(30.11.10) BERZO SAN FERMO QUATTRO PAROLE CHIARE AL FASCISTELLO COMPAESANO

Le ha messe per iscritto un operaio di “circa 60 anni”, che tra le altre considerazioni indirizzate a un simpatizzante di F.N. (o porcherie simili), così si esprime: “Caro amico, credo che tu non sappia bene che cosa significhi fascismo, cosa è successo e cosa ha lasciato (anche nel nostro paese), credo che tu non sappia bene che cosa significhi la parola Libertà. Ti do un piccolo consiglio, prima di parlare di razzismo (è incluso nella parola fascismo). Guarda al passato a circa 20 anni fa quando hai chiuso la fabbrica in Italia e sei andato in Romania a sfruttare i rumeni, certo, là la manodopera costava meno, sono stati sfruttati per decenni e ti hanno fatto diventare ricco!”

Cfr. la lettera completa in Araberara 19.11.10: qui


MARIO MONICELLI (Viareggio 15 maggio 1915 - Roma 29 novembre 2010)

 

 

(30.11.10) BERGAMO LA MOBILITAZIONE STUDENTESCA DI QUESTA MATTINA Oggi noi studenti medi siamo scesi in piazza per protestare contro la riforma gelmini ed unirci alle  lotte nazionali contro i tagli all’istruzione pubblica. Siamo scesi in corteo dalla stazione ferroviaria a porta nuova, dove si è svolto un presidio. Nel frattempo un gruppo di studenti  si è diretto verso I.S.I.S. NATTA  e ne ha occupato il tetto. Il corteo si è quindi diretto verso l’istituto per portare solidarietà agli studenti in occupazione e per svolgere un’assemblea pubblica nel cortile dell’istituto. In questa assemblea  sono stati discussi i punti principali della riforma e le conseguenze dei tagli sentite dagli studenti delle varie scuole della provincia. Questa è durata fino a quando gli occupanti non sono scesi dal tetto al termine della giornata scolastica. Gli studenti sono stati identificati, ma la scuola non ha intenzione di sporgere denuncia. La protesta non è finita; continueremo a ribellarci e protestare per una scuola pubblica e di qualità. (comunicato Movimento Studentesco Bergamo 30.11.10)

Porta Sant’Agostino bloccata dagli universitari (cfr. Bergamonews 30.11.10: qui)

Leggi tutto…


(03.12.10) ENDINE GAIANO PRIMO CONGRESSO DELLA SEZIONE ANPI “In questo periodo di grave crisi politica, economica e morale è necessaria una forte e condivisa presa di posizione. L’unità antifascista è stata protagonista vittoriosa della Resistenza e per la conquista della Costituzione, della Repubblica e della democrazia. Può e deve essere ancora oggi per tutti i democratici, per le nuove generazioni, un esemplare stimolo per dare coraggio, fiducia a scendere in campo con una rinnovata e ampia unità al fine di salvaguardare e attuare la Costituzione. Per questo fondamentale obiettivo, è l’ora di una GRANDE ALLEANZA tra l’ANPI, l’associazionismo antifascista, le confederazioni sindacali e il vasto campo dell’associazionismo democratico italiano!” (dall’invito della Sezione Anpi di Endine g.).

Il Congresso si terrà venerdì 3 dicembre, ore 20.00 presso il Municipio di Endine Gaiano. Documento politico nazionale: qui; Programma del congresso e schede: qui


(30.11.10) TRESCORE BALNEARIO LA PROVINCIA “TAGLIA” LA SCUOLA SUPERIORE

Per fare la variante di Zogno in Valbrembana l’Amministrazione Provinciale (Lega-Pdl) ha apportato una barca di tagli agli investimenti per la viabilità in altre Valli e soprattutto ha tagliato quelli per varie scuole della provincia. Così gli investimenti previsti per il riassetto funzionale degli edifici dell’Istituto Superiore (Isis) di Trescore e per il nuovo edificio da costruire per ampliare quello esistente passano da 4.300.000 euro a 0 (zero). Attualmente le scuole superiori di Trescore devono prendere in affitto dalla parrocchia, dall’oratorio e dai comuni  gli spazi per poter svolgere l’attività didattica. Bergamonews 30.11.10: qui