(07.01.12) PALOSCO-SFRATTI IN CHE MANI SIAMO? IL SINDACO BUTTA LA GENTE IN STRADA MALGRADO IL COMUNE ABBIA UN SACCO DI CASE VUOTE A DISPOSIZIONE

* Un documento del Prc della Valcalepio per informare la cittadinanza di Palosco sullo sfratto di Rita e per denunciare la responsabilità dell’Amministrazione comunale

“Il 10 gennaio 2012 diventa esecutiva la sentenza di sfratto per morosità nei confronti della signora Rita Obizzo, locataria di un appartamento comunale in via Aldo Moro. Lo esige inderogabilmente l’amministrazione comunale di Palosco, anche se nel frattempo la signora Obizzo – al prezzo di grandi sacrifici personali – è riuscita a pagare tutti gli arretrati per l’affitto dovuti al Comune.

Nei mesi precedenti l’unica proposta pervenuta dall’amministrazione comunale è stata quella di entrare in un altro appartamento, che però richiedeva un ingente intervento di risanamento, per il quale l’inquilina non aveva la benché minima disponibilità finanziaria.

Nei giorni scorsi, grazie alla dilazione dei tempi dello sfratto ottenuta a seguito della mobilitazione di un gruppo di giovani, del sindacato Unione Inquilini e del nostro partito, la signora Obizzo ha anche potuto presentare una domanda per accedere ad uno degli appartamenti a disposizione del Pio Legato Narcisi, ma la Fondazione ha risposto che prenderà in considerazione la sua domanda solo nei prossimi mesi.

Non avendo la possibilità di accedere al mercato privato della casa, l’inquilina in vista dello sfratto di martedì 10 gennaio, ha già provveduto a lasciare l’appartamento di via Aldo Moro per una sistemazione assolutamente precaria.

E’ questa una delle tante drammatiche vicende di sfratto per morosità che in bergamasca stanno coinvolgendo più di 1500 famiglie perché colpite direttamente dalla crisi economica.

Ma nella vicenda di Palosco ci troviamo di fronte ad una particolare situazione di ingiustizia della quale vogliamo informare più dettagliatamente i cittadini”. (continua oltre)

Palosco, le nostre precedenti info: qui

Leggi tutto…


(07.01.12) TRESCORE BALNEARIO QUALCHE NOTIZIA IN PIU’ SUL PARLAMENTARE PD CHE HA CENSURATO LA GITA IN VAL DI SUSA DEGLI STUDENTI DEL NOSTRO LICEO

La potete trovare nel sito Notav.info di qualche giorno fa, a cui senz’altro rimandiamo: cfr. QUI

No Tav, le nostre precedenti info: qui