(21.09.12) MALGA LUNGA (SOVERE). IL MUSEO-RIFUGIO DELLA RESISTENZA SARA’ INAUGURATO IL 17 NOVEMBRE PROSSIMO

Dopo i lavori di ristrutturazione, che hanno consentito di adeguare l’edificio e di dotarlo di nuovi spazi per il museo storico, è stata scelta la data del 17 novembre per l’inaugurazione. In quel giorno del 1944 alla Malga Lunga i fascisti della famigerata Tagliamento riuscirono ad accerchiare e catturare la squadra guidata da Giorgio Paglia e composta da altri sei partigiani della 53a Brigata Garibaldi. Due partigiani vennero fucilati subito dopo, mentre gli altri, tra cui Paglia, vennero fucilati nel giorni successivi al cimitero di Costa Volpino. “Il prossimo sabato 17 novembre alla Malga Lunga - spiega Andrea Brighenti, presidente dell’Anpi di Endine Gaiano - sarà un momento importante per ricordare tutti i partigiani che si sono sacrificati per liberazione del nostro Paese. Nello stesso tempo apriremo ufficialmente il nuovo museo”. La Malga e il museo sono cumunque già aperti: fino al 30 settembre tutti i giorni a cura della sez. Anpi di Alzano Lombardo (tel. 347.4763335) e dal 1 ottobre dell’Anpi di Scanzo solo sabato domenica e festivi (tel.347.4803713). Cfr. anche il sito delle Malga Lunga: qui

L’eco di Bergamo 20.09.12: qui. Le nostre precedenti info: qui


(21.09.12) SAN PAOLO D’ARGON. FIRMA LA PROPOSTA DI LEGGE PER IL “REDDITO  MINIMO GARANTITO PER TUTTE E TUTTI”!

* Da lunedì 24 settembre, si può firmare in Municipio, Uffici demografici, negli orari d’apertura, entro il 20 novembre. Presentarsi con un documento di riconoscimento

L’Italia insieme alla Grecia, a differenza di tutti gli altri Paesi Ue, non prevede nei propri ordinamenti una qualche forma di reddito minimo garantito; per questo diverse associazioni e alcune forze politiche si sono fatte promotrici di un disegno di legge di iniziativa popolare per istituire anche in Italia il “reddito minimo garantito per tutte e tutti”. La campagna è già partita, ed anche noi invitiamo i nostri concittadini a sottoscrivere il disegno di legge, per la quale si devono raccogliere almeno 50.000 firme - debitamente autenticate e certificate - entro la metà di novembre. Di seguito una breve scheda del Ddl.

Scheda. DDL per l’istituzione sul territorio nazionale del Reddito Minimo Garantito
Finalità: il reddito minimo garantito ha lo scopo di contrastare il rischio marginalità, garantire la dignità della persona e favorire la cittadinanza attraverso un sostegno economico
A chi: beneficiari del reddito minimo garantito sono tutti gli individui (inoccupati, disoccupati, precariamente occupati) che non superino i 7200 euro annui. Devono essere residenti sul territorio nazionale da almeno 24 mesi; devono essere iscritti presso le liste di collocamento dei Centri per l’impiego;
Quanto: l’ammontare individuale del beneficio del reddito minimo garantito è di 7200 euro annui, pari a 600 euro mensili; tale misura deve essere rivalutata in base al numero dei componenti del nucleo familiare.
Altre misure: al beneficio economico diretto del reddito minimo garantito possono concorrere anche le Regioni e gli enti locali attraverso l’erogazione del “reddito indiretto” ovvero favorire prestazioni di beni e servizi.
Sospensione e decadenza: Vi sarà la sospensione o la decadenza del reddito minimo garantito quando il beneficiario dichiari il falso al momento della richiesta; venga assunto con contratto di lavoro a tempo indeterminato; partecipi a percorsi di inserimento lavorativo retribuiti; al compimento dei 65 anni di età; quando il beneficiario rifiuti una proposta congrua di impiego dopo il riconoscimento delle sue competenze formali ed informali.
Tale disegno di legge inoltre delega il Governo a: definire una riforma degli ammortizzatori sociali in modo da introdurre un sussidio unico di disoccupazione esteso a tutte le categorie di lavoratori a prescindere dall’anzianità contributiva o dalla tipologia contrattuale; a riordinare le spese delle prestazioni assistenziali in modo da renderle coerenti con l’istituzione del reddito minimo garantito; a stabilire un compenso orario minimo.

* Anche a San Paolo d’Argon è possibile firmare la proposta di legge in Municipio (negli orari di apertura al pubblico). Sarà possibile firmare per il “reddito minimo garantito” anche ai banchetti che il gruppo “L’Alternativa-San Paolo d’Argon” promuoverà per la campagna referendaria dedicata all’Articolo 18. Per altre info e comunicazioni: “L’Alternativa - San Paolo d’Argon”, tel. 338.9759975 (maurizio)

Per il testo integrale del DDL e altre info sulla proposta di legge di “Reddito Minimo Garantito”, cfr. il sito nazionale: qui