(26.02.13) SAN PAOLO D’ARGON. … E COME SONO ANDATE DA NOI LE ELEZIONI REGIONALI 2013

Oggi pomeriggio c’è stato anche nel nostro comune lo spoglio delle elezioni regionali. Come ormai si può sapere anche se i risultati regionali non sono ancora completi, lo schieramento che fa riferimento all’ex-ministro degli interni Roberto Maroni, candidato presidente per Lega e Pdl, si è aggiudicato il governo regionale avvicendandosi così al precedente personale politico di Formigoni-Lega falcidiato dalle inchieste e costretto a gettare la spugna. Ci sarà quindi una maggioranza con gli stessi partiti di prima, che governeranno con puntigliosa continuità sulla base di linee già tracciate in profondità. Anche i cittadini del nostro comune hanno espresso in maggioranza la loro preferenza verso Maroni e i partiti che lo sostengono, anche se il consenso – rispetto alle precedenti elezioni del 2010 – è calato in modo discreto, dal 73% al 57%, con 16 sampoelesi su cento che ne non hanno più avuto lo stomaco. Tuttavia a San Paolo d’Argon Maroni totalizza un risultato di 8 punti (circa) superiori a quello della media provinciale e di circa 18 punti al di sopra della media regionale.
Si conferma, cioè, anche a San Paolo d’Argon come ancora particolarmente solida l’egemonia politico-culturale del blocco mafioso-razzista della destra lombarda, la cui strategia per uscire dalla crisi si basa, da una parte, sull’evasione fiscale, il lavoro nero e su tutto ciò che ne consegue sul piano dei rapporti economico-politico-sociali, e, dall’altra sul dare addosso agli immigrati. E’ l’esatto opposto - notiamo a margine - di quello che sta facendo la Germania, l’unico Paese europeo che finora è stato toccato solo marginalmente dalla crisi.


Sulle elezioni regionali 2010, cfr l’articolo di qualche giorno fa: qui

Elezioniregionali 2013. Le nostre precedenti info: qui