(29.08.11) VALCAVALLINA INCONTRIAMOCI PER DISCUTERE DELLA MANOVRA E PROMUOVERE LA  PARTECIPAZIONE ALLO SCIOPERO GENERALE

Lunedì 29 agosto, alle ore 21, ci incontriamo presso la sede del Prc/Fds della Valcavallina (Borgo di Terzo, via Rivolta 1, cioè scalinata di fronte alla farmacia di via Nazionale) per discutere della manovra e delle iniziative di sensibilizzazione e di sostegno allo sciopero generale del 6 settembre nella nostra zona. Tutte le interessate e tutti gli interessati sono invitati a partecipare e a portare il loro contributo. Per comunicazioni c/o Maurizio tel. 338.9759975.

Manovra economica 2011, tutte le nostre info: qui



(24.08.11) MANOVRA. ANCHE USB, SLAICOBAS E ALTRI SINDACATI DI BASE INDICONO LO SCIOPERO PER IL 6 SETTEMBRE

Usb, Slaicobas,ORSA, Cib-Unicobas, Snater, SICobas e USI, in una loro dichiarazione congiunta diffusa questa sera, ritengono “indispensabile una forte risposta dei lavoratori alle manovre di luglio e di agosto del governo. In questo senso si indice lo sciopero generale di 8 ore per il giorno 6 settembre 2011, quale primo momento di una mobilitazione che non si esaurisce chiaramente con questa azione di lotta (…). La concomitanza dello sciopero con quello indetto anche dalla Cgil non deve essere interpretato come una condivisione delle motivazioni proposte da questa confederazione dalla quale ci divide nettamente anche la firma dell’accordo del 28 giugno scorso. Il 6 settembre le scriventi confederazioni e organizzazioni sindacali manifesteranno quindi in molte città italiane su piazze diverse da quelle della Cgil. Oltre allo sciopero generale si condivide sin da ora la necessità di individuare e praticare una serie di iniziative a livello nazionale e territoriale ed una mobilitazione incisiva e di lunga durata cominciare dal 6 settembre e dall’Assemblea nazionale del 10 settembre indetta a Roma”. (il comunicato integrale 24.08.11, cfr. QUI)



(24.08.11) SAN PAOLO D’ARGON ANCHE IL NOSTRO COMUNE NELL’UNIONE DEI COMUNI DELLA VALCAVALLINA?

Della nuova Unione in costruzione - stando a quanto scrive oggi L’Eco di Bergamo - sono stati chiamati a far parte non solo i 14 comuni che fanno capo al Consorzio Servizi Valcavallina (Berzo, Bianzano, Borgo di Terzo, Casazza, Endine, Entratico, Gaverina, Grone, Luzzana, Monasterolo, Spinone, Vigano e Zandobbio), ma anche i sei che si avvalgono del Consorzio, e cioè Carobbio, Cenate Sotto, Gorlago, San Paolo d’Argon e Trescore. Ne verrebbe la più grande Unione dei Comuni in Italia, con 53.000 abitanti e 20 comuni, tanti come quella dell’Alta Marmilla in Sardegna, che però ha solo ventimila abitanti. “La proposta - dichiara Edoardo Cambianica, presidente del Consorzio, che ha incontrato sindaci, vicesindaci e assessori dei comuni a cui ha consegnato la prima bozza dello statuto della nuova Unione - è di farla partire entro la fine dell’anno”. Ma Cambianica taglia subito corto: “Se non ci sarà il consenso unanime di tutti, l’Unione verrà comunque costituita: abbiamo il sostegno di realtà grandi come Trescore, Casazza e Endine, e di quasi tutti gli altri comuni più piccoli”. Che cosa farà San Paolo d’Argon, comune che aderisce tanto al Consorzio della Valcavallina quanto a quello dei Colli, per quanto riguarda la polizia locale? La nuova Amministrazione comunale - che ha approvato recentemente le proprie linee programmatiche di mandato - non ci risulta che della nuova Unione, di cui è chiamata a far parte, abbia fatto ancora parola o che intenda coinvolgere la cittadinanza e le forze politiche su cosa sia più conveniente fare.

L’Eco di Bergamo 24.08.11: 1 - 2