bergamo gli occupanti per necessità si contano sulle dita di una mano, nonostante questo l’Aler ha deciso la linea dura, tentando di sgomberare con la forza famiglie, in gran parte italiane, in grave fragilità sociale.
È il caso della signora Marilena D. che vive a Treviglio (Bg) in una casa popolare gestita dall’Aler in via Forze Armate nr 5. Marilena abita questa casa dal gennaio 2006; ci era entrata per assistere il fratello affetto da una grave malattia, ma alla morte di quest’ultimo, non avendo altra soluzione abitativa, ha chiesto all’Aler di poter subentrare al contratto di affitto.
Purtroppo Marilena e il suo convivente non hanno maturato i tempi stabiliti dalla legge (Reg. Reg. 1/2004) per subentrare. La risposta dell’Aler non si è fatta attendere e ha avviato uno sfratto per occupazione senza titolo.
Però Marilena, cinquantasei anni, è invalida all’80% e non riesce a svolgere alcun lavoro. Inoltre il compagno è in mobilità perché l’azienda per cui lavorava ha chiuso a causa della crisi economica. Entrambi per le precarie condizioni di reddito e di salute non sono mai riusciti ad avere abbastanza soldi per un contratto di affitto sul mercato privato (in media a Treviglio si pagano 500-600 euro al mese per un bilocale).
Il sindacato Unione Inquilini da quasi 2 anni sta sollecitando il Comune di Treviglio e l’Aler a evitare lo sfratto, che getterebbe in strada due persone in grave fragilità, ma sopratutto a prendersi carico della famiglia, ricollocandola in un nuovo alloggio popolare oppure confermandola nella casa attualmente occupata.
Non dovrebbe essere troppo difficile, anche perché Marilena occupa una casa popolare ma paga regolarmente l’affitto da 8 anni.
Niente però ha smosso la determinazione ferrea dell’Aler di cacciare questa famiglia. Neppure il comune si è mosso a compassione per questa famiglia.
Per questo mercoledì 24 luglio, a partire dalle ore 9, l’ufficiale giudiziario si recherà presso l’alloggio di Marilena e con l’ausilio della polizia tenterà di cacciare la famiglia da casa.“Il sindacato non lascerà sola la famiglia di Marilena”, sostiene Fabio Cochis del’Unione Inquilini. “Mercoledi 24 luglio, per tutta la mattinata, organizzeremo un presidio a Treviglio (bg), in via Forze Armate nr. 5″.
“Ci saremo per dire che l’Aler dovrebbe gestire le case popolari prendendosi cura e sostenendo gli inquilini in difficoltà economica e non agendo come una agenzia immobiliare privata attenta solo ai suoi interessi”.
“Noi chiediamo in particolare che il sindaco Giuseppe Pezzoni si prenda le sue responsabilità; la famiglia va ricollocata in un alloggio popolare oppure confermata nella casa attualmente abitata”.
(Unione Inquilini Bergamo, 20.07.13)

Per info: tel. 339.7728683 (fabio)

Sfratti, precedenti info: qui


(19-28.07.13) CASTRO (bg). FESTA IN ROSSO  SEBINO-VALLECAMONICA 2013

La festa - a cura dei circoli di Rifondazione Comunista dell’Alto Sebino e della Valcamonica - si svolge nell’area feste del Lungolago di Castro, TUTTE LE SERE da venerdì 19 a domenica 28 luglio.

Tutte le sere eventi di approfondimento e di musica in collaborazione con il Circolo Arci Kalakuta e con la partecipazione di associazioni quali Libera, Emergency, I Ribelli della Montagna, il Sindacato Precari della CGIL e l’Associazione di Amicizia Italia-Cuba. Ogni sera inoltre vi sarà il ristorante tipico con apertura a partire dalle ore 19.00. Di seguito solo alcuni degli eventi proposti:

Venerdi 19 luglio: QUARTETTO JAZZ KAMAL + MESKAL

Lunedi  22 luglio: TORNEO DI BILIARDINO

Martedi 23 luglio: SERATA CONTRO LE MAFIE E PER LA LEGALITA’ - a cura di LIBERA musica con i “FO DE FOLK”

Mercoledi 24 luglio: SERATA “ORA E SEMPRE RESISTENZA” con i FRATELLI SANA e i RIBELLI  DELLA MONTAGNA

Giovedi 25 luglio: Paella su prenotazione (tel.368/7441048 oppure 347/0197596), musica con il gruppo ANGEL GALZERANO QUARTET e cocktail cubani

Venerdi 26 luglio: serata per STEFANO FONTANA premiazione concorso letterario“ZEROAZERO” e concerto “THE NONNON”

Domenica 28 luglio: COMIZIO di DINO GRECO direttore di “LIBERAZIONE”

OGNI SABATO E DOMENICA SERATE DANZANTI DI BALLO LISCIO ED OGNI SERA PROIEZIONE VIDEO DI CONTROINFORMAZIONE.


Pagina successiva »