(26.07.12) ALTERNAINSIEME.NET CI HANNO FREGATO L’INDIRIZZO MAIL E HANNO CHIESTO SOLDI A NOME DI MAURIZIO!!!

Purtroppo qualcuno c’è cascato; cancellati pure tutti gli indirizzi della rubrica e gli archivi delle mail inviate e ricevute

E’ successo stamattina: una mail-pirata, con modalità certamente non nuove, ma questa volta con mittente alternainsieme@yahoo.it raccontava che Maurizio si trovava a Londra, che era stato derubato della valigia e che chiedeva soldi (1300 euro) per pagare i conti e tornare a casa. La mail truffaldina diceva anche che gli erano stati rubati non gli “effetti” personali (cosa che in qualche occasione ci è già capitata) bensì gli “affetti” personali, che - essendo per tutti noi tenacissimi e radicati - nessuno ha mai potuto rubarci né ci ruberà mai. Maurizio stamattina era a Bergamo in ospedale ricoverato per degli esami e pertanto non è riuscito ad avvisare dell’imbroglio tempestivamente avendo cellulare e pc spenti. Per di più tutti gli indirizzi mail della rubrica erano stati cancellati. Naturalmente faremo denuncia alle autorità competenti, ma purtroppo almeno una persona c’è cascata… cazzo! Ignorate pertanto la mail con mittente alternainsieme@yahoo.it che ti chiede di inviare soldi a Londra. Chiediamo inoltre alle compagne e ai compagni, a tutti i nostri amici e conoscenti interessati alle nostre info di farci avere di nuovo i loro indirizzi mail inviandoli a sisalvichipuote@virgilio.it, per permetterci così di ricostruire la mailing-list. Il mondo è veramente cattivo di questi tempi, e il governo più ladro che mai.


(21.07.12) VALSUSA. ANOTHER BRICK IN THE WALL

(21.07.12) TRESCORE BALNEARIO. TRASFERIMENTO DELLA TRIUMPH A SEGRATE: IL 23 LUGLIO UN’ORA DI SCIOPERO E ASSEMBLEA DEI DIPENDENTI

Per lunedì 23 luglio è stata indetta un’ora di sciopero perché la direzione non vuole incontrare le organizzazioni sindacali per discutere del trasferimento dell’azienda a Segrate, 60 km da Trescore (cfr. la nostra precedente info del 30.06.12: qui). I sindacati Filctem-Cgil e Femca-Cisl ritengono “unilaterale” la scelta dell’azienda, che riguarda un cinquantina di dipendenti, quelli che restano dopo i tagli occupazionali effettuatri nel 2004 e nel 2010 dalla multinazionale dell’abbigliamento intimo; scelta che “porta conseguenze importanti sia sul piano della conciliazione tra vita lavorativa e personale sia sul piano economico e retributivo”. Lo sciopero di lunedì - secondo le organizzazioni sindacali - “vuole esssere solo un primo segnale all’azienda di mancanza di condivisione delle modalità con cui intende procedere nella gestione del trasferimento” (cfr. L’Eco di Bergamo 21.07.12). Secondo un comunicato firmato lavoratrici cobas Triumph-Trescore, dietro il trasferimento si nasconde “l’intenzione di liberarsi del personale più ‘datato’, per lo più residente nelle vicinanze della attuale sede”. “Pur consapevoli che, con lo spostamento, le nostre giornate lavorative si allungheranno come minimo di 4 ore, abbiamo deciso di seguire l’azienda chiedendo però che questa si impegni a coprire le spese di vitto e trasporto che altrimenti si mangerebbero 2 dei nostri stipendi ogni anno”. “Ovviamente - continua il comunicato cobas - la risposta dell’azienda è stata ‘No, non ci sono soldi’, che però magicamente sono apparsi quando si è cercato di convincere le lavoratrici/mamme a ritornarsene a casa”. Cfr. anche Giornale di Bergamo 21.07.12 Qui

Triumph a Trescore, le nostre precedenti info: qui


(13.07.12) L’ALTERNATIVA-SAN PAOLO D’ARGON “NO IMU. BASTA TASSE SUI POVERI. PER UNA PATRIMONIALE SUI RICCHI”

In Italia il 10% più ricco della popolazione ha il 45% della ricchezza, ma non paga il 45% delle tasse. Lavoratori e pensionati pagano l’82% dell’IRPEF e gran parte dell’IVA. Inoltre l’evasione ogni anno è pari a 130 miliardi. Il Governo Berlusconi-Bossi, dopo aver cancellato L’ICI, con il federalismo fiscale, ha introdotto l’IMU, che prevedeva il ritorno della tassa sulla casa. Tassa subito attivata dal governo Monti: ovvero il governo delle banche e della finanza sostenuto da Berlusconi – Casini – Bersani. Monti nella recente manovra finanziaria l’ha subito portata a valere più del doppio della vecchia ICI.
La nuova imposta è “municipale” solo nel nome, perché – nonostante gli aumenti rispetto alla vecchia ICI – non porterà risorse aggiuntive nel bilancio dei comuni, anzi i comuni, tenuto conto dei tagli alle risorse, avranno nel loro bilancio solo il 73% del gettito della vecchia ICI, nonostante il prelievo immobiliare ammonti ad oltre il doppio (più 133% rispetto all’ICI 2011).
Con l’introduzione dell’IMU, invece, il governo Monti ha deciso di introdurre una sorta di “patrimoniale dei poveri”, una misura davvero odiosa. La nuova IMU sugli immobili si configura di fatto come una tassa iniqua che colpisce i lavoratori, i pensionati e i ceti più deboli.
L’IMU servirà per rimettere in sesto i conti dello Stato e soddisfare gli interessi degli speculatori finanziari, i veri responsabili della crisi che stiamo vivendo. Anziché tassare i grandi patrimoni e le banche, Monti tassa un bene che per tanti cittadini rappresenta un diritto conquistato con grandi sforzi e sacrifici. Infatti il governo si è guardato bene dal varare la patrimoniale, ha confermato l’acquisto di decine di inutili cacciabombardieri F-35 e ha esonerato dal pagamento dell’IMU le fondazioni bancarie.
L’IMU avvantaggia i redditi alti, infatti la nuova imposta assorbe l’Irpef sugli immobili. Così piccoli e grandi proprietari pagano la stessa aliquota senza tenere conto della progressività delle imposte.
Chiediamo pertanto di di abolire l’IMU e di sostituirla con una tassa patrimoniale sulle grandi ricchezze. Tassando i patrimoni a partire dagli 800.000 euro è possibile ottenere un gettito di oltre 20 miliardi, ben al di sopra di quello derivante dall’IMU. In questo modo oltre che una misura di giustizia sociale al posto di una iniquità, vi sarebbero le risorse per ridurre le tasse per lavoratori e pensionati.
E’ ora di cambiare, paghi chi non ha mai pagato!
* No all’IMU sulle prime case non di lusso. Si invece alla patrimoniale sui ricchi.
* Chiediamo che le amministrazioni comunali si impegnino a aprire una vertenza con il governo e coi partiti che lo sostengono affinché sia abolita l’IMU e sostituita con nuove rimesse statali finanziate con misure che colpiscano la grande ricchezza e i grandi patrimoni.
* Chiediamo che l’IMU sulle seconde case sia articolato su diversi livelli impositivi per non trattare chi ha una seconda casa alla stregua di chi ne possiede decine.

L’Alternativa-San Paolo d’Argon, “Notiziario”-luglio 2012: QUI


(18.07 - 29.07.12) SERIATE 18a FESTA IN ROSSO

TUTTE LE SERE DA MERCOLEDI’ 18 LUGLIO A DOMENICA 29 LUGLIO 2012

Allo spazio feste presso parcheggio ex-Ismes (via Pastrengo) Seriate - zona Cassinone

A cura Circolo “A. Polini” Prc/Fds - Seriate - Locandina: qui

SABATO 28 LUGLIO:


ORE 17.00 - 19.30 - SPAZIO BARBUDOS - SPAZIO GIOCHI PER BAMBINI


PALCO CENTRALE - BATTICUORE (ballo liscio)


ORE 20.45 - SPAZIO BARBUDOS - DIBATTITO: Presentazione del libro: “Sulla pelle viva. Nardò: la lotta autorganizzata dei braccianti agricoli”

DOMENICA 29 LUGLIO:


PALCO CENTRALE - NON SOLO LISCIO
A seguire dal palco centrale intervento di: DINO GRECO - direttore di Liberazione (quotidiano comunista)


ORE 22.00 - SPAZIO BARBUDOS - DEGUSTAZIONE BIRRE ARTIGIANALI

Leggi tutto…


(20-29.07.12) CASTRO FESTA IN ROSSO SEBINO-VALLECAMONICA 2012

La festa - a cura dei circoli della Federazione della Sinistra del Sebino e della Valcamonica - si svolge nell’area feste del Lungolago di Castro, da venerdì 20 a domenica 29 luglio.

Locandina con il programma completo: QUI

[Alcune foto delle passate edizioni della festa: qui]

Leggi tutto…


(19.07.12) CASAZZA. CHIUDE STORICA INDUSTRIA DEI FUNGHI. 43 LAVORATORI A CASA

Fu la prima in Italia dal 1963 a fare i funghi coltivati, la Iam, cioè Italian American Mushrooms di Casazza. Dal 16 luglio ha chiuso i battenti perché non è più in grado di reggere la concorrenza con i Paesi dell’Est, perchè il suo piano di ristrutturazione è stato bocciato dalle banche e perché… il Comune di Casazza la costringeva ad un sosta estiva perchè faceva troppa puzza. Continuano invece le attività della branca commerciale del gruppo, con 13 dipendenti. Nessun problema, si fa per dire, a lasciare a casa i 43 lavoratori, perché tanto sono “in gran parte extracomunitari, tutti avventizi a tempo determinato con contratto agricolo (lavorano a giornate)”. Così va il mondo, e ciò fa incazzare. (cfr. L’Eco di Bergamo 19.07.12: qui)



AUGURI A TUTTI/E GLI/LE AMICI/CHE CHE LO FANNO!

BORGO DI TERZO-SAN PAOLO D’ARGON SPORTELLO SOCIALE AUTOGESTITO: per consulenza assistenza sui temi della casa, lotta agli sfratti, lavoro, immigrazione, scuola, nonché per incontrarci e confrontarci sui temi della crisi e del “debito”.

* A BORGO DI TERZO, c/o sede Rifondazione Comunista-Valcavallina (via Rivolta 1, scalinata davanti alla farmacia), il 1° e il 3° martedì di ogni mese, ore 18.30 - 20.00 (prossimo incontro: martedì 4 settembre 2012).

* A SAN PAOLO D’ARGON, c/o ingresso auditorium comunale (sotto il municipio), via Medaglie d’Oro 2, il 2° e il 4° lunedì di ogni mese, dalle ore 19.00 alle ore 20.00 (prossimo incontro: lunedì 23 luglio 2012)

* PROSSIME MOBILITAZIONI ANTI-SFRATTO:

  • martedì 17 luglio, dalle ore 8.30 a Clusone, via Sant’Alessandro n. 40 [la mobilitazione è stata annullata: cfr. Alternainsieme 14.07.12: qui]
  • martedì 17 luglio, dalle ore 8,30 a Torre de’ Roveri, via Brugali n. 34.[L'esecuzione dello sfratto è stata rimandata al 10 settembre. Nel frattempo siamo impegati a costruire - nel confronto con il comune - una soluzione alternativa]

A cura Unione Inquilini Bergamo in collaborazione con “Sportello sociale - Media Valcavallina” e “L’Alternativa-San Paolo d’Argon”. Per info: Tel. 340.3795068 (Myrna), 349.8782624 (Tiziano), 338.7268790 (Luca) - mail: alternainsieme@yahoo.it Volantino da diffondere: italiano - francese/inglese

* Campagna dell’Unione Inquilini contro l’affitto in nero: vedi locandina


(18.07.12) MONTELLO. GIOVANE OPERAIO PERDE LA MANO IN INCIDENTE SUL LAVORO. UN’ORA DI SCIOPERO ALLA FILARTEX GIOVEDI’ 19 LUGLIO

E’ successo martedì pomeriggio alle 15.30 nella ditta tessile Filartex, in via Maffeis, a Montello. Il ferito è D. G., un operaio ventunenne di Palazzolo sull’Oglio (Brescia) che ha perso una mano, rimasta incastrata accidentalmente nel macchinario con cui stava lavorando. Il giovane è rimasto intrappolato per circa un’ora. Subito dopo è scattata la corsa d’urgenza in ambulanza verso gli Ospedali Riuniti di Bergamo. Vista l’impossibilità di riattaccare l’arto, completamente schiacciato, il giovane è stato trasferito alla «Multimedica» di Sesto San Giovanni (Milano) dove c’è un reparto specializzato in Chirurgia della mano, in vista di una futura protesi. D. G. stava lavorando con un caricatore, un macchinario di preparazione alla filatura del cotone. (da L’Eco di Bergamo, 18.07.12: web - cartaceo)

(18.07.12) PROCLAMATA UN’ORA DI SCIOPERO ALLA FILARTEX PER GIOVEDI’ 19. «La mobilitazione organizzata mentre la quasi totalità delle lavoratrici e dei lavoratori è posta in cassa integrazione, vuole essere comunque un segnale di forte e partecipata solidarietà nei confronti del collega e della famiglia - dicono i rappresentanti di Filctem-Cgil, Femca-Cisl e Uilta-Uil di Bergamo e Brescia -. Chiediamo che nell’incontro con l’azienda già fissato per altri motivi il 25 luglio, venga messo all’ordine del giorno la discussione sull’infortunio». «Intanto, resta ferma la posizione della Rsu e delle organizzazioni sindacali, espressa più volte anche a livello territoriale, sulla necessità di garantire anche e soprattutto in questo periodo di pesante crisi economica l’applicazione delle norme vigenti in materia di salute e sicurezza». Cfr. L’Eco di Bergamo 18.07.12: qui


Pagina successiva »